EEB: “Il nuovo pacchetto di economia circolare è destinato a cambiare le regole del gioco”

L'Ufficio europeo dell'ambiente commenta favorevolmente le iniziative proposte dalla Commissione europea per accelerare la transizione verso un'economia circolare a partire dalla sostenibilità dei prodotti, in particolare il tessile, ma avverte “Mancano ancora i mezzi per applicare la norma”

347
Foto di Alterio Felines da Pixabay

La Commissione europea ha pubblicato mercoledì 30 marzo una serie di iniziative per accelerare la transizione verso un’economia circolare. L’Ufficio europeo dell’ambiente (EEB) ha accolto favorevolmente il pacchetto come un potenziale punto di svolta, ma ha sottolineato la necessità di un’azione rapida per ridurre le nostre emissioni e l’uso delle risorse, rispettando nel contempo i confini del pianeta e i diritti umani.

Stéphane Arditi, Direttore dell’integrazione delle politiche e dell’economia circolare presso l’EEB, ha dichiarato: “Questo pacchetto potrebbe aiutare a guidare le tanto necessarie trasformazioni del mercato e dell’industria per ottenere un’economia efficiente sotto il profilo delle risorse, sostenibile ed equa, ma mancano ancora i mezzi per rendere veramente sostenibili le scelte dei prodotti”.

Il pacchetto è composto da:

Un’iniziativa sui prodotti sostenibili volta a rafforzare la circolarità dei prodotti sul mercato dell’UE, compresa una riforma delle leggi sulla progettazione ecocompatibile

• Una strategia per tessili sostenibili e circolari

• Una proposta per la revisione del Regolamento Prodotti da Costruzione (CPR)

Nuove regole per rafforzare il potere dei consumatori.

Prodotti sostenibili ed Ecodesign

La comunicazione sui prodotti sostenibili espone una serie di misure mirate alla sostenibilità dei prodotti venduti sul mercato dell’UE e la Commissione ha ribadito la sua ambizione di fare dei prodotti sostenibili la norma.

Il pacchetto include anche una proposta legislativa per liberare il potenziale dell’ecodesign, estendendone il campo di applicazione praticamente a tutti i prodotti immessi sul mercato e aprendo la porta a nuove misure innovative come l’impronta di carbonio e ambientale dei prodotti, lo sviluppo di un passaporto del prodotto digitale e considerazioni sull’impatto oltre i confini dell’UE.

Tuttavia, il nuovo regolamento produrrà risultati solo attraverso gli atti delegati stabiliti per specifici gruppi di prodotti. Ci vorrà tempo per stabilirli, in particolare poiché la Commissione prevede un aumento limitato del personale che lavora sulla politica dei prodotti. Le opportunità per ottenere risultati fin dall’inizio, come il divieto immediato di distruzione delle merci invendute, non sono state colte. Inoltre, la proposta non affronta e divulga gli aspetti sociali e di due diligence all’interno del Product Passport.

Jean-Pierre Schweitzer, responsabile delle politiche per i prodotti e l’economia circolare presso l’EEB, ha dichiarato: “L’applicazione dell’ecodesign a un insieme più ampio di prodotti farà risparmiare emissioni e risorse in Europa e aumenterà la nostra resilienza, ma siamo ancora molto lontani dall’essere queste misure mettere in pratica.”

Tessili sostenibili

La “Strategia tessile” definisce i piani della Commissione europea per nuove politiche per portare maggiore sostenibilità in uno dei settori più inquinanti, dispendiosi e sfruttatori del mondo.

L’EEB accoglie con favore i piani chiari per regole vincolanti sulla progettazione dei prodotti, obiettivi per prodotti tessili più riutilizzati e per un maggiore peso sui produttori per sostenere i costi di fine vita dei rifiuti tessili. Tuttavia, l’EEB invita i responsabili politici a garantire una forte partecipazione della società civile allo sviluppo delle iniziative annunciate nella strategia e a rafforzare le misure che affrontano le violazioni dei diritti umani nelle catene di approvvigionamento, un chiaro punto cieco nel testo di oggi.

Emily Macintosh, Policy Officer for Textiles presso l’EEB, ha dichiarato: “Non si può fare il fast fashion ecologico. Oggi la Commissione Europea ha indicato la sovrapproduzione come il problema richiamando il numero di collezioni che i marchi emettono ogni anno. Ora dobbiamo garantire che le azioni previste in questa strategia si traducano in una reale responsabilità industriale per tutte le aziende, indipendentemente dalle dimensioni, e che non ci siano clausole di uscita quando si tratta di distruzione delle merci e di equità per i lavoratori”.

Prodotti da costruzione

Nonostante i maggiori progressi in altri fascicoli, la revisione del regolamento sui prodotti da costruzione fa timidamente un passo avanti per quanto riguarda l’allineamento con l’iniziativa sui prodotti sostenibili. Di fronte alle crescenti richieste di un’ondata di rinnovamento, il CPR continua a fissare un livello più basso per i prodotti da costruzione non proponendo né requisiti ambientali legalmente vincolanti per le prestazioni dei prodotti né informazioni più digitali e trasparenti sui prodotti.

Le ONG hanno continuamente messo in guardia su tale mancanza di ambizione che è particolarmente preoccupante per un’industria che ha un disperato bisogno di decarbonizzazione, in quanto fonte del 35% delle emissioni dell’UE. Ciò non viene in gran parte affrontato dall’attuale CPR, che continua a consentire agli attori del settore dominante di stabilire standard ambientali, in cui possono concordare il minimo comune denominatore che soffoca le innovazioni e le PMI.

Gonzalo Sánchez, responsabile delle politiche per l’economia circolare e la neutralità del carbonio nel settore edilizio presso l’EEB, ha dichiarato: “I requisiti ambientali minimi e un passaporto dei prodotti digitali obbligatorio per i prodotti da costruzione sono fondamentali per decarbonizzare l’ambiente edificato in Europa entro il 2050. Il rinvio di queste azioni significherà un compito insormontabile nel prossimo decennio di decarbonizzare il patrimonio edilizio, a causa del ritardo nell’attuazione delle misure circolari e degli investimenti in materiali a basse emissioni”.

Dare potere ai consumatori

L’iniziativa “Empowering the Consumer for the Green Transition” intende rafforzare la legislazione UE esistente per prevenire il greenwashing e ridurre l’obsolescenza, modificando sia la direttiva sulle pratiche commerciali sleali (UCPD) che la direttiva sui diritti dei consumatori (CRD).

La proposta mira a migliorare la credibilità delle dichiarazioni e delle etichette di sostenibilità, una misura altamente richiesta, poiché ricerche recenti hanno dimostrato che il 42% delle affermazioni verdi sono potenzialmente false o ingannevoli. Inoltre, le nuove regole sulle disposizioni informative riguardanti la durata dei periodi di garanzia, la disponibilità dei pezzi di ricambio e gli aggiornamenti software, hanno lo scopo di aiutare i consumatori a comprendere la durata prevista dei prodotti che acquistano.

L’EEB accoglie con favore le misure come un passo tanto necessario per fermare il greenwashing, ma avverte di possibili scappatoie: l’iniziativa non chiarisce come verranno affrontate alcune delle affermazioni più problematiche e diffuse come la “neutralità climatica”, mentre il previsto divieto di obsolescenza programmata è stato eliminato dalla proposta.

Blanca Morales, Senior Coordinator per l’Ecolabel UE presso l’EEB, ha dichiarato: “Abbiamo bisogno di misure più audaci per vietare le credenziali inaffidabili, in particolare sulla neutralità climatica, ed elencare quelle che si basano su metodi solidi e armonizzati. Chiediamo alla Commissione di rafforzare queste disposizioni nel prossimo regolamento sulle rivendicazioni verdi. Le aziende dovrebbero essere obbligate a registrare pubblicamente le proprie affermazioni e prove prima dell’uso. Nessun dato, nessun mercato!”