Food Waste Index Report: nel 2019 sprecato il 17% del cibo a disposizione dei consumatori nel mondo

Si tratta di 931 milioni di tonnellate di generi alimentari. Il Food Waste Index Report 2021 dell'Unep, il programma ambientale delle Nazioni Unite, esamina lo spreco di cibo al dettaglio di famiglie, rivenditori, servizi alimentari ma ricorda altresì che lo spreco parte già a monte del processo produttivo

649
Pomodori e melenzane tra i prodotti della dieta Mediterranea. ANSA / CIRO FUSCO

Nel 2019 in tutto il mondo sono finite nella spazzatura di famiglie, rivenditori, ristoranti e altri servizi alimentari 931 milioni di tonnellate di cibo, pari al 17% del totale a disposizione dei consumatori. Questa la stima contenuta nel Food Waste Index Report 2021 del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (Unep) e dell’organizzazione Wrap, condotta per sostenere gli sforzi globali per dimezzare gli sprechi alimentari entro il 2030.

Il Food Waste Index Report 2021 esamina lo spreco di cibo al dettaglio, ma ricorda altresì che lo spreco parte già a monte del processo produttivo: “Il fatto che quantità sostanziali di cibo siano prodotte ma non mangiate dall’uomo ha notevoli impatti negativi: sul piano ambientale, sociale ed economico. Le stime suggeriscono che l’8-10% delle emissioni globali di gas serra sono associate al cibo che non viene consumato. La riduzione dello spreco alimentare al dettaglio, nel servizio di ristorazione e a livello familiare può fornire vantaggi multiformi sia per le persone che per il pianeta. Tuttavia, la reale portata dello spreco alimentare e il suo impatto non sono stati ben compresi fino ad ora”.

“In quanto tali, le opportunità fornite dalla riduzione dello spreco alimentare sono rimaste in gran parte inutilizzate e sottoutilizzate – ammonisce lo studio Unep – . Se vogliamo fare sul serio nell’affrontare lo spreco alimentare, dobbiamo aumentare gli sforzi per misurare il cibo e le parti non commestibili sprecate a livello di vendita al dettaglio e dei consumatori e monitorare la produzione di rifiuti alimentari in chilogrammi pro capite a livello nazionale. Solo con dati affidabili, saremo in grado di monitorare i progressi sull’obiettivo 12.3 dell’obiettivo di sviluppo sostenibile (SDG), che mira a dimezzare lo spreco alimentare globale pro capite a livello di vendita al dettaglio e dei consumatori e ridurre le perdite di cibo lungo le catene di produzione e di approvvigionamento, tra cui perdite post-raccolta”.

Il Food Waste Index Report presenta la più completa raccolta di dati, analisi e modellazione sui rifiuti alimentari ad oggi e offre una metodologia per i Paesi per misurare i rifiuti alimentari. In totale, sono stati identificati 152 punti di dati sullo spreco alimentare in 54 Paesi. Il rapporto rileva che in quasi tutti i Paesi che hanno misurato lo spreco di cibo, questo era sostanziale, indipendentemente dal livello di reddito nazionale.

Inoltre, dimostra che la maggior parte di questo spreco al dettaglio proviene dalle famiglie: a livello globale pro capite, 121 chilogrammi di cibo vengono sprecati ogni anno, con 74 chilogrammi sprecati a livello familiare, 32 a livello di servizi di ristorazione e 15 a livello di vendita.

Lo spreco alimentare ha sostanziali impatti ambientali, sociali ed economici. Per esempio, ricorda il report, l’8-10% delle emissioni globali di gas serra sono associate al cibo che non viene consumato, quando si tiene conto delle perdite prima del livello del consumatore.

“La riduzione degli sprechi alimentari ridurrebbe le emissioni di gas serra, rallenterebbe la distruzione della natura attraverso la conversione dei terreni e l’inquinamento, aumenterebbe la disponibilità di cibo e quindi ridurrebbe la fame e risparmierebbe denaro in un momento di recessione globale – ha detto Inger Andersen, direttore esecutivo dell’Unep – Se vogliamo affrontare seriamente il cambiamento climatico, la perdita degli spazi naturali e della biodiversità, l’inquinamento e i rifiuti, le imprese, i governi e i cittadini di tutto il mondo devono fare la loro parte per ridurre gli sprechi alimentari”.