#GenerationRestoration – La Giornata Mondiale dell’Ambiente 2021 è dedicata al ripristino degli ecosistemi

Appuntamento sabato 5 giugno con migliaia di iniziative in tutto il mondo per una giornata che quest'anno è dedicata al ripristino del rapporto dell'umanità con la natura e che segna anche il lancio del Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell'ecosistema, una spinta globale di dieci anni per prevenire, arrestare e invertire il degrado dell'ecosistema

429

Il ripristino del rapporto dell’umanità con la natura sarà al centro della Giornata mondiale dell’ambiente il 5 giugno, che segna anche il lancio del Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell’ecosistema, una spinta globale di dieci anni per prevenire, arrestare e invertire il degrado dell’ecosistema.  

“È facile perdere la speranza quando pensiamo alla vastità delle sfide che affrontiamo e alla valanga di cattive notizie con cui ci svegliamo ogni mattina”, ha affermato Inger Andersen, direttore esecutivo del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP). “Ma proprio come abbiamo causato la crisi climatica, la crisi della biodiversità e la crisi dell’inquinamento, possiamo invertire il danno che abbiamo fatto; possiamo essere la prima generazione a reimmaginare, ricreare e ripristinare la natura per avviare l’azione per un mondo migliore”.

Quest’anno, il Pakistan è il paese ospitante  per la Giornata mondiale dell’ambiente e presenta le proprie iniziative di ripristino, come il progetto Ten Billion Tree Tsunami, che mira a piantare 10 miliardi di alberi entro il 2023. Il Pakistan, che è uno dei paesi più a rischio di cambiamento climatico, ha anche lanciato un Fondo per il ripristino dell’ecosistema per supportare soluzioni basate sulla natura al cambiamento climatico. 

La natura può e deve essere parte della soluzione mentre cresce lo slancio internazionale per decarbonizzare tutti i settori delle nostre economie. Il ripristino dell’ecosistema può aiutare a proteggere e migliorare i mezzi di sussistenza, regolare le malattie, ridurre il rischio di disastri naturali e contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile entro il 2030.

Un recente rapporto dell’UNEP ha scoperto che i benefici economici del ripristino dell’ecosistema sono convincenti. Da qui al 2030, il ripristino di 350 milioni di ettari di ecosistemi terrestri e acquatici degradati potrebbe generare 9 trilioni di dollari in servizi ecosistemici e rimuovere dall’atmosfera fino a 26 gigatonnellate di gas serra. I benefici economici sono dieci volte superiori al costo dell’investimento, mentre l’inazione è almeno tre volte più costoso del ripristino dell’ecosistema.

I piani di ripresa pandemica offrono un’opportunità irripetibile per tracciare un nuovo percorso spostando gli investimenti verso un'”economia del ripristino” in grado di fornire milioni di posti di lavoro verdi. 

Il 5 giugno, le persone di tutto il mondo mostreranno i loro sforzi per ripristinare il mondo naturale, dalla  piantumazione di alberi in India alla pulizia delle spiagge di Hong Kong e alla pulizia delle comunità in Kenya . Molti altri si stanno unendo sui social media, prendendo parte alla Snap Challengeper mostrare come cambieranno i comportamenti per far parte di #GenerationRestoration.

Un programma di eventi ufficiali è disponibile qui mentre il lancio di gala virtuale per il Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell’ecosistema – inclusi messaggi di leader mondiali e attivisti e spettacoli musicali – può essere seguito qui dal 4-5 giugno. 

Segui tutti gli eventi della Giornata mondiale dell’ambiente su  questo sito web dedicato e scopri di più sul Decennio delle Nazioni Unite sul ripristino dell’ecosistema qui .