Green Deal, Martha Myers: “Il pacchetto di misure Fit for 55 penalizzerà gli europei poveri”

Riportiamo interamente l'ultimo articolo dal blog di Martha Myers, attivista per la giustizia climatica per Friends of the Earth Europe e coordinatrice della Right To Energy Coalition, la più grande rete ambientale di base in Europa, che unisce più di 30 organizzazioni nazionali con migliaia di gruppi locali

227

Questa non è la giusta transizione energetica promessa dall’UE

Il pacchetto di leggi sull’energia e il clima “Fit for 55” della scorsa settimana è stato un’opportunità per la Commissione europea di dimostrare che il Green Deal dell’UE avrebbe portato a una transizione energetica veramente giusta, in linea con il valore della solidarietà dell’UE. Con oltre 50 milioni di europei che vivono in condizioni di povertà energetica, incapaci di illuminare, riscaldare o raffreddare adeguatamente le proprie case, contano su un Green Deal equo che “non lasci indietro nessuno”. Sfortunatamente, le proposte della Commissione hanno fallito questo test. Ora tocca ai parlamentari europei e al Consiglio salvarlo.

Le vite sono in gioco

Le proposte della Commissione potrebbero complessivamente rendere più povere le persone a basso reddito, al di là della pressione finanziaria della pandemia e degli effetti dei disastri climatici. Vite umane sono in gioco.

Dal 2026, è probabile che le bollette energetiche aumenteranno per gli europei a basso reddito, a seguito dell’estensione del sistema di scambio di carbonio dell’UE agli edifici e ai trasporti. Potrebbe spingere le famiglie povere oltre l’orlo, costringendo le persone a razionare l’energia o a non pagare le bollette. Questo non è un buon aspetto per l’UE, né per l’azione per il clima.

Significa chiedere a coloro che sono meno responsabili della nostra attuale crisi climatica, ma che sono più esposti ai disastri climatici, di pagare il prezzo più alto per la transizione energetica.

Questo è un peccato, poiché senza questo difetto centrale, il pacchetto comprenderebbe altrimenti una serie promettente di proposte per affrontare la povertà energetica.

Combattere la povertà energetica

Il pacchetto aumenterà gli obiettivi di efficienza energetica e li renderà vincolanti a livello dell’UE, aiutando a garantire che le case delle persone rimangano più calde in inverno e più fresche in estate con meno energia, particolarmente importante per coloro che vivono in condizioni decrepite.

Il pacchetto include anche misure uniche nel loro genere per proteggere in modo specifico i consumatori vulnerabili, tra cui l’obbligo di rinnovare gli alloggi sociali pubblici e una definizione di povertà energetica per aiutare a monitorare i progressi. Significativamente, una parte dei programmi di risparmio energetico sarà ora dedicata alle famiglie povere di energia. Gli Stati membri sono incoraggiati a istituire comitati nazionali di parti interessate per sviluppare indicatori di povertà energetica e strategie di mitigazione.

Se queste misure faranno il loro lavoro, alcune delle persone più povere d’Europa beneficeranno dei lavori di ristrutturazione per isolare le loro case e renderle più confortevoli, riducendo le bollette insostenibili.

Ma questi aspetti positivi sono controbilanciati dalla perniciosa prospettiva di un aumento delle bollette energetiche.

Bollette energetiche in aumento

La proposta di introdurre l’Emissions Trading Scheme (ETS) negli edifici e nei trasporti ha scatenato una crescente ribellione da più parti – l’alleato di Macron, l’eurodeputato Pascal Canfin, l’ha definita “politicamente suicida”; secondo quanto riferito, vi è un’aperta ostilità all’interno del collegio della Commissione e un numero crescente di grandi Stati membri, oltre a sindacati, ambientalisti, gruppi di consumatori e altro ancora.

E giustamente. Trasferisce il costo dei permessi di carbonio sugli inquilini che non possono permettersi di pagare per gli aggiornamenti di efficienza energetica e sulle persone nelle regioni senza trasporti pubblici dignitosi. Una prima stima prevede che le bollette energetiche delle famiglie aumentino in media di 429 euro all’anno , un prezzo inaccessibile per molti. I risparmi di carbonio non dovrebbero nemmeno essere significativi . 

L’industria pesante continua a beneficiare delle esenzioni e delle quote gratuite previste dall’ETS esistente. Ma le famiglie a basso reddito non riceveranno tali privilegi. Poiché le famiglie a reddito più elevato possono passare alle energie rinnovabili, saranno i poveri a pagarne i costi, poiché continuano a essere bloccati nelle infrastrutture del gas fossile. La Commissione europea lo sa: la sua stessa valutazione d’impatto ammette che “non colpirà allo stesso modo le famiglie, ma avrebbe probabilmente un impatto regressivo”.

Fondo sociale per il clima

Per attutire il colpo, il capo del Green Deal Frans Timmermans ha proposto un nuovo Fondo sociale per il clima per sostenere i gruppi a basso reddito durante la transizione energetica. Questo inizierà a distribuire fondi dal 2025, con gli Stati membri incoraggiati a presentare piani sociali di azione per il clima.

Questo certamente strizza l’occhio alla priorità delle famiglie più povere. Ma un cenno è tutto ciò che è: è altamente improbabile che il fondo possa compensare il deficit dovuto all’aumento delle bollette energetiche per le persone a basso reddito. Solo il 25% delle entrate del nuovo sistema ETS per gli edifici sarà dedicato a questo fondo, con gli Stati membri tenuti a corrispondere a questo numero. Con la sola edilizia popolare che richiede un investimento aggiuntivo di 13 miliardi di euro ogni anno fino al 2050 per rinnovare quattro milioni di case in tutta l’UE, questo sarà a malapena un graffio. Anche il tempismo è un problema. La Commissione europea si è impegnata a sradicare la povertà energetica in questo decennio, ma la struttura entrerà in azione solo a metà del 2025. Sembra che la Commissione abbia introdotto la struttura come copertura in gesso adesivo per portare avanti un’estensione dannosa dell’ETS.

Solidarietà

Quello che serve ora è la solidarietà europea. Nel contesto della pandemia e della crisi climatica, i gruppi a basso reddito devono essere messi al centro della legislazione sul clima, non un ripensamento. Dobbiamo dare loro la priorità in ogni fase del processo. La Commissione non è riuscita a farlo.

La promessa di un Green Deal europeo che non lasci indietro nessuno sembra ottenere il contrario. Solo eliminando questo ETS per gli edifici, rafforzando gli obiettivi in ​​materia di clima ed efficienza (compreso il rendimento energetico degli edifici entro la fine dell’anno) e garantendo vie di finanziamento sostanziali e alternative per il Fondo sociale per il clima, l’UE può rendere Fit for 55 adatto al Just le persone in transizione energetica e il pianeta hanno un disperato bisogno.