IEA avverte: con solo 2% della spesa post-pandemia all’energia pulita emissioni globali al massimo storico

Il nuovo Sustainable Recovery Tracker dell'Agenzia Internazionale dell'Energia monitora le risposte fiscali dei governi alla crisi dovuta al Covid-19 e stima il loro impatto sugli investimenti in energia pulita e sulle emissioni globali di CO2: "Secondo gli attuali piani di spesa le emissioni globali di anidride carbonica dovrebbero salire a livelli record nel 2023 e continuare a crescere negli anni successivi, lasciando il mondo lontano dal percorso verso l'azzeramento delle emissioni entro il 2050"

792

I governi di tutto il mondo stanno dispiegando una quantità senza precedenti di sostegno fiscale volto a stabilizzare e ricostruire le loro economie, ma solo il 2% circa di questa spesa è stato destinato a misure per l’energia pulita, secondo una nuova analisi dell’Agenzia internazionale dell’energia (IEA).

Le somme di denaro, sia pubbliche che private, mobilitate in tutto il mondo dai piani di risanamento sono ben al di sotto di quanto necessario per raggiungere gli obiettivi climatici internazionali. Queste carenze sono particolarmente pronunciate nelle economie emergenti e in via di sviluppo, molte delle quali affrontano particolari sfide di finanziamento.

Secondo gli attuali piani di spesa per la ripresa dei governi, le emissioni globali di anidride carbonica (CO2) dovrebbero salire a livelli record nel 2023 e continuare a crescere negli anni successivi. Ciò lascerebbe il mondo lontano dal percorso verso l’azzeramento delle emissioni entro il 2050 che l’IEA ha stabilito nella sua recente Global Roadmap to Net Zero .

Questi risultati provengono dal nuovo Sustainable Recovery Tracker che l’IEA ha lanciato per aiutare i responsabili politici a valutare fino a che punto i piani di ripresa stanno spostando l’ago sul clima. Il nuovo strumento online è un contributo alla Riunione Ministeriale del G20 su Ambiente, Clima ed Energia di Napoli, che si svolgerà il 22 e 23 luglio sotto la Presidenza italiana.

Il Tracker monitora la spesa pubblica destinata a recuperi sostenibili e quindi stima quanto questa spesa aumenti gli investimenti complessivi in ​​energia pulita e in che misura ciò influisca sulla traiettoria delle emissioni globali di CO2. Il Tracker considera nella sua analisi oltre 800 politiche nazionali di recupero sostenibile, che sono disponibili pubblicamente sul sito web dell’AIE .

“Da quando è scoppiata la crisi di Covid-19, molti governi potrebbero aver parlato dell’importanza di ricostruire meglio per un futuro più pulito, ma molti di loro devono ancora mettere i loro soldi dove sono le loro bocche. Nonostante le maggiori ambizioni climatiche, l’importo dei fondi per la ripresa economica spesi per l’energia pulita è solo una piccola parte del totale”, ha affermato Fatih Birol, direttore esecutivo dell’IEA.

I governi hanno mobilitato 16 trilioni di dollari di sostegno fiscale durante la pandemia di Covid-19, la maggior parte concentrata su aiuti finanziari di emergenza per famiglie e imprese. Solo il 2% del totale è destinato alle transizioni verso l’energia pulita.

Nelle prime fasi della pandemia, l’IEA ha pubblicato il Piano di ripresa sostenibile , che raccomandava di spendere 1.000 miliardi di dollari a livello globale in misure per l’energia pulita che potrebbero avere un ruolo di primo piano nei piani di ripresa. Secondo il Piano – sviluppato in collaborazione con il Fondo Monetario Internazionale – questa spesa darebbe impulso alla crescita economica globale, creerebbe milioni di posti di lavoro e metterebbe il mondo sulla buona strada per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi.

Secondo il Tracker, tutti i settori chiave evidenziati nel Piano di ripresa sostenibile dell’IEA stanno ricevendo un’attenzione inadeguata da parte dei responsabili politici. Gli attuali piani del governo aumenterebbero solo la spesa pubblica e privata totale per l’energia pulita a circa 350 miliardi di dollari l’anno entro il 2023, solo il 35% di quanto previsto nel Piano.

Il Tracker mostra le forti disparità geografiche che stanno emergendo negli investimenti in energia pulita. La maggior parte dei fondi viene mobilitata nelle economie avanzate, che si avvicinano al 60% dei livelli di investimento previsti dal Piano di Risanamento Sostenibile. Le economie emergenti e in via di sviluppo, molte delle quali hanno un margine fiscale limitato, hanno finora mobilitato solo il 20% circa dei livelli di spesa raccomandati.

“Non solo gli investimenti in energia pulita sono ancora lontani da ciò che è necessario per mettere il mondo sulla strada per raggiungere zero emissioni nette entro la metà del secolo, ma non sono nemmeno sufficienti per impedire che le emissioni globali raggiungano un nuovo record. Molti paesi, specialmente quelli in cui le esigenze sono maggiori, mancano anche dei benefici che gli investimenti in energia pulita ben pianificati portano, come una crescita economica più forte, nuovi posti di lavoro e lo sviluppo delle industrie energetiche del futuro”, ha affermato Birol.

“I governi devono aumentare rapidamente la spesa e l’azione politica per soddisfare gli impegni assunti a Parigi nel 2015 – compresa la fornitura vitale di finanziamenti da parte delle economie avanzate al mondo sviluppato”, ha aggiunto il dott. Birol. “Ma devono poi andare ancora oltre, portando gli investimenti e la distribuzione di energia pulita a livelli molto maggiori oltre il periodo di ripresa, al fine di spostare il mondo su un percorso verso l’azzeramento delle emissioni entro il 2050, che è stretto ma ancora realizzabile – se agiamo adesso.”