“La riparazione riduce le emissioni di carbonio”. Il 16 ottobre è la Giornata internazionale della riparazione

Lanciata dall’organizzazione olandese Open Repair Alliance, la Giornata internazionale della riparazione arriva alla sua terza edizione. Tema di quest’anno: la riparazione riduce le emissioni di carbonio

239

Il mese agosto, l’IPCC ha prodotto un rapporto angosciante sulla crisi climatica che ha reso ancora più urgenti gli sforzi del movimento Right to Repair. Inoltre, con la COP26 in arrivo, non c’è momento migliore per le “comunità di riparazioni” per concentrarci sul loro lavoro come azione vitale nella lotta contro il cambiamento climatico. Alla luce di ciò, il tema di questo Repair Day 2021 è: la riparazione riduce le emissioni di carbonio.


Cosa ha a che fare la riparazione con le emissioni di carbonio?


Uno dei principali fattori che contribuiscono alle emissioni di carbonio è la produzione, inclusa l’elettronica. Dalle risorse minerarie alla lavorazione dei materiali fino alla spedizione dei prodotti, gran parte dell’impatto sul carbonio dei nostri dispositivi si verifica prima ancora che vengano accesi.

Le Nazioni Unite hanno scoperto che “l’estrazione e la lavorazione delle risorse naturali costituiscono circa il 50 per cento delle emissioni totali di gas serra (GHG) prodotte in tutto il mondo. Inoltre, se le tendenze attuali per il consumo di beni, compresa l’elettronica, continueranno, le emissioni di gas serra derivanti dall’estrazione e dalla lavorazione delle risorse aumenteranno del 43% dal 2015 al 2060“.

Per portare questo dato un po’ più vicino a casa, diamo un’occhiata ai singoli dispositivi. Per il tuo smartphone medio, si stima che il 79% del suo impatto di CO2eq si verifica prima che venga utilizzato dal consumatore. Per un prodotto come un frullatore, questo numero è di circa l’84%. Ciò mette nettamente in prospettiva l’impatto che l’acquisto di nuovi prodotti invece di riparare o acquistare di seconda mano ha sulla nostra impronta di carbonio.

I partner della Open Repair Alliance hanno analizzato queste statistiche ed esaminato i dati dagli eventi di riparazione della comunità per vedere come la riparazione può aiutare questo problema. Il progetto Restart ha scoperto che grazie agli oltre 2000 eventi organizzati dai volontari che riparano i dispositivi sono state evitate 432 tonnellate di emissioni di anidride carbonica. Quando si ripara un oggetto rotto, non è più necessario acquistarne uno nuovo, evitando nuove emissioni.

Scalare questa riduzione delle emissioni dei consumatori a livello globale avrebbe un impatto enorme sul nostro pianeta. L’Ufficio europeo dell’ambiente ha scoperto nel 2019 che prolungare di cinque anni la durata dello stock di smartphone, notebook, lavatrici e aspirapolvere dell’UE farebbe risparmiare quasi 10 milioni di tonnellate di emissioni (CO2eq) all’anno entro il 2030. E per un solo anno l’estensione comporterebbe un risparmio di emissioni di 4 milioni di tonnellate all’anno, equivalente a togliere 2 milioni di auto dalle strade.

Tuttavia, non è possibile farlo senza il diritto alla riparazione, una fiorente economia di riparazione professionale e la incredibile comunità di riparatori. Per riparare i nostri dispositivi, abbiamo bisogno di una legislazione migliore per consentire la riparazione. Ciò include l’accesso per tutti a pezzi di ricambio a prezzi accessibili e manuali di riparazione; software a lungo termine e aggiornamenti di sicurezza; e requisiti che garantiscono che i prodotti siano progettati per durare nel tempo e per essere riparati.


Come festeggerai?


Si sa che a causa della pandemia le cose non sono ancora tornate alla normalità in molti luoghi, ma la speranza è che il maggior numero di persone possa riunirsi, di persona o online, per celebrare il Giorno della riparazione.

Puoi inviare il tuo evento o iniziativa con questo modulo. Verrà aggiunto a una mappa globale delle attività confermate intorno alla data di sabato 16 ottobre.

Ci sono molti modi in cui tutti possono festeggiare anche a casa. Questi includono:

– riparare un oggetto che hai in giro da un po’;
– partecipare a un evento online;
– condividere la tua esperienza sui social media utilizzando l’hashtag #RepairDay;
– trasmettere le tue conoscenze aiutando qualcun altro con una riparazione o supportare un’attività di riparazione locale.