Tecnologia, ricerca, certificazioni: le strategie della filiera cartaria per consolidare l’85% di tasso di riciclo

Il 25 ottobre a Lucca il convegno “Le sfide della riciclabilità per gli imballaggi a prevalenza carta” promosso da Comieco e Lucense, in collaborazione con Aticelca e Zero Waste Italy. Professionisti provenienti da laboratori, cartiere e cartotecniche si confronteranno per analizzare e discutere operativamente di come anche i nuovi imballaggi compositi possono essere più facilmente riciclabili. Per poter seguire l’evento in streaming, iscrizione obbligatoria su comieco.org

508
filiera cartaria riciclo

Il numero di aziende italiane che investono in tecnologie e prodotti sostenibili è in aumento, sono oltre 441.000 quelle che hanno fatto questa scelta nel quinquennio 2016-2020. L’utilizzo di packaging ecologici è un aspetto fondamentale per ridurre l’impatto ambientale. Leggeri, maneggevoli e riciclabili, gli imballaggi in cellulosa sono una scelta sostenibile che può aiutare alla circolarità dell’economia.

Proprio questo sarà il tema che verrà affrontato il 25 ottobre a Lucca nell’ambito del convegno “Le sfide della riciclabilità per gli imballaggi a prevalenza carta” promosso da Comieco e Lucense, in collaborazione con Aticelca e Zero Waste Italy.Professionisti provenienti da laboratori, cartiere e cartotecniche si confronteranno per analizzare e discutere operativamente di come anche i nuovi imballaggi compositi possono essere più facilmente riciclabili. Per poter seguire l’evento in streaming, iscrizione obbligatoria su comieco.org.

Il tema dell’innovazione e dell’ecodesign del packaging è centrale anche in Europa come testimoniano i brevetti relativi agli imballaggi cellulosici: 156 nuovi brevetti depositati nel 2021, 14 dei quali in Italia (7 relativi alla voce “paper packaging” e 7 alla voce “cardboard packaging”). Dal 1° gennaio 2010 al 31 dicembre 2021 sono stati depositati in Italia complessivamente 475 brevetti: 199 aventi ad oggetto “imballaggi in carta” e 276 “imballaggi in cartone”.

Diventa sempre più chiaro, quindi, che in ogni fase della catena distributiva il ricorso a packaging a base cellulosica diventa un elemento chiave per le aziende, per vincere la sfida della riciclabilità; questo vale anche e soprattutto quando da sola la carta non basta: l’evoluzione della tecnologia consente oggi composizioni (anche temporanee) con altri materiali che mantengano la promessa della sostenibilità, anche nella fase di raccolta differenziata e riciclo. Non a caso, l’immesso al consumo degli imballaggi cosiddetti “compositi” ha registrato nell’ultimo anno un incremento importante, stimato al 25%, il più alto tra le tipologie di packaging cellulosici. Anche per questi imballaggi, la certificazione di riciclabilità diventa un prezioso alleato per le imprese in ottica “green” e per questo è sempre più frequente il ricorso al sistema di valutazione Aticelca 501/2019, che li classifica in base a specifici test di laboratorio.

“La tecnologia sempre più evoluta apre nuove porte non solo a un design dell’imballaggio sempre più efficace ed ecologico” dichiara Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco “ma indica nuove strade anche nella separazione del flusso della carta e quindi nuove metodologie per la lavorazione degli imballaggi compositi. La ricerca si snoda costantemente in nuove e diverse direzioni, ma l’obiettivo rimane lo stesso: privilegiare la riciclabilità, consolidare e migliorare il tasso di riciclo dell’85% stabilito dall’Unione Europea al 2030, che il nostro Paese ha già superato nel 2020 e nel 2021”.