Pnrr, dal Mite 330 milioni di euro per la riforestazione urbana

Saranno piantati 6,6 milioni di alberi in 14 città metropolitane entro il 2024. A disposizione 74 milioni di euro del Piano Nazionale di ripresa e resilienza per il 2022, 74 per il 2023 e 139 per il 2024. Alle città metropolitane di Sud e Isole il 50% delle quote disponibili

1032
Foto di Dominique Knobben da Pixabay

Il Ministero della Transizione ecologica mette a disposizione tramite avviso pubblico 330 milioni di euro per piantare 6,6 milioni di alberi in 14 città metropolitane italiane entro il 2024, 1.268 comuni in cui vivono più di 21 milioni di abitanti. La riforestazione urbana è un punto strategico per contrastare l’inquinamento atmosferico, i cambiamenti climatici e la perdita di biodiversità. È l’obiettivo della misura “Tutela e valorizzazione del verde urbano ed extraurbano” del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (M2C4 3.1).

Nel bando sono definiti i criteri, le modalità e il riparto delle risorse finanziarie per la creazione di boschi da parte delle Città metropolitane. Vengono messi a disposizione dal PNRR 74 milioni di euro per il 2022, altri 74 per il 2023 e 139 milioni per il 2024. Alle Città metropolitane del Sud e delle Isole è destinata una quota del 50% delle risorse disponibili. Gli obiettivi sono di mettere a dimora 1.650.000 alberi entro il 31 dicembre 2022 e completare la messa a dimora di 6,6 milioni di alberi entro il 2024.

L’Avviso dà attuazione al “Piano di forestazione urbana ed extraurbana” approvato con Decreto del Ministro della Transizione ecologica n.493 del 30.11.2021. Il Piano è stato predisposto con la collaborazione dell’Istituto Superiore per la Ricerca Ambientale – ISPRA, del Comando Unità Forestali Ambientali Agroalimentari dei Carabinieri – CUFA, dell’Istituto Nazionale di Statistica – ISTAT, e del Centro Interuniversitario di Ricerca “Biodiversità Servizi ecosistemici e Sostenibilità” – CIRBISES. Il criterio ispiratore del lavoro è “piantare l’albero giusto al posto giusto”, tenendo conto delle specificità territoriali.

Si rafforzano, così, le attività di forestazione urbana finanziate dal MiTE a partire dal 2020-2021 con la legge 12 dicembre 2019, n. 141 (la cosiddetta legge clima), e che ha visto coinvolti gli stessi soggetti attuatori.

“La tutela del verde urbano ed extraurbano – spiega Ilaria Fontana, sottosegretaria al ministero per la Transizione ecologica –, contestualmente alle misure di politica energetica finalizzate alla transizione verso modelli di produzione di energia sostenibili, rappresenta un valido strumento per il contrasto agli impatti prodotti dall’inquinamento atmosferico, dal consumo di suolo, dal cambiamento climatico e dalla perdita di biodiversità”.