MobyDixit 2021: il 30 novembre 21esima edizione della Conferenza Nazionale sul Mobility Management e la Mobilità Sostenibile

MobyDixit mette come sempre al centro della sua proposta la visione europea dei temi del Mobility Management cercando di coniugarla con le specificità e con le esperienze nazionali in ambito formativo e aziendale. Patrocinata dal Ministero della Transizione Ecologica, Confindustria-ANCMA, Fiab e Legambiente, la conferenza 2021 fa il punto sulla centralità dei mobility manager nostrani ai quali le novità normative di contrasto al COVID hanno assegnato un ruolo di primo piano

791

MobyDixit, la Conferenza Nazionale sul Mobility Management e la Mobilità Sostenibile è da vent’anni un momento di riflessione fondamentale per i principali soggetti nazionali coinvolti nei processi di gestione della mobilità urbana nel nostro Paese. Giunta quest’anno alla 21esima edizione, MobyDixit mette come sempre al centro della sua proposta la visione europea dei temi del Mobility Management cercando di coniugarla con le specificità e con le esperienze nazionali in ambito formativo e aziendale.

Patrocinata dal Ministero della Transizione Ecologica, Confindustria-ANCMA, Fiab e Legambiente, la conferenza 2021 fa il punto sulla centralità dei mobility manager nostrani ai quali le novità normative di contrasto al COVID hanno assegnato un ruolo di primo piano.

Alla presenza del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili e del Ministero della Transizione Ecologica, il programma dei lavori partirà dai risultati e dalle conclusioni di ECOMM 2021 – la Conferenza Europea sul Mobility Management – e, dopo uno sguardo ai prodotti di mobilità sostenibile e alcune buone pratiche maturate negli ultimi mesi, vedrà un interessante confronto tra i coordinatori dei mobility manager aziendali e scolastici delle città di Roma, Milano, Venezia, Bologna e Parma.

Con il Presidente Romano Prodi ci sarà l’occasione di parlare della politica nazionale sulla ciclabilità, di politica industriale della bicicletta e di interventi per la mobilità attiva nelle nostre città.

A conclusione sarà presentato il “Quindicesimo rapporto di Euromobility sulla mobilità sostenibile nelle principali 50 città italiane”: è Prato la città con più auto di recente immatricolazione, mentre ad Ancona si sfiora il 25% di auto a basso impatto, GPL, metano, ibride o elettriche. In crescita le ciclabili, con Reggio Emilia a condurre, e purtroppo anche l’indice di mortalità sulle strade, con L’Aquila maglia nera. Nel corso di MobyDixit si scoprirà chi sarà ad aggiudicarsi il titolo di città più “eco-mobile” d’Italia.

Maggiori informazioni