Nel 2020 è cresciuta la produzione di imballaggi in acciaio (+3,6%) e alluminio (+7%)

L’Associazione Nazionale fra i Fabbricanti di Imballaggi Metallici registra un fatturato che supera 1,7 MLD €

719

Eletto a Milano durante l’assemblea annuale delle aziende associate, Marco Checchi è il nuovo Presidente di ANFIMA, l’Associazione Nazionale fra i Fabbricanti di Imballaggi Metallici e Affini aderente a Confindustria.

Nato a Bologna nel 1959, Checchi è amministratore delegato di Pelliconi & C. SpA, azienda leader mondiale nella produzione di capsule in metallo e plastica per il settore beverage. Consigliere di Reggenza della Sede di Bologna della Banca d’Italia e Presidente della filiera Packaging di Confindustria Emilia, è stato insignito del titolo di Cavaliere del Lavoro dal Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella.

“Da oltre sessant’anni ANFIMA dà voce ai produttori italiani di imballaggi in acciaio e alluminio rigido sia sul territorio nazionale, sia a livello europeo – commenta il neo Presidente dell’Associazione -. Gli imballaggi in metallo sono sempre di grande attualità, perché caratterizzati da numerosi pregi sia dal punto di vista della sostenibilità ambientale, sia per quanto riguarda l’ottimale conservazione dei prodotti, alimentari, chimici o di altro genere. Contribuire alla formazione di una corretta immagine della nostra industria nell’opinione pubblica è pertanto fondamentale. Il mio obiettivo per il prossimo triennio è di continuare a promuovere la categoria, e al tempo stesso incentivare la crescita della rappresentanza associativa.”

L’assemblea odierna è stata anche occasione per fare il punto sull’industria nazionale degli imballaggi metallici, un comparto di rilievo per l’economia italiana sotto il profilo industriale, ambientale e sociale. Stando ai dati raccolti da ANFIMA su trentadue aziende produttrici di imballaggi metallici, sono oltre 4.000 i dipendenti e il fatturato complessivo lo scorso anno ha superato 1,7 miliardi di euro. Rispetto all’anno precedente, nel 2020 è cresciuta la produzione sia per quanto riguarda gli imballaggi in acciaio (698.523, +3,6%) che per gli imballaggi in alluminio (24.745 tonnellate, +7%).

Fra gli imballaggi metallici rientrano le scatole open top per prodotti alimentari, i contenitori per prodotti industriali, le lattine, i contenitori aerosol, i tappi corona, le capsule e altre chiusure metalliche, i grandi fusti in lamierino d’acciaio. Oltre ad essere igienici, sicuri, infrangibili ed economici sono anche amici dell’ambiente, in quanto acciaio e alluminio sono materiali permanenti che si riciclano totalmente all’infinito.