NextGeneratioEU, sintesi tecnica dei criteri ambientali DNSH per il finanziamento dei Recovery Plans

Il 12 febbraio sono uscite le linee guida della Commissione Ue che mirano a sostenere gli Stati membri nel garantire che tutti gli investimenti e le riforme dei loro Recovery Plans non danneggino in modo significativo gli obiettivi ambientali dell’UE, ai sensi del regolamento sulla tassonomia. Ecco in sintesi gli elementi principali

834

Venerdì 12 febbraio la Commissione europea ha presentato le sue linee guida sull’attuazione del principio DNSH (Do not significant harm, ovvero “non causare danni significativi”, ndr) nel contesto del meccanismo di recupero e resilienza (RRF). L’RRF, lo strumento chiave al centro del NextGenerationEU, metterà a disposizione 672,5 miliardi di euro in prestiti e sovvenzioni per sostenere le riforme e gli investimenti negli Stati membri.

Le linee guida mirano a sostenere gli Stati membri nel garantire che tutti gli investimenti e le riforme che propongono di essere finanziati dal RRF non danneggino in modo significativo gli obiettivi ambientali dell’UE, ai sensi del regolamento sulla tassonomia

Vediamone in sintesi gli elementi principali:

Il regolamento definisce un quadro di riferimento per valutare la sostenibilità degli investimenti, stabilendo un sistema di classificazione (o “tassonomia”) per le attività economiche sostenibili dal punto di vista ambientale. Nella guida alla predisposizione della valutazione DNSH vengono definiti sei criteri di base di riferimento.

1. Si ritiene che un’attività arrechi un danno significativo alla mitigazione del cambiamento climatico se porta a emissioni significative di gas a effetto serra (GHG);

2. Si considera che un’attività arrechi un danno significativo all’adattamento ai cambiamenti climatici se porta a un maggiore impatto negativo del clima attuale e del clima futuro previsto, sull’attività stessa o sulle persone, sulla natura o sui beni6;

3. Si ritiene che un’attività arrechi un danno significativo all’uso sostenibile e alla protezione delle risorse idriche e marine se è dannosa per il buono stato o il buon potenziale ecologico dei corpi idrici, comprese le acque superficiali e sotterranee, o per il buono stato ambientale stato delle acque marine;

4. Si ritiene che un’attività arrechi un danno significativo all’economia circolare, compresi la prevenzione e il riciclaggio dei rifiuti, se porta a significative inefficienze nell’uso dei materiali o nell’uso diretto o indiretto delle risorse naturali, o se aumenta in modo significativo la produzione , l’incenerimento o lo smaltimento dei rifiuti o se lo smaltimento a lungo termine dei rifiuti può causare danni ambientali significativi e a lungo termine;

5. Si ritiene che un’attività arrechi un danno significativo alla prevenzione e al controllo dell’inquinamento se porta a un aumento significativo delle emissioni di inquinanti nell’aria, nell’acqua o nel suolo;

6. Si considera che un’attività arrechi un danno significativo alla protezione e al ripristino della biodiversità e degli ecosistemi se è significativamente dannosa per le buone condizioni e la resilienza degli ecosistemi o per lo stato di conservazione di habitat e specie, compresi quelli di interesse dell’Unione.

Investimenti e riforme

Gli Stati membri devono fornire una valutazione DNSH per ogni singola misura prevista dai propri piani di rilancio e resilienza che non devono causare alcun danno significativo agli obiettivi ambientali. Conseguentemente la Commissione non può accettare l’intero Recovery Plan se una o più misure non sono conformi al DNSH e, quindi, gli Stati membri devono fornire una valutazione DNSH individuale per ciascuna misura.

Gli Stati membri devono proporre pacchetti coerenti di misure, comprese sia le riforme che gli investimenti, e la valutazione DNSH deve essere effettuata non solo per gli investimenti, ma anche per le riforme.

Le riforme in alcuni settori, tra cui l’industria, i trasporti e l’energia, pur avendo il potenziale per contribuire in modo significativo alla transizione verde, possono anche comportare un rischio di danno significativo per una serie di obiettivi ambientali, a seconda di come sono progettati.

D’altra parte, le riforme in altri settori (ad esempio istruzione e formazione, pubblica amministrazione, arte e cultura) avranno probabilmente un rischio limitato di danno ambientale, indipendentemente dal loro potenziale contributo alla transizione verde, che potrebbe essere ancora significativa.

La guida illustra una serie di criteri e procedure di riferimento per realizzare le valutazioni DNSH

In primo luogo se il contributo della singola misura è pari al 100% per il raggiungimento di uno dei sei obiettivi ambientali, questa misura è considerata conforme a DNSH. Allo stesso modo, se una misura “contribuisce in modo sostanziale ” a uno dei sei obiettivi ambientali, è considerata anch’essa When a

Inoltre le valutazioni d’impatto relative alle dimensioni ambientali o i test di sostenibilità di una misura devono essere presi in considerazione per la valutazione DNSH.

Nel contesto dell’RRF, gli impatti diretti e indiretti primari di una misura sono rilevanti per la valutazione DNSH

La valutazione DNSH deve considerare il ciclo di vita dell’attività implicate da ogni singola misura

Le misure che promuovono una maggiore elettrificazione (ad esempio industria, trasporti ed edifici) sono considerate compatibili con la valutazione DNSH per l’obiettivo ambientale di mitigazione del cambiamento climatico.

Per le attività economiche in cui esiste un’alternativa tecnologicamente ed economicamente fattibile a basso impatto ambientale, la valutazione dell’impatto ambientale negativo di ciascuna misura dovrebbe essere effettuata a fronte di uno scenario di ‘non intervento’ per tener conto dell’effetto ambientale della misura in termini assoluti.

Per le attività economiche per le quali non esistono alternative tecnologicamente ed economicamente fattibili a basso impatto ambientale, gli Stati membri possono dimostrare che una misura non arreca danni significativi adottando i migliori livelli di prestazione ambientale disponibili nel settore

Alla luce delle condizioni di cui sopra, le misure relative alla generazione di energia e / o calore utilizzando combustibili fossili, nonché le relative infrastrutture di trasmissione e distribuzione, come regola generale non dovrebbero essere considerate conformi al DNSH in considerazione dell’esistenza di alternative a basse emissioni di carbonio.

Per garantire che le misure siano a prova di futuro e non arrechino dannosi effetti di lock-in e per promuovere benefici effetti dinamici, potrebbero essere necessarie riforme e investimenti di accompagnamento.

La conformità con DNSH, secondo questi principi guida, dovrebbe essere integrata nella progettazione delle misure, anche a livello di” miles stones” e obiettivi intermedi.