NextGenerationEU, ecco i criteri per usare i fondi “senza danneggiare gli obiettivi ambientali UE”

Bruxelles ha presentato le linee guida sull'attuazione del principio DNHS "(Do not significant harm"), che mirano a sostenere gli Stati membri nel garantire che i loro piani di riforma, da finanziare con il NextGenerationEU, letteralmente "non danneggino in modo significativo gli obiettivi ambientali dell'UE". Si parla ovviamente anche di Economia Circolare e gestione rifiuti

651
European Commission President Ursula Von Der Leyen gives a joint press conference with (not pictured) European Council President Charles Michel after a video conference of the European Council on EU action on Coronavirus, COVID-19, at the European Council, Brussels, Belgium, 17 March 2020. ANSA-ARCHIVIO/STEPHANIE LECOCQ

La Commissione europea ha presentato oggi (venerdì 12 febbario, ndr) le sue linee guida sull’attuazione del principio DNHS (Do not significant harm, ovvero “non causare danni significativi”, ndr) nel contesto del meccanismo di recupero e resilienza (RRF). L’RRF, lo strumento chiave al centro del NextGenerationEU, metterà a disposizione 672,5 miliardi di euro in prestiti e sovvenzioni per sostenere le riforme e gli investimenti negli Stati membri.

La presente guida mira a sostenere gli Stati membri nel garantire che tutti gli investimenti e le riforme che propongono di essere finanziati dal RRF non danneggino in modo significativo gli obiettivi ambientali dell’UE, ai sensi del regolamento sulla tassonomia. Delinea i principi chiave e una metodologia in due fasi per la valutazione DNHS nel contesto dell’RRF, come un modo per facilitare il lavoro degli Stati membri nella preparazione dei loro piani di recupero e resilienza. Il rispetto del principio “non nuocere in modo significativo” è una condizione preliminare per l’approvazione dei piani da parte della Commissione e del Consiglio che è stabilito nel regolamento RRF. Il personale della Commissione sta lavorando a stretto contatto con le autorità degli Stati membri per garantire che questo sia un processo fluido e rapido, che porti alla presentazione dei piani.

Facilitare la transizione verde è un obiettivo chiave della RRF. Le disposizioni DNHS sono uno strumento cruciale per questo, insieme al requisito che un minimo del 37% della spesa per investimenti e riforme contenute in ciascun piano nazionale di ripresa e resilienza dovrebbe sostenere gli obiettivi climatici. La presentazione di questa guida segue l’approvazione del Parlamento europeo dello strumento per il recupero e la resilienza all’inizio di questa settimana. La presidente Ursula von der Leyen ha partecipato questa mattina a una cerimonia di firma e conferenza stampa insieme al presidente del Parlamento europeo David Sassoli e al primo ministro António Costa per la presidenza di turno del Consiglio dell’UE, in occasione dell’approvazione da parte del Parlamento europeo e del Consiglio del Regolamento RFF.

La presidente Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Desidero congratularmi con il Consiglio e il Parlamento per l’adozione definitiva ora del regolamento. Questo è davvero un momento molto storico. Stiamo combattendo questa pandemia e la grave crisi sanitaria con i vaccini. I vaccini sono il nostro alleato e la nostra speranza. Ma non dovremmo mai dimenticare la seconda enorme crisi che abbiamo, questa è la crisi economica. E lì, il nostro alleato e la nostra speranza è NextGenerationEU. 750 miliardi di euro per sostenere i nostri cittadini a mantenere il loro posto di lavoro, per sostenere le aziende a rimanere in attività e per sostenere le comunità a mantenere il loro tessuto sociale. Nessuno Stato membro da solo sarebbe stato in grado di gestire questa crisi economica da solo e da solo “. La dichiarazione completa della presidente Ursula von der Leyen è disponibile qui. La guida e gli allegati sono disponibili online.