Novamont presenta a Ecomondo il bilancio di sostenibilità 2018

Il bilancio di sostenibilità evidenzia il continuo e crescente impegno del gruppo Novamont verso la realizzazione di un nuovo modello di sviluppo industriale sostenibile basato sulla bioeconomia

262

Realizzato facendo riferimento agli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs) dell’Agenda 2030 e applicando i principi dei GRI Standards – linee guida di riferimento per la rendicontazione della performance di sostenibilità di un’impresa – il Bilancio di Sostenibilità 2018 del gruppo Novamont verrà presentato ufficialmente il 7 novembre alle ore 15 presso lo stand Novamont (Ecomondo pad. D3 – post. 70).

Un’occasione fondamentale per condividere con gli stakeholder interni ed esterni gli impegni, la strategia, le modalità di gestione e i risultati dell’attività aziendale declinati nel loro triplice aspetto: economico, ambientale e sociale.

Il bilancio di sostenibilità evidenzia il continuo e crescente impegno del gruppo Novamont verso la realizzazione di un nuovo modello di sviluppo industriale sostenibile basato sulla bioeconomia, il miglioramento delle prestazioni tecniche e ambientali dei propri prodotti attraverso l’aumento del contenuto di materie prime rinnovabili e il costante coinvolgimento e la forte collaborazione con i principali stakeholder dell’azienda.

I contenuti del Bilancio di Sostenibilità 2018 sono stati sviluppati su 11 temi materiali:

1. valore e stabilità dell’azienda. Agire con trasparenza e responsabilità per creare ricchezza economica da ridistribuire all’interno e all’esterno dei confini aziendali, contrastando ogni forma di corruzione;

2. innovazione à sviluppare prodotti (bioplastiche e biochemical) sempre più innovativi ottenuti da filiere altamente integrate e che incarnano i principi dell’economia circolare;

3. impatti economici indiretti. Gli impatti economici, positivi o negativi, generati sull’economia e sulla comunità;

4. responsabilità verso i collaboratori. La tutela dei diritti dei collaboratori e la promozione del benessere fisico, mentale e sociale nei luoghi di lavoro;

5. sostenibilità di filiera e di prodotto. Lo sviluppo di una filiera integrata responsabile e sostenibile per la produzione di bioplastiche e intermedi chimici bio-based a partire da materie prime d’origine vegetale da agricoltura sostenibile e attraverso un’adeguata gestione delle risorse energetiche, idriche e delle emissioni di gas ad effetto serra e di emissioni inquinanti in atmosfera. Promuovere il rispetto di tutti i diritti umani lungo l’intera catena del valore e nei rapporti con i fornitori;

6. conformità di prodotto. La conformità di prodotto ai principali standard prestazionali e l’ottenimento di certificazioni per i parametri caratterizzanti quali, ad esempio, biodegradabilità e compostabilità;

7. contesto normativo. Il contesto normativo nazionale e internazionale di settore che regola l’utilizzo dei prodotti rinnovabili, biodegradabili e compostabili e che può influenzare la sua filiera e i mercati di riferimento;

8. partnership e collaborazione. L’agire in accordo con l’intera filiera, la società e le comunità, costruendo reti integrate, per condividere conoscenze e promuovere l’economia circolare;

9. trasparenza e comunicazione. La qualità e la trasparenza della comunicazione d’impresa e di prodotto rivolta a tutti gli stakeholder, interni e esterni;

10. promozione della sostenibilità. L’impegno a diffondere conoscenze che consentano un futuro più sostenibile anche per le nuove generazioni; 

11. salvaguardia e valorizzazione del territorio. La tutela delle risorse del territorio, la collaborazione e il rispetto per le comunità locali, per raggiungere lo sviluppo di filiere che siano integrate con il territorio e la comunità.

Nel corso della presentazione verrà proposto ai partecipanti un questionario di valutazione dei temi materiali di Novamont i cui risultati convergeranno all’interno della matrice di materialità del Bilancio di Sostenibilità 2019.