“Oggi ho recuperato… banane!”. Le ricette antispreco della Carovana Salvacibo

Ogni settimana la Carovana Salvacibo nella sola Torino recupera circa 4.000 kg al mese che verrebbero buttate perché ancora troppo verdi o perché troppo mature, altre volte ancora semplicemente perché le scatole risultano danneggiate. Ma come mangiare tutte queste banane?

3760

Se c’è una cosa che non manca mai fra le consegne della Carovana sono le banane. Ogni settimana andiamo infatti a recuperare da un grossista che spesso riempie il nostro furgone quasi solo di banane, per un totale di circa 4.000 kg al mese! Verrebbero buttate a volte perché ancora troppo verdi, altre volte perché troppo mature, altre volte ancora semplicemente perché le scatole risultano danneggiate.

Anche per questo motivo abbiamo deciso di disseminare la città di banane, letteralmente inondandola, per sensibilizzare la popolazione sulle tematiche legate allo spreco alimentare e non solo. Tutti i venerdì e sabato oltre al “solito” giro di distribuzione le banane, tra l’altro, sono sbarcate al Salone del Libro, CinemAmbiente, Future Parade, negli eventi legati al progetto Food Wave e zona via Montanaro (Barriera di Milano) dove l’azione di distribuzione è volta a contrastare la narrazione di questo pezzettino di città come terra di nessuno, in mano alla criminalità. Insomma ci siamo messi a spacciare banane per contrastare quello che per comodità alcuni chiamano degrado ma che in realtà nasconde ben altre criticità.

Come mangiare tutte queste banane? Be’, innanzitutto al naturale: ottima come colazione, merenda, tagliata nel latte insieme ai cereali, la banana è un alimento ricchissimo di proprietà prima fra tutte l’altissima digeribilità; è ottima quindi per i bambini ma anche per gli sportivi e per tutti coloro che hanno problemi di stomaco.

Se unita ad un po’ di latte, condita con zucchero, cacao, menta o altro costituisce una fantastica base per un frullato golosissimo e cremoso! Possiamo aggiungere altra frutta fresca o secca, magari semi di chia o avocado per cambiare ogni volta il sapore di questa leccornia. Volendo è possibile sostituire al latte del latte vegetale (soia, riso, mandorle, avena ecc) oppure semplicemente dell’acqua, senza che questo modifichi molto il sapore; è importante cercare di utilizzare il meno possibile prodotti di origine animale, fra cui uova e latticini, in quanto la loro produzione ha un grande impatto sul pianeta e sulla vita degli animali: proviamo ogni volta che ci è possibile a sostituire il latte con l’acqua, il burro con l’olio, così come faccio io in questa ricetta, il cui risultato vi stupirà.

La ricetta della torta di banane (o pane di banane)

Ingredienti:

  • Banane 400 gr
  • Olio 100 gr
  • Farina 250 gr
  • Acqua 130 gr
  • Zucchero 100 gr
  • Lievito in polvere 15 gr

Procedimento

Faccio intiepidire l’acqua e la metto in una ciotola, aggiungo lo zucchero e mescolo per farlo sciogliere; verso anche l’olio e unisco le banane schiacciate precedentemente con una forchetta. A parte mischio fra di loro farina e lievito, poi la aggiungo ai liquidi. Mescolo molto bene per eliminare tutti i grumi di farina. A volte a questo impasto aggiungo cannella oppure polvere di cocco, cacao o uvetta, lasciandomi guidare dalle voglie del momento. A questo punto olio una teglia e la infarino (evito di usare la carta forno quando preparo le torte perché la teglia infarinata è più che sufficiente), verso il composto e lascio cuocere a 180° per 40 minuti più o meno, facendo il test con lo stuzzicadenti per verificare la cottura della torta.

Questa torta, anche detta pane di banane, è perfetta per la colazione: soffice e morbida ha un sapore delicato che si accompagna benissimo a qualunque marmellata (magari fatta in casa da voi) ed anche ad un po’ di crema al cioccolato.

Le banane più sono mature più sono dolci e anche quando la loro polpa risulta ormai perlopiù annerita sono ancora ottime per preparare qualunque dolce che le utilizzi come base; quando le recuperiamo quindi non spaventiamoci se quelle che ci offrono non sono bellissime, a casa ci aspetta un ottimo frullato accompagnato da una fetta di torta!