Regolamento imballaggi: lettera “incendiaria” a Ursula von der Leyen dall’industria delle bioplastiche

Dopo aver già espresso aspre critiche per la proposta della Commissione Ue sul nuovo Regolamento, European Bioplastics ha rincarato la dose inviando una lettera definita "incendiaria" alla presidente von der Leyen, firmata da EB e dalle maggiori aziende del comparto: "Il divieto degli imballaggi compostabili e la riluttanza a sostenere l'adozione di polimeri a base biologica per sostituire il materiale vergine a base fossile, congelerebbe qualsiasi ulteriore ricerca e investimento in questo nuovo spazio, potenzialmente anche in applicazioni diverse dall'imballaggio, e di fatto chiuderebbe questo settore in Europa"

869

La recente proposta da parte della Commissione Europea di revisione della direttiva sugli imballaggi e sui rifiuti di imballaggio (PPWD) ha provocato reazioni fortemente contrarie da parte di numerose industrie. L’industria delle bioplastiche in particolare spiega di trovarsi “di fronte a restrizioni che coinvolgerebbero gran parte degli imballaggi in plastica compostabile prodotti”. Dopo aver già espresso aspre critiche, European Bioplastics ha rincarato la dose inviando una lettera definita “incendiaria” alla presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, firmata da EB e dalle maggiori aziende del comparto. Ecco il testo:

Prevenire il divieto della plastica compostabile e sostenere i contenuti a base biologica nella revisione della PPWD

Cara Presidente von der Leyen,
Gentile Vicepresidente Esecutivo Dombrovskis,
Caro Commissario Breton,

Noi, sottoscritti rappresentanti dell’industria delle bioplastiche, scriviamo per sollevare una preoccupazione particolare per l’imminente revisione della PPWD e le sue implicazioni per l’industria degli imballaggi a base biologica e compostabili in rapido sviluppo, che rappresenta un valore di mercato di 51 miliardi di euro nell’economia dell’UE, impiegando circa 150.000 persone.

In particolare, chiediamo alla proposta di:

Garantire parità di condizioni per tutte le soluzioni di riciclaggio esistenti, comprese quelle costituite da materie prime seconde diverse dalla materia prima primaria originale.
Evitare qualsiasi divieto di soluzioni che possano supportare la capacità dell’Europa di raggiungere tassi di circolarità più elevati e quindi continuare a fornire imballaggi compostabili a base biologica, approvati 28 anni fa dalla direttiva 94/62/CE originaria con accesso illimitato al mercato unico.
Riconoscere e promuovere l’adozione di polimeri a base biologica negli imballaggi, sostituendo il materiale vergine a base fossile, in particolare negli imballaggi sensibili al contatto, dove il contenuto riciclato non è attualmente un’opzione praticabile.
Considerare il contenuto biologico come un contributo equivalente agli obiettivi di contenuto riciclato.

Noi, insieme a diverse aziende e governi in tutto il mondo, ci siamo uniti in una visione con obiettivi concreti per il 2025 per un’economia circolare per l’imballaggio. Siamo pienamente allineati con gli obiettivi del Green Deal europeo per raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050 e ci impegniamo a raggiungere l’obiettivo di “imballaggi in plastica riutilizzabili, riciclabili e compostabili al 100%” entro quella data. Per raggiungere questi obiettivi, è fondamentale che i responsabili politici forniscano un panorama normativo e politico abilitante.

Affrontare la sfida dei rifiuti di plastica e raggiungere obiettivi ambiziosi richiede da parte nostra di essere in grado di selezionare e scegliere tra materiali di imballaggio consolidati e le migliori nuove tecnologie. Pertanto, dobbiamo sia espandere ulteriormente e migliorare le tecnologie di riciclaggio esistenti, sia testare, studiare e adottare nuovi materiali/soluzioni di imballaggio promettenti. Un divieto di ampia portata sugli imballaggi in plastica compostabile chiuderebbe immediatamente la porta a questa tecnologia, che è stata originariamente aperta dall’Unione Europea creando nuove industrie europee e persino un consorzio di responsabilità estesa del produttore in Italia.

Il divieto degli imballaggi compostabili e la riluttanza a sostenere l’adozione di polimeri a base biologica per sostituire il materiale vergine a base fossile, che sarà sempre necessario indipendentemente da quanto possano progredire i processi di riciclaggio, congelerebbe qualsiasi ulteriore ricerca e investimento in questo nuovo spazio, potenzialmente anche in applicazioni diverse dall’imballaggio, e di fatto chiuderebbe questo settore in Europa. Quattro dei maggiori produttori di bioplastiche – plastica a base biologica, biodegradabile o entrambe – nell’UE (BASF, TotalEnergies Corbion, Novamont e Biotech/Sphere) hanno finora investito complessivamente 1,6 miliardi di euro nella costruzione di impianti e in joint venture, così come un’ulteriore ricerca e sviluppo. Inoltre, più di 100 milioni di euro del fondo Biobased Industry Joint Undertaking da 1 miliardo di euro sono stati spesi per la ricerca e lo sviluppo in questo campo. Ciò dimostra l’impegno del nostro settore nei confronti della bioeconomia dell’UE e agisce come partner credibile per realizzare questo cambiamento necessario.

600.000 tonnellate di plastica compostabile e a base biologica sono state prodotte nell’UE nel 2021, si stima che questa cifra raggiungerà 1,3 milioni di tonnellate entro il 2026. Il risultato di un potenziale divieto della plastica compostabile e l’adesione de facto alla plastica a base fossile non comprometterebbe solo la nostra capacità di raggiungere i nostri obiettivi e quelli fissati dai decisori politici, ma pregiudicherebbe anche l’attuale ruolo di leadership dell’Unione Europea nel settore, come mostrato dai casi di studio citati in precedenza. Di conseguenza, questo sposterebbe importanti innovazioni in altre parti del mondo come Cina, India, Australia e Stati Uniti, dove gli imballaggi compostabili ricevono attualmente incentivi positivi e un panorama normativo favorevole.

Chiediamo quindi alla Commissione europea di rispettare il suo orientamento politico originale, il principio di proporzionalità e di garantire condizioni di parità per tutte le tecnologie circolari. È importante non chiudere la porta a un settore promettente e innovativo in Europa, che vediamo come una delle opzioni a nostra disposizione per andare verso un futuro a rifiuti zero. Saremo lieti di discuterne in modo più dettagliato e di fornirti ulteriori informazioni qualora fosse necessario.

Cordiali saluti,
Hasso von Pogrell
Amministratore delegato, European Bioplastics e.V.