EEB: “REPowerEU spiana la strada alle rinnovabili, ma mina anche la legislazione ambientale”

Ufficio europeo per l'ambiente (EEB) ha accolto con grande favore l'incremento senza precedenti delle energie rinnovabili previsto dal piano REPowerEU. L'EEB ha però anche manifestato la sua perplessità in merito alle proposte per aggirare le principali salvaguardie ambientali, infatti, la Commissione europea propone un'esenzione generalizzata dalle valutazioni stabilite dalla Environmental Impact Assessment Directive and the Birds and Habitats per i i progetti rinnovabili in aree "go-to" che saranno definite esclusivamente dagli Stati membri. In questo modo si rischiano gravi effetti dannosi per l'ambiente

886
rinnovabili

Il piano per liberare l’UE dai combustibili fossili russi presentato mercoledì 18 maggio dalla Commissione europea stabilisce un’agenda promettente per le energie rinnovabili che, tuttavia, è messa in ombra da ulteriori investimenti nelle infrastrutture del gas e dall’abolizione della normativa ambientale per facilitare le autorizzazioni per l’energia solare ed eolica.

In risposta all’aggressione militare della Russia all’Ucraina, i leader dell’UE hanno finalmente deciso di premere il piede sull’acceleratore della transizione energetica attraverso la strategia REPowerEU.

Presentato appunto il 18 maggio il paino prevede lo stanziamento di 195 miliardi di euro e mira a interrompere le importazioni di combustibili fossili russi entro il 2027, concentrandosi su tre strategie:

  • aumentare le energie rinnovabili
  • mobilitare i risparmi energetici
  • diversificare le fonti energetiche

L’Ufficio europeo per l’ambiente (EEB), la più grande rete europea di ONG green, accoglie con favore l’incremento senza precedenti delle energie rinnovabili previsto dal piano. L’installazione di milioni di pannelli solari e pompe di calore, insieme a misure di ristrutturazione degli edifici e di efficienza energetica, ci porta un passo avanti verso il rispetto degli impegni assunti con l’Accordo di Parigi e sono i nostri migliori strumenti per isolare il regime di Putin.

Secondo Patrick ten Brink, Segretario generale aggiunto dell’EEB, l’aumento dell’energia solare ed eolica, dell’efficienza energetica e delle pompe di calore è la strada giusta per sostituire la dipendenza dell’UE dal gas russo. Celebriamo la storica spinta verso l’energia pulita delineata in RePowerEU, ma guardiamo anche con grande preoccupazione all’enfasi posta sulle nuove rotte del gas. L’UE dovrebbe essere cauta nel creare ulteriori dipendenze dai combustibili fossili da parte di regimi autocratici o da progetti di fracking che distruggono il clima.

Mentre l’approvvigionamento congiunto e altre misure di mercato a breve termine possono essere comprese nel contesto della crisi geopolitica, la diversificazione delle fonti energetiche, come si legge nella comunicazione, sostituirebbe semplicemente i combustibili fossili russi con altri combustibili fossili, portando a ulteriori dipendenze e blocchi di CO2. Inoltre, la Commissione europea ha posto l’accento sul passaggio al gas naturale liquefatto (GNL), che può essere molto più ad alta intensità di carbonio rispetto al gas russo se si considerano le emissioni complessive del trasporto e della rigassificazione.

Il piano prevede un aumento degli obiettivi dell’UE in materia di efficienza energetica e di energie rinnovabili del pacchetto FitFor55, che era una delle principali richieste delle organizzazioni della società civile quando è iniziata l’aggressione militare della Russia. Tuttavia, questi obiettivi sono ancora al di sotto dell’ambizione necessaria per mantenere l’obiettivo climatico dell’Accordo di Parigi: un aumento del 50% delle energie rinnovabili e del 45% dell’efficienza energetica entro il 2030.

Inoltre, è positivo vedere riferimenti alla giustizia sociale e all’uguaglianza, anche se si dovrebbe prestare molta più attenzione e adottare misure specifiche per dare potere ai gruppi vulnerabili in questa rapida transizione energetica, in particolare alle donne e ai bambini.

Pannelli solari

Davide Sabbadin, responsabile delle politiche energetiche e dell’economia circolare dell’EEB, ha dichiarato che è lodevole l’obiettivo generale e e l’obbligo del solare sui nuovi tetti. Ma i nuovi edifici sono l’eccezione, non la regola. Per questo motivo EEB invita i colegislatori a introdurre in tutta l’UE una “politica del consenso tacito” per coloro che vogliono installare l’energia solare sui loro tetti. Questa sarebbe la migliore garanzia per dare priorità al solare distribuito sui tetti rispetto a soluzioni più contestate.

Gli edifici storici e i centri storici sarebbero ovviamente esentati da qualsiasi procedura semplificata di autorizzazione per il solare, ha aggiunto. Le batterie, il solare termico e le tecnologie intelligenti dovrebbero essere promosse insieme all’energia fotovoltaica per facilitare l’installazione nelle aree rurali dove le reti sono più deboli.

Priorità sul riscaldamento

La comunicazione include un impegno importante per rafforzare le politiche di progettazione ecocompatibile delle tecnologie di riscaldamento, stabilendo l’eliminazione graduale delle tecnologie a base esclusivamente fossile entro il 2029. Questo è visto come una vittoria dall’EEB poiché si tratta di una richiesta fondamentale della loro campagna Coolproducts, che dura ormai da molti anni. Tuttavia, la tempistica è molto diversa da quella adottata di recente in alcuni Stati membri come Germania e Olanda.

Sabbadin ha aggiunto che è una proposta troppo lontana nel tempo per avere un effetto reale sui prossimi anni. Non solo l’Agenzia Internazionale dell’Energia aveva già suggerito il 2025 come data ultima possibile per l’eliminazione graduale, ma la matematica indica chiaramente che le caldaie a gas installate nel 2029 continueranno a bruciare gas fossile fino al 2050. Essendo il riscaldamento il più grande mercato del gas, questo ritardo sta minando i nostri obiettivi di neutralità climatica e indipendenza energetica

Deregolamentazione ambientale

Con l’obiettivo di accelerare i permessi per le fonti rinnovabili, il pacchetto del 18 maggio include proposte per aggirare le principali salvaguardie ambientali. La Commissione europea propone un’esenzione generalizzata dalle valutazioni stabilite dalla Environmental Impact Assessment Directive and the Birds and Habitats per i i progetti rinnovabili in aree “go-to” che saranno definite esclusivamente dagli Stati membri. In questo modo si rischiano gravi effetti dannosi per l’ambiente a causa di una cattiva pianificazione.

Laura Hildt, responsabile delle politiche per la biodiversità dell’EEB, ha dichiarato che la legislazione ambientale non è un ostacolo alla diffusione delle energie rinnovabili. Nel bel mezzo della crisi della biodiversità, non è giustificato eliminare le valutazioni ambientali fondamentali e creare un pericoloso precedente. Le richieste di autorizzazione possono essere accelerate con una maggiore capacità di personale, approcci più snelli e una reale partecipazione pubblica, senza compromettere le salvaguardie fondamentali della natura e della biodiversità.

L’EEB ha analizzato i 10 problemi principali per la diffusione delle energie rinnovabili in Europa e nessuno di questi riguarda la protezione dell’ambiente. Questa marci indietro sulla regolamentazione ambientale è ingiustificabile da qualsiasi punto di vista e mette a rischio il Green Deal europeo.

Oltre a questa regressione, dichiarare che tutte le energie rinnovabili sono di “rilevante interesse pubblico” per aggirare i meccanismi e le salvaguardie ambientali crea un pericoloso precedente per altri sviluppi. Questo può essere usato in futuro per annacquare la legislazione/procedure esistenti quando si tratta di materie prime o di altre questioni.