REPowerEU, bocciatura dello EEB: “Piano non all’altezza per liberarci dai combustibili fossili”

La federazione degli ambientalisti europei scrive: "Come i leader europei hanno riconosciuto a Versailles, la nostra migliore opportunità per affrontare i prezzi dell’energia e definanziare la cassa della macchina da guerra di Putin, è quella di accelerare la transizione green. Il piano 'REPowerEU' presentato martedì dalla Commissione è un buon passo in quella direzione, ma non è ancora all’altezza di ciò che è necessario per liberarci dai combustibili fossili"

741
REPowerEU

Lo European Environmental Bureau apprezza timidamente la bozza di piano energetico presentata dalla Commissione Europea ma dice chiaramente che non è abbastanza. “Come i leader europei hanno riconosciuto a Versailles – scrive l’EEB – la nostra migliore opportunità per affrontare i prezzi dell’energia e definanziare la cassa della macchina da guerra di Putin, è quella di accelerare la transizione green. Il piano ‘REPowerEU’ presentato martedì dalla Commissione è un buon passo in quella direzione, ma non è ancora all’altezza di ciò che è necessario per liberarci dai combustibili fossili“.

“L’aggressione militare russa in Ucraina ha avuto un effetto tettonico sul corso della storia europea, a cominciare dal suo modello energetico. Dopo decenni di crescente dipendenza dalle importazioni russe di combustibili fossili, Bruxelles ha deciso di attuare un’inversione di marcia e presentare un piano di rapida attuazione per ridurre di due terzi il consumo dell’UE di gas russo già quest’anno. Sebbene la proposta di emergenza della Commissione europea per porre fine alla dipendenza dal gas russo aprirà la strada verso le energie rinnovabili nel breve periodo, solo un’azione ambiziosa nella revisione, quest’anno, della politica Fit-for-55, consentirà una fornitura di energia sostenibile, sicura e conveniente a lungo termine”.

“Sbarazzarsi del gas russo potenziando l’energia solare ed eolica, l’efficienza energetica e le pompe di calore sono la strada giusta. Il semplice cambio di fornitori di gas e petrolio, al contrario, potrebbe comportare nuove dipendenze fossili e continue restrizioni alle emissioni di CO2 e CHG. Chi prende le decisioni dovrebbe negoziare un ambizioso pacchetto per il Fit-for-55, con un forte sguardo sociale per il clima, puntando a fonti di energia rinnovabili sposando veramente la rivoluzione dell’energia green”, ha affermato Patrick ten Brick, vicesegretario generale dell’EEB.

I prezzi di gas ed elettricità sono già saliti alle stelle prima dello scoppio della guerra in Ucraina, colpendo duramente i consumatori, soprattutto quelli a basso reddito. L’indipendenza e la sufficienza energetica non sono solo il modo migliore per fermare il finanziamento del regime di Putin, ma sono anche il nostro miglior strumento per proteggerei consumatori dalla volatilità dei prezzi e prevenire la povertà energetica”, ha aggiunto Patrizia Heidegger, Direttore per le Politiche Globali e la Sostenibilità della EEB.

La proposta “REPowerEU” contiene almeno tre diversi percorsi verso l’indipendenza energetica: uno basato su soluzioni green efficaci, l’altro con alcune zone d’ombra che richiedono molta attenzione e un ultimo che ci porterà a nuove dipendenze dai combustibili fossili.

Efficienza energetica, rinnovabili e pompe di calore

“Accogliamo con favore il fatto che la Commissione indichi la strada giusta per ridurre la nostra dipendenza dalla Russia. In base a questo nuovo orientamento strategico, le capitali dell’UE devono seguire l’invito della Commissione a rafforzare le proposte Fit-for-55con obiettivi più elevati o precedenti in materia di energie rinnovabili ed efficienza energetica”.

“A livello pratico, celebriamo l’obiettivo di aumentare in modo significativo l’installazione di pannelli solari sui tetti di case, aziende e fattorie, raddoppiando la velocità di installazione delle pompe di calore nei prossimi 5 anni. Ristrutturare gli edifici pur riducendo il loro fabbisogno energetico, elettrificare il riscaldamento e sfruttare al meglio le energie rinnovabili con pannelli fotovoltaici e solari termici sarà infatti il passo più importante per l’Europa di staccarsi dal gas fossile”.

Potenziali rischi ambientali e lock-in di CO2

“Poiché le lunghe procedure amministrative sono state identificate come uno dei principali ostacoli alla diffusione delle energie rinnovabili, la proposta della Commissione di consentire autorizzazioni più rapide è una buona notizia per accelerare la transizione energetica. Tuttavia, ciò potrebbe potenzialmente minare la supervisione dell’ambiente e degli impatti sulla biodiversità delle infrastrutture rinnovabili a meno che non vengano compiuti gli sforzi necessari per mappare e scegliere aree completamente adatte agli investimenti”.

“Sebbene le energie rinnovabili siano proposte come interesse pubblico prioritario, dobbiamo anche essere consapevoli delle conseguenze indesiderate sull’ambiente e sulle persone a cui la loro produzione, trasmissione e distribuzione possono portare. La comunicazione tra le autorità dell’energia e dell’ambiente deve essere fondamentale nello sviluppo di questi progetti, così come il rispetto delle attuali norme dell’UE in materia di protezione dell’acqua e dell’ambiente” ha affermato Sergiy Moroz, responsabile della politica EEB per la biodiversità e l’acqua.

Secondo EEB il piano “REPowerEurope” sovrastima anche il ruolo di soluzioni con dubbie credenziali green come l’idrogeno e per certi aspetti il biogas: “L’aumento della produzione di biogas aggraverà la competizione per la terra tra cibo, mangimi e carburante, poiché la maggior parte degli impianti di biogas non può funzionare solo con i rifiuti e richiedere colture energetiche aggiuntive come materia prima. Di tutte le colture di cereali utilizzate in Europa, il 59% viene utilizzato per nutrire gli animali, solo il 24% viene utilizzato per nutrire le persone e appena il 15% circa per i biocarburanti. Decuplicare la nostra produzione di biogas entro il 2030, data la nostra dipendenza dai cereali e dai semi oleosi ucraini e russi, sembra un passo rischioso”, ha affermato Celia Nyssens, Senior Policy Officer per l’agricoltura e i sistemi alimentari dell’EEB.

Più spazio per i sussidi ai combustibili fossili

Infine: “La commissione non può parlare di un massiccio dispiegamento di soluzioni rinnovabili e allo stesso tempo aprire la porta a più sussidi ai combustibili fossili nella proposta ‘REPowerEU’. Inevitabilmente, l’allentamento delle norme sugli aiuti di Stato ai sensi della direttiva sul regime di scambio di quote di emissioni a sostegno delle industrie ad alta intensità energetica e degli aiuti agli agricoltori può portare a ulteriori sussidi per i combustibili fossili per un periodo di tempo lungo e impreciso”.