Limiti di CO2 più severi per i veicoli commerciali con l’elettrificazione: lo afferma una coalizione di città, aziende, gruppi sanitari e ONG

Secondo il gruppo che comprende le città di Parigi, Dublino, Rotterdam, Göteborg, Palermo, Haarlem, Tilburg e Wałbrzych è necessario porre fine alle vendite di furgoni con motore a combustione entro il 2035

675
Foto di Paul Brennan da Pixabay

“Gli obiettivi climatici per i produttori di veicoli commerciali devono essere aumentati per aumentare la fornitura di furgoni a emissioni zero”, ha detto ai legislatori dell’UE una coalizione di città, aziende e attivisti per l’ambiente e la salute pubblica. Il gruppo, che comprende le città di Parigi, Dublino, Rotterdam, Göteborg, Palermo, Haarlem, Tilburg e Wałbrzych, sostiene pienamente anche il piano per porre fine alle vendite di furgoni con motore a combustione entro il 2035. L’Europa ha urgente bisogno di ridurre la propria dipendenza dal petrolio e accelerare il passaggio alla mobilità a emissioni zero.

In una lettera inviata oggi agli eurodeputati e ai governi dell’UE, il gruppo – che riunisce oltre 600 aziende e organizzazioni – invita i legislatori a rafforzare i limiti di CO2 per furgoni proposti dalla Commissione europea per gli anni 2020. Come attualmente redatta, la proposta non richiede ai produttori di aumentare le vendite di furgoni elettrici oltre una quota del 10% prima della fine del decennio. Le città affermano che i furgoni devono passare a emissioni zero molto più velocemente per ripulire l’aria tossica e affrontare il crescente impatto climatico delle consegne a domicilio.

David Belliard, vice sindaco di Parigi responsabile dei trasporti e dello spazio pubblico, ha dichiarato: “Le città hanno bisogno di furgoni a emissioni zero e ne hanno bisogno velocemente. La proposta della Commissione europea secondo cui tutti i nuovi furgoni devono essere a emissioni zero entro il 2035 è importante e benvenuta. Ma chiediamo ai legislatori del Parlamento europeo e degli Stati membri di rafforzare la proposta e migliorare la disponibilità dei furgoni elettrici”.

Gli operatori dei trasporti e della logistica, che fanno parte della European Clean Trucking Alliance, affermano che è essenziale che i legislatori aumentino il rigore degli obiettivi dei produttori di furgoni e aumentino la fornitura di furgoni elettrici, di cui hanno bisogno per passare a zero emissioni. L’EV100 Climate Group, che riunisce le aziende impegnate ad accelerare la transizione ai furgoni elettrici, afferma che le aziende hanno bisogno di politiche forti per supportare la disponibilità sul mercato di massa di veicoli a emissioni zero per le loro flotte.

Stabilire obiettivi più forti per i furgoni è anche una grande opportunità per migliorare la qualità dell’aria, hanno affermato i gruppi di salute pubblica, tra cui la European Public Health Alliance (HEAL) e la European Respiratory Society. I furgoni sono una delle principali fonti di inquinamento atmosferico, compreso il 14% delle emissioni di NOx dei veicoli nelle città.

Spinti dal boom delle consegne a domicilio, i furgoni sono anche gli inquinatori del trasporto su strada in più rapida crescita con emissioni di CO2 in aumento del 58% dal 1990.

Lucien Mathieu, direttore ad interim del trasporto merci presso Transport & Environment (T&E), ha dichiarato: “Ora più che mai l’Europa ha bisogno di liberarsi dal vizio del petrolio, che sta contribuendo a finanziare la guerra di Putin. I nuovi standard di CO2 dei furgoni dell’UE sono il modo migliore per garantire che i produttori producano furgoni elettrici più puliti e a prezzi inferiori. Ma gli obiettivi proposti dalla Commissione Europea significheranno un decennio perso per i furgoni ecologici, a meno che i legislatori non aumentino l’ambizione”.