Decreto Milleproproghe, sospesa fino al 31 dicembre 2022 applicazione obblighi di etichettatura imballaggi 

Con l'approvazione del decreto è stato deciso un nuovo rinvio della misura dopo quello al 30 giugno 2022: l'articolo 11, comma 1, del decreto per come è stato modificato interviene sul termine di decorrenza degli obblighi in materia di etichettatura degli imballaggi ai sensi dell'articolo 219, comma 5, del Codice dell'Ambiente, sospendendone l'applicazione fino al 31 dicembre 2022

1080

Il Decreto Milleproroghe 2022 ha passato l’esame di Camera e Senato e sarà pubblicato a breve in Gazzetta Ufficiale per la conversione in legge. Tra le misure previste c’è un nuovo slittamento per l’etichettatura degli imballaggi dopo quello al 30 giugno 2022.

L’articolo 11, comma 1, del decreto per come è stato modificato interviene sul termine di decorrenza degli obblighi in materia di etichettatura degli imballaggi ai sensi dell’articolo 219, comma 5, del Codice dell’Ambiente, sospendendone l’applicazione fino al 31 dicembre 2022. 

Prevede altresì che i prodotti privi dei requisiti di etichettatura e già posti in commercio o etichettati al 1° gennaio 2023 possano essere commercializzati fino ad esaurimento delle scorte. Si demanda, inoltre, ad un decreto ministeriale la definizione di apposite linee guida tecniche per l’etichettatura degli imballaggi, il cui termine per l’emanazione è stato fissato a novanta giorni.

Il comma 5 dell’art. 219 prevede che tutti gli imballaggi debbano essere opportunamente etichettati secondo le modalità stabilite dalle norme tecniche UNI applicabili e in conformità alle determinazioni adottate dalla Commissione dell’Unione europea, al fine di facilitare la raccolta, il riutilizzo, il recupero ed il riciclaggio degli imballaggi, nonché per dare una corretta informazione ai consumatori sulle destinazioni finali degli imballaggi.