Roma, gara da 400 milioni per il trattamento di 2 milioni di tonnellate di rifiuti fino al Giubileo

La procedura, aperta da Ama sulla piattaforma Invitalia, riguarda la conclusione di accordi quadro con uno o più operatori economici per l’affidamento del “servizio di trasporto, scarico e trattamento/recupero dei rifiuti solidi prodotti dagli impianti di trattamento di AMA e dei rifiuti urbani residui prodotti nel territorio di Roma Capitale – eccedenti le quantità trattate presso gli impianti AMA e gli altri impianti regionali – su territorio nazionale ed estero”, suddiviso in 7 lotti, per un periodo di 36 mesi. Il termine per il ricevimento delle offerte o delle domande di partecipazione è fissato al 6 febbraio 2024

Roma, gara da 400 milioni per il trattamento di 2 milioni di tonnellate di rifiuti fino al Giubileo

Mettere in sicurezza la gestione del ciclo dei rifiuti nella città di Roma, alle porte e in vista del Giubileo. E’ l’obiettivo della maxi-gara, pubblicata oggi sulla piattaforma telematica Invitalia, la più grande mai proposta da AMA, l’azienda rifiuti di Roma, in accordo e in coordinamento con Roma Capitale, per il trasporto, scarico e trattamento/recupero per i prossimi 3 anni (2024-2026) di circa 2 milioni di tonnellate complessive tra rifiuti solidi e rifiuti urbani residui (indifferenziato). L’ordine di grandezza di 2 milioni di tonnellate complessivi di rifiuti è già comprensivo di una quota eccedente stimata per l’anno giubilare (2025). Lo comunica in una nota AMA S.p.A.

L’importo complessivo massimo di spesa dell’accordo quadro è pari a circa 400 milioni di euro (più IVA).

La procedura, aperta ai sensi degli art. 59 e 71 del d. lgs. n. 36/2023, riguarda la conclusione di accordi quadro con uno o più operatori economici per l’affidamento del “servizio di trasporto, scarico e trattamento/recupero dei rifiuti solidi prodotti dagli impianti di trattamento di AMA e dei rifiuti urbani residui prodotti nel territorio di Roma Capitale – eccedenti le quantità trattate presso gli impianti AMA e gli altri impianti regionali – su territorio nazionale ed estero”, suddiviso in 7 lotti, per un periodo di 36 mesi. Il termine per il ricevimento delle offerte o delle domande di partecipazione è fissato al 6 febbraio 2024.

L’azienda, pertanto, si rivolge al mercato extra regionale ed estero per tali tipologie di servizi, proponendo un ampio e articolato accordo programmatico. All’interno della procedura, per la prima volta, AMA inserisce anche un lotto che rende possibile il recupero di materia dai rifiuti; in particolare un combustibile alternativo utilizzabile soprattutto nell’industria dei cementifici.

“Dopo le importantissime gare su mezzi pesanti, nuovi cassonetti e cestini getta-carte, con questa maxi-gara, la più grande mai bandita, AMA intende mettere in sicurezza anche il fronte del trattamento/recupero soprattutto dei rifiuti indifferenziati – sottolinea il Presidente di AMA Daniele PACE -. Se, come auspichiamo, la gara andrà a buon fine, verranno stipulati contratti tracciabili e con la massima trasparenza sulla base delle migliori offerte del mercato. Stiamo lavorando al massimo per garantire il decoro della Capitale, che si prepara a dare la migliore accoglienza ai milioni di fedeli che parteciperanno al Giubileo del 2025”.