“Siamo a Glasgow a chiedere giustizia per le persone più colpite dalla crisi climatica”. La lettera dei giovani attivisti FFF giunti in barca alla Cop26

Una lettera molto dura pubblicata sul Guardian e redatta dai cinque giovani attivisti per il clima di Fridays for Future MAPA (Most Affected People and Areas) giunti a Glasgow con la nave Rainbow Warrior di Greenpeace, sfidando il divieto delle autorità: Bernard Ewekia, 25 anni, di Tuvalu; Jakapita Kandanga, 24 anni, dalla Namibia; Edwin Namakanga, 27 anni, dall'Uganda; Maria Reyes, 19 anni, dal Messico; e Farzana Faruk Jhumu, 22 anni, dal Bangladesh

1037
Fridays for Future youth climate activists Jakapita Faith Kandanga, 24, from Namibia, left, Maria Reyes, 19, from Mexico, second from left, Farzana Faruk, 22, from Bangladesh, second left, and Edwin Moses Namakanga, 27, from Uganda pose for a photograph aboard the Greenpeace ship Rainbow Warrior. They are sailing to COP26 in Glasgow Scotland.

Una lettera molto dura pubblicata sul Guardian e redatta dai cinque giovani attivisti per il clima di Fridays for Future MAPA (Most Affected People and Areas) giunti a Glasgow con la nave Rainbow Warrior di Greenpeace, sfidando il divieto delle autorità: Bernard Ewekia, 25 anni, di Tuvalu; Jakapita Kandanga, 24 anni, dalla Namibia; Edwin Namakanga, 27 anni, dall’Uganda; Maria Reyes, 19 anni, dal Messico; e Farzana Faruk Jhumu, 22 anni, dal Bangladesh. Ecco il testo tradotto in italiano:

Come si possono tenere dei colloqui sul clima senza includere le persone più colpite? Non si può. Come si possono prendere decisioni sul modo migliore per adattarsi agli impatti climatici senza parlare con coloro che sono costretti ad adattarsi? Non si può. E come si può garantire la giustizia climatica continuando a ignorare coloro che stanno soffrendo di più? Non si può.

Mentre prende il via il vertice sul clima Cop26 e i cosiddetti leader del mondo sono al centro della scena per mantenere promesse ancora più vuote, noi – cinque giovani attivisti per il clima provenienti da cinque delle aree più colpite in Africa, Asia, America Centrale e Sud Pacifico – siamo arrivati ​​nonostante i tentativi di escluderci.

Siamo entrati a Glasgow a bordo della Rainbow Warrior per far sapere a questi presidenti, primi ministri, responsabili politici e amministratori delegati che le nostre voci non rimarranno più inascoltate. Non possono e non devono tenere questi colloqui senza di noi e chiediamo un posto al tavolo per assicurarci che finalmente agiscano.

La crisi climatica è una crisi globale che richiede un’azione globale. Ma non colpisce tutti allo stesso modo. È una crisi di disuguaglianze. Siamo tutti nella stessa tempesta, ma non siamo tutti sulla stessa barca.

Oggi ci sono cinque volte più eventi meteorologici estremi – tempeste devastanti, inondazioni, siccità, scarsità d’acqua e ondate di calore – rispetto a 50 anni fa, e colpiscono in modo sproporzionato quelli di noi che vivono nelle aree più vulnerabili, specialmente nel sud del mondo. L’anno scorso, i disastri climatici hanno spostato più persone dalle nostre comunità rispetto a guerre e conflitti violenti, sempre per lo più dal sud del mondo.

Eppure non siamo noi quelli che hanno causato questa crisi.

Dal 1965, un terzo delle emissioni globali, trainate dallo sfruttamento incessante dei combustibili fossili, è stato causato da appena 20 aziende. Le nazioni ricche sono responsabili del 92% delle emissioni globali, con gli Stati Uniti e i paesi europei che causano quasi i due terzi di queste. Siamo solo quelli costretti a convivere, o purtroppo in molti casi morire a causa dei suoi impatti. Eppure le nostre voci continuano ad essere messe da parte.

Nei nostri paesi d’origine, Namibia, Bangladesh, Uganda, Messico e Tuvalu nel Pacifico meridionale, affrontiamo molte sfide diverse. Ma sono tutti esacerbati dalle stesse ingiustizie come la violenza di genere, la migrazione forzata e le ingiustizie razziali, così come la pandemia di Covid-19 e la crisi climatica. Questi sono tutti sintomi dello stesso sistema marcio.

Abbiamo amici che hanno abbandonato la scuola perché la siccità ha costretto le loro famiglie alla povertà e alla carestia. Altri sono costretti a vendere letteralmente i propri figli per soddisfare i propri bisogni primari. Molte persone hanno perso terra, case e raccolti a causa delle inondazioni e dell’innalzamento del livello del mare. Altri sono costretti a fuggire dalle loro case e comunità. E anche solo accedere all’acqua potabile è una lotta quotidiana per molti.

Migliaia di persone stanno morendo in questo momento a causa della crisi climatica: i leader mondiali a questo vertice hanno le mani sporche di sangue.

Mentre l’avidità delle imprese e l’incapacità di agire dei governi del nord del mondo stanno guidando il cambiamento climatico, le disparità tra ricchi e poveri, tra coloro che stanno causando questa crisi e coloro che non lo sono, non finiscono qui. Le disuguaglianze sono profonde anche all’interno dei nostri paesi.

La corruzione e il neocolonialismo sono all’ordine del giorno. Le comunità vengono sostituite dall’industria mentre i politici vendono la nostra terra alle compagnie petrolifere, promettendo prosperità e posti di lavoro per le popolazioni locali che sono state costrette a sprofondare nella povertà a causa della crisi climatica. Le nostre comunità sono state ingannate. Quei posti di lavoro non arrivano mai, ma l’inquinamento, la distruzione ambientale – insieme alla distruzione emotiva e culturale – e gli impatti climatici più gravi lo fanno sempre.

Per oltre un decennio, le nazioni ricche non sono riuscite a fornire i finanziamenti internazionali per il clima che avevano promesso. Questo non è un aiuto, né il solo l’aiuto che sono obbligati a fornire. Questo è un debito che hanno con noi per la morte e la distruzione ambientale che hanno causato, e deve essere pagato per intero. Quel poco di questo debito che in realtà viene ripagato raramente raggiunge chi ne ha bisogno. Ma nessuno mette in dubbio i nostri governi. Nessuno controlla come vengono spesi questi soldi.

Le politiche messe in atto per proteggere i nostri ambienti locali sono prive di significato finché i politici corrotti restano al comando. Ma parlare apertamente nei nostri paesi può avere gravi conseguenze. Stiamo letteralmente mettendo a rischio le nostre vite, quindi è imperativo che le nostre voci siano ascoltate.

I leader riuniti a Glasgow non sono riusciti ad agire sulla scienza. Per decenni non sono riusciti ad affrontare la crisi climatica. E non sono riusciti ad ascoltare le persone delle aree più colpite che ora stanno soffrendo per le conseguenze della loro incapacità di agire. Quando è troppo è troppo.

Siamo qui per far loro sapere che continueremo a lottare per la giustizia climatica finché non smetteranno di deluderci. Non devono negarci la piattaforma per difendere liberamente il nostro presente e il nostro futuro. Non devono ignorare le nostre richieste. E non devono continuare a mettere profitto sulle persone e sul pianeta. Il sistema deve essere sradicato prima che sia troppo tardi.

  • Questo articolo è stato scritto da cinque giovani attivisti per il clima di Fridays for Future MAPA (Most Affected People and Areas): Bernard Ewekia, 25 anni, di Tuvalu; Jakapita Kandanga, 24 anni, dalla Namibia; Edwin Namakanga, 27 anni, dall’Uganda; Maria Reyes, 19 anni, dal Messico; e Farzana Faruk Jhumu, 22 anni, dal Bangladesh