Smog a Torino. Fino a mercoledì 26 gennaio stop ai diesel Euro 5 e a ai veicoli con il dispositivo Move In

Prosegue il semaforo arancione che impone il blocco dei veicoli diesel fino alla categoria euro 5. Oltre ai territori compresi nella fascia dell’agglomerato di Torino sono stati inseriti sei comuni di pianura

2599

Da oggi martedì 25 gennaio fino a mercoledi 26 (giorno in cui Arpa verificherà il perdurare dei fenomeni di inquinamento) prosegue il semaforo arancione che impone il blocco dei veicoli diesel fino alla categoria euro 5. Oltre ai territori compresi nella fascia dell’agglomerato di Torino sono stati inseriti sei comuni di pianura. Inoltre le limitazioni si applicano anche ai veicoli dotati di dispositivo Move In come previsto protocollo operativo per l’attuazione delle misure urgenti antismog, il provvedimento è entrato in vigore dopo lo sforamento per oltre quattro giorni dei limiti alle polveri sottili.

Nella mattinata del 24 gennaio ARPA Piemonte ha confermato il proseguimento dell’accensione del livello arancione del semaforo antismog per i 33 comuni appartenenti all’agglomerato di Torino:
Alpignano, Baldissero Torinese, Beinasco, Borgaro Torinese, Cambiano, Candiolo, Carignano, Caselle Torinese, Chieri, Collegno, Druento, Grugliasco, La Loggia, Leini’, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Pecetto Torinese, Pianezza, Pino Torinese, Piobesi Torinese, Piossasco, Rivalta di Torino, Rivoli, San Mauro Torinese, Santena, Settimo Torinese, la stessa Torino, Trofarello, Venaria Reale, Vinovo, Volpiano, Mappano.
A questi vanno ora aggiunti i seguenti comuni: Carmagnola, Chivasso, Cirie’, Poirino, Rivarolo Canavese e San Maurizio Canavese.

L’attivazione del livello avviene in base ai valori di concentrazione media giornaliera previsti sulle aree interessate dai provvedimenti: nel dettaglio nel caso di previsione per la media giornaliera del superamento del valore di 50 ug/m3  (pari al valore limite giornaliero) per tre giorni consecutivi si attiva il livello «arancio», mentre nel caso di previsione del superamento del valore di 75 ug/m3  (pari ad 1.5 volte il valore limite giornaliero) per tre giorni consecutivi si attiva il livello «rosso».

I nuovi criteri per l’attivazione del semaforo sono dettagliati nell’allegato 1 della Determina Dirigenziale  96/A1602B/2021 del 26 febbraio 2021 del Settore Emissioni e Rischi Ambientali della Regione Piemonte. Arpa Piemonte pubblica la mappa dei comuni con il livello del semaforo attivo per il giorno in corso e per i giorni successivi e viene aggiornato tre volte alla settimana: lunedì, mercoledì e venerdì entro le ore 12 dal 15 settembre al 15 aprile.

I nuovi criteri prevedono inoltre l’estensione delle aree di applicazione delle misure temporanee con riferimento di Piano della Qualità dell’Aria. Per il settore trasporti  le limitazioni si applicano a tutti i comuni localizzati nella zona Agglomerato di Torino e ai comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti nelle zone Pianure e Collina, per un totale di 76 comuni coinvolti.

In base a quanto disposto dal D.G.R. n. 9-2916 del 26 febbraio 2021 il nuovo protocollo operativo si basa esclusivamente su dati previsionali. I dati misurati dalle stazioni sono consultabili nella pagina dedicata alle ‘OSSERVAZIONI e le stime delle concentrazioni su base comunale, derivanti dall’integrazione dei dati osservati e della modellistica numerica, sono disponibili nel servizio dati osservati e valutazione del Geoportale di Arpa Piemonte e sul  portale qualità dell’aria in Piemonte.

Il ‘SEMAFORO’ per l’attuazione della misura antismog è disponibile sul sito di Regione Piemonte nella sezione ‘Qualità dell’aria in Piemonte’ alla voce Protocollo operativo antismog