Trasformare gli sprechi alimentari in capi di abbigliamento, l’esempio di 12 aziende virtuose

Sono diverse le aziende che stanno lavorando per ridurre gli sprechi alimentari e al tempo stesso rendere più sostenibile il settore della modo producendo fibre naturali per capi di abbigliamento utilizzando i prodotti alimentari di scarto

737
sprechi alimentari

L’Organizzazione delle Nazioni Unite riferisce che un terzo di tutto il cibo prodotto nel mondo va sprecato. Un aiuto sembra poter arrivare dall’industria tessile – secondo uno studio Quantis International responsabile del 6,7% di tutte le emissioni globali di gas serra – con alcune aziende che stanno producendo fibre naturali ottenute da scarti alimentari. Come spiega Isaac Nichelson, co-fondatore e amministratore delegato di Circular Systems che usa rifiuti organici per realizzare fibre naturali, l’impatto zero è un tassello fondamentale sulla strada per salvaguardare il pianeta. E, l’azienda di Nichelson non è la sola.

La testata Food Tank ha messo in evidenza 12 aziende innovative che stanno trasformando rifiuti alimentari e sottoprodotti agricoli in prodotti di abbigliamento ecologici. Queste aziende mirano a combattere lo spreco alimentare, proponendo un modello in grado di creare industrie alimentari e della moda più sostenibili.

Agaloop

Agaloop, una delle tre rivoluzionarie piattaforme di termovalorizzazione in fibra di Circular Systems , trasforma i rifiuti alimentari in BioFibre™, un materiale naturale di alta qualità utilizzato nell’industria della moda. Questa fibra è composta da una tecnica di lavorazione che scompone i prodotti di scarto organici tra cui semi di ananas, banana, lino e canapa. Al debutto ai Global Change Awards 2019 e presentata su Vogue , Agaloop riferisce che questa tecnologia può aiutare a generare fino a 250 milioni di tonnellate di fibra ogni anno e soddisfare più di cinque volte l’attuale domanda globale di fibra.

Allegorie

Allegorie è un’azienda a conduzione femminile che produce accessori di alta qualità, cruelty free e privi di PVC, utilizzando frutta di scarto. L’azienda raccoglie prodotti come mango, mele e cactus da fattorie e negozi di alimentari per trasformarli in borse, zaini, portafogli e altro ancora. Utilizzando una combinazione di materiali polimerici di origine vegetale e poliestere riciclato, l’azienda dichiara di utilizzare l’84% di energia in meno rispetto ai metodi di produzione tradizionali.

ALT TEX

La startup con sede a Toronto, ALT TEX, sta creando un’alternativa sostenibile al poliestere grazie ai rifiuti alimentari. Fondata dall’imprenditrice Myra Arshad e dalla sua migliore amica e biochimica Avneet Ghotra, l’azienda ha recentemente raccolto 1,5 milioni di dollari che andranno direttamente alla commercializzazione del tessuto simile al poliestere. Nell’ambito del NEXT36 Entrepreneurship Program, la startup mira a sconvolgere l’industria del poliestere creando un tessuto sostenibile a base di rifiuti alimentari che sia anche privo di microplastiche.

Piñatex

Ananas Anam, una B Corporation certificata, è l’ideatrice di Piñatex, una pelle a base vegetale ricavata dagli scarti di fibre di foglie di ananas. Più di 100 marchi in tutto il mondo hanno utilizzato il tessuto dell’azienda, che può essere mescolato con altri materiali naturali. L’azienda riferisce che la conversione delle foglie – che altrimenti sarebbero andate sprecate – in Piñatex ha evitato il rilascio di 264 tonnellate di anidride carbonica. Piñatex ha ricevuto l’Arts Foundation Material Innovation Award nel 2016. Anche pubblicazioni come Huffington Post, WIRED, ELLE e Vogue hanno parlato dei prodotti dell’azienda.

Bananatex

Realizzato con fibre provenienti dalla pianta di banano Abacá coltivata naturalmente nelle Filippine, Bananatex è un tessuto biodegradabile e impermeabile al 100% sviluppato dal marchio svizzero di borse e dagli innovatori dei materiali QWSTION. La pianta di banano utilizzata per il Bananatex, che non richiede ulteriori pesticidi o fertilizzanti, viene utilizzata anche per contribuire agli sforzi di riforestazione nelle Filippine. Questo sostituto circolare dei tessuti sintetici ha vinto il Green Product Award 2019, il Design Prize Switzerland Award 2019/20 e il German Sustainability Award Design 2021.

Bolt Threads

Bolt Threads è un’azienda di soluzioni materiali che ha creato Mylo, una finta pelle ricavata dal micelio, la rete sotterranea dei funghi. La produzione del micelio utilizzato per creare Mylo richiede pacciame, aria e acqua e, secondo l’azienda, il micelio impiega solo due settimane per crescere. Marchi come adidas, lululemon e Stella McCartney hanno incorporato Mylo nelle loro linee di prodotti.

Desserto

Fondata nel 2019 da Adrian Lopez Velarde e Marte Cazarez, l’azienda messicana Desserto produce un’alternativa di pelle ricavata dal cactus nopal, noto anche come fico d’India. Priva di plastica, cruelty-free e che richiede poca acqua per essere prodotta, questa pelle a base vegetale viene utilizzata nell’industria automobilistica, della moda e dell’arredamento. Desserto ha recentemente collaborato con aziende come Adidas, Mercedes Benz e BMW. Ha ricevuto riconoscimenti e premi da organizzazioni come LVMH, Good Design Australia, Global Fashion Agenda, Architectural Digest e PETA.

Kombucha Couture

Disegnata dal casaro Sacha Laurin, Kombucha Couture è una linea di gioielli e abiti sostenibili prodotti dalla cultura simbiotica di batteri e lieviti (SCOBY) utilizzata anche per produrre il kombucha. Lavorando per creare un tessuto resistente e versatile che possa sostituire la pelle, la tela o la seta, Laurin sperimenta con diverse colture essiccate per creare capi di abbigliamento. Presentata alla Sacramento Fashion Week nel 2014 e sull’Huffington Post, Kombucha Couture spera di contribuire a definire la moda sostenibile.

Orange Fiber

Utilizzando i sottoprodotti del succo di agrumi, l’azienda italiana Orange Fiber cerca di produrre tessuti sostenibili di alta qualità per le aziende di abbigliamento di tutto il mondo. Per produrre i suoi tessuti, l’azienda mescola un filato di cellulosa simile alla seta che può essere utilizzato da solo o in combinazione con altri filati e materiali. Orange Fiber riferisce di aver prodotto oltre 15.000 metri di tessuto riciclando più di 120 tonnellate di sottoprodotti di agrumi. Orange Fiber ha ricevuto diversi premi, tra cui il premio UNECE Ideas For Change, il MF Supply Chain Awards 2020 e il premio Elle Impact2 For Women.

QMilk

Sviluppato dalla microbiologa e stilista Anke Domaske, QMilk è una fibra tessile biodegradabile e rinnovabile al 100% ricavata dal latte vaccino. Utilizzando i 2 milioni di tonnellate di latte che ogni anno vanno sprecati in Germania, QMilk lavora per offrire una soluzione sostenibile e innovativa ai rifiuti alimentari. Con l’obiettivo di diventare completamente a rifiuti zero, l’azienda ha ricevuto premi come il Greentech Award 2015 e il premio per l’innovazione “Materiale bio-based dell’anno” nel 2014.

S.Café

Inventato nel 2008 dall’azienda taiwanese di tessuti funzionali Singtex, S.Café è un tessuto realizzato con fondi di caffè usati. S.Café si procura i fondi di caffè dalle caffetterie di Taiwan e li combina con altri materiali riciclati per produrre un filato deodorante e ad asciugatura rapida. North Face, Puma e Timberland sono tra i marchi di abbigliamento che utilizzano i materiali del marchio. Negli ultimi anni S.Café ha ricevuto il Taiwan Excellence Award nel 2016 e nel 2017, e l’ISPO TEXTRENDS Award nel 2014, 2015, 2016 e 2018/19.

Vegea

Fondata nel 2016 a Milano, Vegea è un’azienda tecnologica che produce un prodotto simile alla pelle vegetale ricavato dagli scarti del vino. Derivata dalla vinaccia – le bucce, i raspi e i semi che di solito vanno sprecati durante la produzione del vino – la pelle a base vegetale di Vegea è un tessuto riciclabile e rinnovabile al 100%. Le aziende possono utilizzare la pelle per borse e altri accessori, scarpe e abbigliamento. Vegea ha ricevuto premi e riconoscimenti tra cui il premio Start&Cup 2015, il premio Innovazione Made in Italy 2017 di Unicredit e il Global Change Award 2017 di H&M Foundation.