Nuovo studio Zero Waste Europe: l’elettricità prodotta dagli inceneritori è spaventosamente bassa

Secondo il nuovo studio sull’efficienza dell'elettricità generata dall'incenerimento dei rifiuti, solo nel migliore dei casi è attorno al 20%, un dato molto basso rispetto al 35% di quella prodotta negli impianti a carbone e 55% con turbine a gas a ciclo combinato. Lo studio mette in discussione anche la distinzione tra “smaltimento” e “recupero” dell’incenerimento

532
Zero waste Europe
Foto di Steve Buissinne da Pixabay

L’efficienza dell’elettricità generata dagli impianti di incenerimento dei rifiuti in Unione Europea è spaventosamente bassa. Lo rileva un nuovo studio di Zero Waste Europe (ZWE), “Debunking Efficient Recovery: the Performance of EU Incineration Facilities” condotto da Equanimator, secondo cui le efficienze tipiche dei generatori di energia, specialmente quando si genera solo elettricità, sono nel migliore dei casi intorno alla metà del 20%. Ciò si confronta male con le cifre di circa il 35% per la produzione di elettricità a carbone e il 55% per gli impianti con turbine a gas a ciclo combinato (CCGT).

La situazione è leggermente migliore per quanto riguarda la generazione di calore, ma anche qui le prestazioni non sono migliori di quelle delle caldaie domestiche alimentate a gas. La situazione peggiora – le emissioni di fatto raddoppiano, sia per l’elettricità che per il gas – se si considerano le emissioni di CO2 non fossile da incenerimento dei rifiuti.

Inoltre, lo studio mette in discussione la base piuttosto arbitraria che distingue tra smaltimento (D10) e recupero (R1) dell’incenerimento. La soglia di efficienza energetica fissata nella formula R1, stabilita per operare una distinzione tra inceneritori a smaltimento a recupero, è troppo facile da raggiungere. La soglia R1 potrebbe essere raggiunta con efficienze fino al 16,5% di efficienza netta. Il rapporto raccomanda quindi di abbandonare la distinzione priva di significato tra incenerimento D10 e R1.

Janek Vähk, coordinatore del programma per il clima, l’energia e l’inquinamento atmosferico di ZWE, afferma: “Il rapporto fornisce la prova che la combustione dei rifiuti per produrre energia è un processo molto inefficiente e come tale l’aspetto del recupero energetico è spesso enfatizzato da alcune parti interessate. Inoltre, la decarbonizzazione in corso rende sempre più difficile considerare i rifiuti come un’adeguata fonte di energia, quindi è superata la necessità di recuperare energia dai rifiuti che ha portato alla formula R1”.

Dominic Hogg, Direttore di Equanitor: “La distinzione tra ‘recupero’ e ‘smaltimento’ per motivi di efficienza energetica è sempre discutibile. Gli inceneritori sono tenuti, per legge, a recuperare il calore per quanto possibile, e qualsiasi distinzione significativa avrebbe escluso una parte significativa delle strutture operative. Invece, secondo i dati dell’UE, circa il 98% di tutti i rifiuti urbani inceneriti viene smaltito in impianti che si qualificano come “recupero”. Ciò suggerisce che la “soglia di efficienza” è stata progettata per essere raggiunta troppo facilmente. Dati i benefici decrescenti dell’incenerimento man mano che i sistemi energetici si decarbonizzano, è tempo di eliminare questa distinzione e riclassificare tutti gli inceneritori come impianti di smaltimento”.

La bassa efficienza di generazione dell’incenerimento porta a emissioni di gas serra per unità di elettricità quasi doppie rispetto a quelle associate alla generazione di gas naturale.

Tenendo presente quanto sopra, ZWE invita la Commissione europea nella prossima revisione della direttiva quadro sui rifiuti a:

● eliminare la formula R1 nell’allegato II della direttiva quadro sui rifiuti in modo che l’incenerimento dei rifiuti urbani non possa più essere classificato come “recupero”;

● stabilire un obiettivo di produzione di rifiuti urbani misti (residui) di 100 kg pro capite entro il 2035, per spostare l’attenzione dallo smaltimento dei rifiuti alla produzione di rifiuti misti.

Note di redazione:

Nota: “La presenza di due righe per un determinato Stato membro riflette la discussione nella relazione principale relativa al potere calorifico netto (PCI) dei rifiuti utilizzato nelle stime dell’efficienza di produzione in un determinato Stato membro. Laddove ciò non è stato chiarito, l’analisi è stata intrapresa utilizzando più di una cifra per l’NCV (vedere la seconda colonna della tabella).