Boom dell’elettrico puro in Europa: le auto a batteria sono salite al 9% delle vendite nel 2021, guidate dagli obiettivi UE

Ma senza standard comunitari sulle emissioni di CO2 più ambiziosi e regolari le vendite di veicoli elettrici potrebbero perdere slancio già quest'anno, poiché le case automobilistiche danno la priorità al recupero della quota di mercato dei motori a combustione. Intanto scendono sempre di più le vendite dei diesel. L'analisi di Transport & environment

582
Foto di Mikes-Photography da Pixabay

In Europa cresce sensibilmente l’elettrico puro, grazie all’incremento delle vendite spinto dagli obiettivi di CO2 dell’UE per il secondo anno consecutivo. Secondo i dati Acea, nel 2021 un’auto su 11 venduta nell’Unione Europea lo scorso anno era completamente elettrica: ciò significa che i veicoli a batteria sono arrivati a detenere una quota di mercato del 9,1%, un dato in grandissimo aumento rispetto all’1,9% del 2019, prima che entrassero in vigore gli attuali standard sulle emissioni. La correlazione viene sottolineata dalla ong ambientalista Transport & Environment (T&E), secondo la quale senza gli ambiziosi standard UE nel 2025 e un obiettivo provvisorio nel 2027, le vendite di veicoli elettrici perderebbero slancio per il resto del decennio poiché le case automobilistiche danno la priorità al recupero della quota di mercato dei motori a combustione.

Infografica di Transport & environment

Julia Poliscanova, direttrice senior per i veicoli di T&E, ha dichiarato: “La crescita senza precedenti è innegabilmente il risultato degli obiettivi di CO2 delle automobili dell’UE. Per anni le lente vendite di veicoli elettrici sono state erroneamente attribuite ai consumatori, ma ora sappiamo che quando le case automobilistiche portano i modelli, la domanda segue. Ma quest’anno il regolamento allevia la pressione sui produttori, quindi potremmo già assistere a una ripresa delle vendite inquinanti di auto a combustibili fossili. Gli standard di CO2 devono essere più ambiziosi e più regolari per impedire che le vendite di veicoli elettrici vengano relegate nella corsia lenta”.

La quota di mercato dei plug-in era del 18,0% nel 2021, con i veicoli elettrici a batteria al 9,1% e le vendite di veicoli ibridi plug-in all’8,9%. La loro quota di vendita combinata si è moltiplicata per 6 dal 2019 nell’UE a 27, grazie agli standard di CO2 delle automobili dell’UE.

I prossimi obiettivi dell’UE per le case automobilistiche, nel 2025, sono così deboli che saranno realizzati due anni prima, secondo l’analisi T&E. Senza fissare obiettivi più ambiziosi per le case automobilistiche dal 2025 in poi, incluso un obiettivo intermedio nel 2027 e una riduzione dell’80% di CO2 nel 2030 rispetto a oggi, sarà molto difficile per gli Stati membri raggiungere gli obiettivi climatici nazionali proposti entro il 2030.

Le vendite di veicoli elettrici (BEV) sono cresciute più rapidamente nell’Europa centrale e orientale (+71%) rispetto all’UE14 (+67%) lo scorso anno. I maggiori mercati BEV rimangono Germania (356.000 unità), Francia (162.000) e Italia (67.000) ma, in termini di quota di vendita, i Paesi Bassi sono in testa con il 20%, seguiti da Svezia (19%) e Austria (14%). Le vendite di BEV sono aumentate più rapidamente in Grecia con un aumento del 220% nel 2021.

I falsi ibridi plug-in “elettrici” – che, quando non caricati, possono effettivamente inquinare più dei motori a combustibili fossili – dominano ancora le vendite di veicoli elettrici in molti grandi mercati: Belgio (68% di quota PHEV delle vendite di veicoli elettrici), Spagna (65%). Quest’anno i legislatori dell’UE hanno l’opportunità di colmare le lacune nella regolamentazione della CO2 automobilistica che promuove le vendite di PHEV e SUV offrendo alle case automobilistiche obiettivi più facili se vendono veicoli più pesanti.

Julia Poliscanova ha dichiarato: “La crescita dei veicoli elettrici è in realtà più elevata in luoghi come Croazia, Lituania e Bulgaria rispetto all’Europa occidentale. Ma il passaggio non avverrà abbastanza velocemente da solo. La seconda ondata di normative automobilistiche in fase di progettazione ora dovrebbe richiedere all’industria automobilistica di produrre in serie e vendere più modelli a emissioni zero più economici, mentre la nuova legge sulle infrastrutture dell’UE dovrebbe garantire un’introduzione più rapida e migliore della tariffazione per tenere il passo”.

Il mercato del diesel ha raggiunto un nuovo minimo con solo il 20% delle vendite di automobili nell’UE lo scorso anno e continuerà a diminuire e sarà superato dalle vendite di veicoli BEV nel 2022. Gli ibridi rappresentavano il 19,6% delle vendite, mentre altri propulsori alternativi (inclusi Include metano, GPL, etanolo E85 e altri combustibili) rappresentano una quota trascurabile del mercato (2,8%) con un calo significativo delle vendite di auto a metano (-21%).