“Il kit solare che sta salvando la mia famiglia dal buio”: nuova lettera di testimonianza dall’Ucraina

Ad Eco dalle Città arriva una nuova testimonianza di Nadiya Kuguk da Leopoli, dove ogni giorno la popolazione fa i conti con la carenza energetica dovuta alla guerra: "Qui a Lviv piove spesso e il cielo è solitamente coperto, per questo utilizzare i pannelli solari per generare elettricità mi sembrava un'idea utopica....la stazione modulare di OffgridSun funziona però anche alle nostre latitudini geografiche tutt'altro che soleggiate e salva la mia famiglia ogni giorno dal buio"

932
Buio e kit solari Leopoli

“Le persone si abituano rapidamente al comfort. Vantaggi impercettibili e familiari in tempo di pace: l’accesso 24 ore su 24 all’elettricità, a Internet, all’approvvigionamento idrico e al riscaldamento domestico diventano un lusso in tempo di guerra. Quando l’invasore attacca e distrugge periodicamente le infrastrutture critiche, le comunicazioni standard diventano particolarmente preziose.

Leopoli è chiamata, non a torto, la nebbiosa Albione della Galizia (la Galizia è una parte dell’Ucraina occidentale). In questa città piove spesso, il cielo è solitamente coperto e il tempo è tipicamente nuvoloso. C’è anche una canzone che dice: “Non riesco a immaginare Lviv senza pioggia”. Quindi utilizzare i pannelli solari per generare elettricità mi sembrava un’idea utopica.

Tuttavia, come si è visto, anche un solo pannello solare può fornire elettricità per le esigenze domestiche di base degli abitanti di un appartamento. Ne ero convinta già dopo una settimana di utilizzo della stazione modulare OffgridSun. Questo produttore italiano ha sviluppato un sistema estremamente efficiente che funziona anche alle nostre latitudini geografiche tutt’altro che soleggiate.

Consideriamo quanto segue: un edificio a più piani in una zona densamente popolata della città, un appartamento sul lato nord dell’edificio, al primo piano, con accesso limitato alla luce solare. Funzionerà davvero qui? Non siamo in un’Italia soleggiata. Abbiamo però scoperto che funziona, e salva la mia famiglia dal buio ogni giorno!

A Lviv ci sono orari di interruzione dell’elettricità. Durante il giorno siamo senza elettricità per almeno 8-12 ore. Di conseguenza, non è possibile far funzionare alcun apparecchio che richieda energia. Durante il giorno, metto il pannello solare sul balcone e per catturare i raggi del sole. Il processo di ricarica avviene anche se il cielo è coperto e piove. Sì, si carica lentamente. Ma anche questa carica generata dal pannello solare è sufficiente per accendere le lampade in camera la sera e ricaricare il telefono. E il giorno dopo posso rimettere il pannello sul balcone.

Ho anche acquistato un adattatore. Nei periodi in cui l’elettricità è disponibile, la batteria della stazione può essere caricata da una presa elettrica. Si tratta di un’opzione di riserva se il sole è molto scarso.

Una stazione di questo tipo funziona come una grande batteria di energia stazionaria. È comoda da spostare in tutto l’appartamento, in stanze diverse o in cucina. Collego le lampade, ricarico il telefono e la torcia. La sera uso la torcia per strada, perché anche l’illuminazione stradale e delle vie cittadine è spenta. È quindi molto importante avere una torcia o usare il telefono per illuminare la strada.

Purtroppo, una stazione di batterie di questo tipo non è sufficientemente potente per fornire energia agli elettrodomestici, come un boiler elettrico o un frigorifero. Ma è sufficiente per le esigenze di illuminazione primaria. Fortunatamente, il sole non è sotto il controllo degli invasori russi. E il sole non fattura per l’uso dei suoi raggi”.

Nadiia Kuhuk (Lviv), 19.01.2023