Climate Action Tracker alla Cop27: la corsa al gas compromette la lotta al cambiamento climatico

Il gruppo di ricerca lo denuncia in occasione del summit in Egitto e spiega che secondo l'Agenzia internazionale per l'energia per raggiungere l'obiettivo di zero emissioni nel 2050, l'uso mondiale del gas nel 2030 deve essere del 30% sotto il livello del 2021. La crisi energetica scatenata dalla guerra in Ucraina porterebbe tra il 2020 e il 2050 un livello di emissioni complessive da Gnl più alte di oltre 40 miliardi di tonnellate di CO2

527
climate action tracker cop27
Image by kobitriki from Pixabay

La denuncia del gruppo di ricerca scientifica Climate Action Tracker (Cat) arriva in occasione della Cop27 in Egitto: l’obiettivo di mantenere il riscaldamento globale entro 1,5 gradi rischia di essere seriamente compromesso dall’espansione della produzione di gas naturale liquefatto, in conseguenza della crisi energetica. La ricerca presentata in occasione della Giornata dedicata alla Scienza evidenzia come la massiccia espansione del gas rischia di superare le politiche climatiche positive. Non aiuta, ovviamente, la crisi energetica causata dall’invasione illegale dell’Ucraina da parte della Russia che ha spinto i governi a lottare per rafforzare la sicurezza energetica. Tuttavia, in molti casi i governi stanno raddoppiando i combustibili fossili – la vera causa della crisi climatica – abbattendo l’azione per il clima all’ultimo posto nell’agenda politica, nonostante il fatto che le rinnovabili, l’efficienza e l’elettrificazione siano di gran lunga le opzioni più economiche, veloci e sicure. In tutto il mondo l’industria del petrolio e del gas sta spingendo il gas fossile come via d’uscita dalla crisi.

L’aggiornamento del 2022 della Road map dell’IEA Net Zero entro il 2050 mostra che, a causa dell’accelerazione delle riduzioni dei costi delle energie rinnovabili e dello stoccaggio e di altre tecnologie, il consumo totale di gas a livello globale entro il 2030 deve essere almeno il 30% inferiore ai livelli del 2021, circa il 45% più veloce di quanto stimato un anno fa nel 2021.

I massicci piani di espansione del GNL comprometteranno seriamente il raggiungimento del limite di 1,5°C. La nuova analisi CAT rileva che la capacità di GNL ora in costruzione, insieme ai piani di espansione, potrebbe aumentare le emissioni di oltre 1,9 GtCO2e all’anno nel 2030 al di sopra dei livelli di emissione coerenti con lo scenario Net Zero entro il 2050 dell’IEA. Questa pipeline di nuovi impianti esacerba enormemente il fatto che la capacità esistente (a partire dal 2021) supererà il fabbisogno IEA NZE entro il 2030.

Tra il 2020 e il 2050, le emissioni cumulative da GNL potrebbero essere superiori di oltre 40 GtCO2, pari a circa il 10% del budget di carbonio residuo. Nel 2030, l’eccesso di offerta potrebbe raggiungere i 500 milioni di tonnellate di GNL, quasi cinque volte le importazioni dell’UE di gas fossile dalla Russia nel 2021 e il doppio delle esportazioni totali russe. Questa reazione alla crisi energetica è una portata eccessiva che deve essere ridimensionata.

Progressi limitati da Glasgow Il processo di aggiornamento dell’NDC di Glasgow non è riuscito a realizzare gli urgenti tagli alle emissioni che i governi avevano promesso di mantenere per mantenere il riscaldamento a 1,5°C. Il mondo si sta dirigendo verso 2,4°C di riscaldamento sotto gli attuali obiettivi del 2030. Se quel numero sembra familiare, è perché è lo stesso dell’anno scorso.

Sono ben accetti obiettivi più forti da Australia, Emirati Arabi Uniti, Norvegia e Thailandia, ma non abbastanza per spostare il termometro, né sono compatibili con 1,5°C. Allo stesso tempo, i primi tre paesi stanno aumentando le loro esportazioni di combustibili fossili, in particolare gas e GNL, mentre la Thailandia sta pianificando un massiccio aumento delle importazioni di GNL che minerà le energie rinnovabili.

Non ci sono stati miglioramenti sostanziali degli impegni netti zero esistenti dalla COP26. Il riscaldamento potrebbe essere di 1,8°C, se tutti gli obiettivi in ​​discussione fossero pienamente attuati, invariato rispetto allo scorso anno. Sono necessari obiettivi 2030 più forti e l’attuazione delle politiche per rendere credibili questi impegni e fornire effettivamente un motivo di ottimismo.

L’attuazione delle politiche è progredita, ma resta troppo lenta. Si sono verificati sviluppi notevoli negli Stati Uniti, che hanno approvato il pacchetto di politica climatica più ambizioso e potenzialmente impattante della sua storia, la Cina, che ha adottato politiche più ambiziose in materia di energia pulita nei suoi 14 piani quinquennali e nell’UE, che prevede di superare il proprio obiettivo con le sue nuove politiche. Ma emissioni storiche più elevate e alcuni aggiornamenti della metodologia basati sulla scienza più recente significano che la nostra stima della temperatura per le politiche e le azioni rimane invariata a 2,7°C.

I contributi ai finanziamenti per il clima sono ancora lontani dall’essere sufficienti

I finanziamenti internazionali per il clima sono aumentati solo del 4% nel 2020 e non rimangono affatto vicini al livello sufficiente per sostenere l’attuazione di ulteriori riduzioni delle emissioni nei paesi in via di sviluppo. Nessun paese sviluppato che seguiamo ha una valutazione migliore di “Insufficiente” sulla finanza. Tutti devono aumentare notevolmente il proprio livello di impegno.

Le iniziative settoriali non sono ancora state all’altezza del clamore. I governi hanno continuato ad aderire al Global Methane Pledge quest’anno, ma alcuni dei principali emettitori sono rimasti in disparte. I firmatari hanno pianificato di ridurre le emissioni di metano o incluso misure nei loro NDC, ma resta da vedere la portata dell’attuazione.

La riduzione delle emissioni fuggitive è un elemento comune in molti piani, ma non inficia la vera sfida: andare oltre il carbone, il petrolio e il gas eliminando gradualmente la produzione. Così come non esiste il “carbone pulito”, non esiste nemmeno il “petrolio pulito” né il “gas pulito”. La sola gestione delle emissioni fuggitive di metano non basta. La Colombia è l’unica eccezione, dove il neoeletto presidente ha già introdotto una legislazione per vietare il fracking nel paese, una promessa elettorale chiave.

L’impegno per l’uscita dal carbone di Glasgow non è stato determinante per l’azione nel 2022 poiché i progressi, sia dei firmatari che dei principali emettitori che rimangono al di fuori dell’iniziativa, sono stati contrastanti. L’accordo per “abbassare gradualmente” il carbone nell’ambito del patto per il clima di Glasgow è stato in gran parte ignorato dai grandi paesi del carbone.

L’adozione dei veicoli elettrici sta andando nella giusta direzione, ma non abbastanza velocemente. Molti governi che hanno firmato la Dichiarazione sui veicoli elettrici COP26 avevano già obiettivi e politiche per i veicoli elettrici in atto. Nel 2022 hanno continuato ad attuare quei piani. L’adesione non è aumentata in modo significativo quest’anno. L’UE ha accettato di vendere solo auto prive di CO2 a partire dal 2035, ma non ha firmato la dichiarazione. Le prime tre nazioni produttrici di automobili (Cina, Stati Uniti e Giappone) non si sono iscritte: hanno obiettivi di vendita di veicoli elettrici, ma non sono ancora coerenti con un percorso di 1,5°C.