COP27, il bollettino di Italian Climate Network sulla seconda giornata del summit

Pubblichiamo il report della seconda giornata della COP27 a cura dell’ong italiana Italian Climate Network, partner di 350.org e membro del Climate Action Network Europe, al centro del bollettino l’intervento della Presidente del Consiglio Meloni

375
Meloni COP27 bollettino Italian Climate Network seconda giornata
Fonte Ansa

Pubblichiamo il bollettino dell’ong italiana Italian Climate Network, partner di 350.org e membro del Climate Action Network Europe, presente alla Cop27 in corso a Sharm el-Sheikh in Egitto, scritto nella seconda giornata del summit.

Si è conclusa intorno all’ora di cena la seconda giornata di COP27. Mentre nelle stanze negoziali delegati e organizzazioni cominciavano a preparare il campo ai negoziati dei giorni successivi, nella grande sala plenaria sfilavano gli oltre 100 Capi di Stato e di Governo per il consueto vertice dei leader dei paesi partecipanti, in un contesto di ultra-militarizzazione del centro congressi di Sharm El-Sheikh e immediati paraggi.

A COP27 Meloni non sorprende e presenta un discorso dai toni ampiamente mainstream, senza acuti. La Premier rivendica iniziative prese dal Governo Draghi nonostante fosse la leader dell’opposizione e sottolinea la nuova amicizia strategica con alcuni esportatori africani di fonti fossili. Nel definire sommariamente la sua visione non parla di PNIEC, PNACC, Perdite e Danni, ma neanche di Green Deal Europeo – omissioni non casuali.

Si apre con l’analisi di Jacopo Bencini, Policy Advisor e Capo Delegazione di ICN a COP27 questo secondo Bollettino ICN, già molto ampio e denso di approfondimenti, in cui trovate anche a seguire articoli a cura di: Stefano Caserini, Professore di Mitigazione dei Cambiamenti Climatici al Politecnico di Milano e socio fondatore di Italian Climate Network, Aurora Audino e Teresa Giuffrè, volontarie della sezione Clima e Advocacy e Erika Moranduzzo e Camilla Pollera, volontarie della sezione Clima e Diritti.

Meloni a COP27: tra mainstream, omissioni e il fantasma Draghi.

La Presidente del Consiglio Meloni, al suo primo vertice extra-europeo, ha portato a COP27 un discorso breve e asciutto, in lingua inglese. Chi come noi di Italian Climate Network attendeva il primo discorso della neo-premier per capire i principali indirizzi politici del nuovo governo, potrebbe essere rimasto colpito da tono e contenuti assolutamente mainstream sulla maggior parte dei temi, espressi nel linguaggio standard del politically correct internazionale e onusiano, insomma non la Meloni cui siamo abituati in Italia ed in Parlamento.

Continua a leggere