Accordo tra Corepla e CSI: novità sulla riciclabilità degli imballaggi in plastica

Nascono un nuovo laboratorio e una certificazione per la verifica della riciclabilità degli imballaggi in plastica. Oltre a svolgere un ruolo chiave per il miglioramento delle prassi di selezione e riciclo attuate dal Consorzio, la struttura sarà a disposizione di tutte quelle aziende che vorranno verificare la riciclabilità dei propri imballaggi in plastica

1237
Corepla e CSI

Corepla, il Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclo e il Recupero degli imballaggi in plastica, e CSI S.p.A, società del Gruppo IMQ, organismo di valutazione della conformità su prodotti, materiali, processi, servizi e impianti, hanno sottoscritto un accordo per l’avvio di una collaborazione finalizzata a migliorare la riciclabilità e il recupero di imballaggi e prodotti in plastica. Il progetto prevede la nascita, entro fine anno, di un laboratorio di prova in grado di valutare la selezionabilità e la riciclabilità dei diversi materiali plastici.

“Si tratta di un progetto che eleverà ulteriormente il livello di efficienza dei sistemi di riciclo dei prodotti in plastica, con la costruzione di un sistema sempre più raffinato ed efficiente di controllo e certificazione di tutti i passaggi che contraddistinguono il ciclo di vita degli imballaggi ha dichiarato il presidente di Corepla, Giorgio Quagliuolo. Mi fa piacere sottolineare inoltre lo spirito di servizio con cui nasce questo laboratorio, che consentirà alle aziende che lo vorranno, di verificare preventivamente la riciclabilità dei loro packaging, e questo a tutto vantaggio del contenimento dei possibili impatti ambientali delle loro attività. Nel settore del trattamento virtuoso dei rifiuti, di qualsivoglia tipologia essi siano, occorre sapere guardare con lungimiranza e progettualità fattiva al futuro, e con questo progetto Corepla dimostra l’inossidabile volontà di rispondere concretamente agli obiettivi di sostenibilità che la comunità nazionale e internazionale ci chiede di raggiungere”.

Soddisfazione anche da parte del CEO di CSI S.p.A., Lucio Luciotti: “Quale laboratorio leader a livello internazionale, con trentennale esperienza e competenza per le analisi di caratterizzazione e le verifiche di conformità delle materie plastiche, siamo lusingati di collaborare con il consorzio Corepla in questo innovativo progetto per lo sviluppo di processi di selezione di rifiuti di imballaggi in materiale plastico, apportando tutto il nostro know-how nei settori del testing e della certificazione, e guidare quindi le aziende verso imballaggi sempre più riciclabili e sostenibili”.

Oltre all’attività di laboratorio, CSI offrirà anche un servizio di certificazione di riciclabilità con il rilascio di un’attestazione di terza parte finalizzata a dare evidenza sul mercato che l’imballaggio plastico sia trasformabile in materia prima-secondaria.

Corepla interverrà nel progetto con il proprio specifico know-how relativo alla gestione dei processi di selezione e avvio a riciclo degli imballaggi in plastica, mentre CSI metterà a disposizione le competenze in materia di attività di prova e di certificazione dei prodotti.

Oltre a supportare Corepla nell’effettuare caratterizzazioni polimeriche dei flussi dei rifiuti selezionati, garantendo maggiore qualità per il mercato del riciclo, il laboratorio sarà aperto a tutte le aziende che vorranno verificare l’effettiva riciclabilità del proprio packaging prima di immetterlo sul mercato.

Un intento virtuoso quello alla base dell’accordo Corepla-CSI che, mettendo a disposizione di tutti gli operatori del settore le competenze e le esperienze maturate negli specifici ambiti, si propone di costituire un nuovo polo di riferimento per le aziende improntate alla sostenibilità, alla riduzione dell’impatto sull’ambiente, all’economia circolare.