Cosa serve all’Italia per essere davvero ‘Fit for 55′. Idee, proposte e progetti per accelerare la transizione ecologica

Venerdì 30 luglio il gruppo parlamentare "FacciamoECO" nella sala stampa della Camera ha presentato, insieme ad alcune delle principali associazioni ambientaliste italiane, alcune proposte prioritarie su rinnovabili, mobilità sostenibile, economia circolare e agroecologia per rendere davvero l’Italia ‘Fit for 55’, riprendendo il nome del pacchetto di misure Ue per rendere operativo il Green Deal europeo. Ecco il video completo

868

L’Italia ha le carte in regola per essere davvero ‘Fit to 55’?


Se l’Europa ha bisogno di più ambizione, l’Italia non solo deve dimostrarsi più coraggiosa ma deve anche avere maggiori coerenza e visione. Purtroppo, invece, abbiamo sprecato alcune occasioni importanti per avvicinarci a un futuro carbon neutral. Il Pnrr, ad esempio, non solo è sbilanciato sull’idrogeno più che sulle rinnovabili e sull’alta velocità più che sul trasporto pubblico locale sostenibile, ma ha indicato per la revisione del Piano energia e clima un obiettivo di riduzione delle emissioni al 2030 di solo il 51%, ossia addirittura inferiore al target europeo del 55%. Che andrebbe portato almeno al 65%. E nel più recente decreto Semplificazioni ha agevolato soprattutto le grandi opere impattanti, più che i settori funzionali alla transizione quali rinnovabili ed economia circolare.

Venerdì 30 aprile FacciamoECO ha presentato in Sala Stampa alla Camera insieme alle associazioni ambientaliste alcune proposte prioritarie su rinnovabili, mobilità sostenibile, economia circolare e  agroecologia per rendere davvero l’Italia ‘Fit for 55’.
Sono intervenuti i deputati della componente ecologista FracciamoECO Rossella Muroni, Andrea Cecconi, Lorenzo Fioramonti e Alessandro Fusacchia,  il Presidente del Coordinamento Free Livio De Santoli, il Direttore scientifico del Kyoto Club Gianni Silvestrini, la già co-portavoce dei Verdi Europei Monica FrassoniDamiano Di Simine per Legambiente, Stefano Leoni per Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, la Portavoce di Green Italia Annalisa Corrado e Famiano Crucianelli, per il BioDistretto della Via Amerina e Delle Forre.