Eurostat, gas serra in aumento del 3% nel secondo trimestre del 2022

Il dato è confrontato con lo stesso periodo del 2021, con una quota di emissioni pari a 905 milioni di tonnellate. L'incremento è dovuto alla crisi economica e all’aumento del Pil dopo il calo delle attività dovute al Covid-19

751
Eurostat emissioni gas serra
Image by Marcin from Pixabay

Nel secondo trimestre del 2022, le emissioni di gas a effetto serra dell’economia dell’UE sono state pari a 905 milioni di tonnellate di CO2 equivalente (CO2 equivalente), con un aumento del 3% rispetto allo stesso trimestre del 2021. L’aumento documentato è in gran parte correlato all’effetto della crisi economica, che può derivare dalla crescita del prodotto interno lordo (PIL), a seguito del forte calo dell’attività dovuto alla crisi COVID-19.

I dati sono le stime trimestrali delle emissioni di gas serra per attività economica pubblicate da Eurostat che integrano i dati socioeconomici trimestrali, come il PIL o l’occupazione.

Per avere maggiori informazioni sul tema: Statistics Explained sulle emissioni trimestrali di gas serra.

Nel secondo trimestre del 2022, i settori economici responsabili della maggior parte delle emissioni di gas a effetto serra sono stati “manifatturiero” (23%), “fornitura di elettricità e gas” (19%) e “famiglie” (17%), seguiti da “trasporti e stoccaggio” (14%) e “agricoltura” (13%).

Le emissioni di gas serra sono aumentate nella maggior parte dei settori rispetto allo stesso periodo del 2021, ad eccezione dei settori legati alla ‘famiglie’ e all”agricoltura’, che sono diminuite dell’8% (-13 milioni di tonnellate di CO2 eq.) e dell’1% (-1 milione di tonnellate di CO2 eq.) CO2-eq.), rispettivamente. Gli incrementi maggiori sono stati registrati nei settori ‘trasporto e stoccaggio’ (+22% o 22 milioni di tonnellate di CO2 eq.), ‘fornitura energia elettrica, gas’ (+6% o 10 milioni di tonnellate di CO2 eq.) e ‘servizi’ (+6% o 4 milioni di tonnellate di CO2-eq.)

Per approfondire:

Note metodologiche: 

Metadati sulle emissioni trimestrali di gas serra

  • I gas serra provocano il cambiamento climatico. Il cosiddetto “paniere di Kyoto” dei gas serra comprende anidride carbonica (CO2), metano (CH4), protossido di azoto (N2O) e gas fluorurati. Sono espressi in un’unità comune, CO2-equivalenti.
  • I dati qui presentati sono stime di Eurostat, ad eccezione dei Paesi Bassi e della Svezia, che hanno fornito le proprie stime. La metodologia di Eurostat differisce dal monitoraggio e dalla comunicazione delle emissioni di gas a effetto serra ai sensi delle norme delle Nazioni Unite, che forniscono dati annuali sui progressi dell’UE verso i suoi obiettivi. Una differenza metodologica principale è l’attribuzione ai singoli paesi del trasporto internazionale e le corrispondenti emissioni atmosferiche. Le stime di Eurostat includono le emissioni dei trasporti internazionali nel totale per ciascun paese, secondo il Sistema internazionale di contabilità economico-ambientale (SEEA).
  • L’inventario dell’UE si basa sulle relazioni d’inventario annuali degli Stati membri ed è preparato e controllato dall’Agenzia europea dell’ambiente per conto della Commissione e presentato all’UNFCCC ogni primavera. Il periodo coperto dall’inventario inizia nel 1990 e dura fino a 2 anni prima dell’anno in corso (ad esempio, nel 2021 gli inventari coprono le emissioni di gas a effetto serra fino al 2019). Secondo la legge europea sul clima, l’obiettivo climatico dell’UE è raggiungere una riduzione netta del -55% entro il 2030 e la neutralità climatica entro il 2050.
  • I paesi dell’UE sono tenuti a monitorare le loro regole di sottosegnalazione delle emissioni sulla base di obblighi concordati a livello internazionale in linea con le linee guida dell’IPCC. La comunicazione riguarda le emissioni di sette gas a effetto serra provenienti da tutti i settori: energia, processi industriali, uso del suolo, cambiamento di uso del suolo e silvicoltura (LULUCF), rifiuti, agricoltura, ecc. In quanto parti dell’UNFCCC, del suo protocollo di Kyoto e dell’accordo di Parigi, l’UE e gli Stati membri riferiscono annualmente alle Nazioni Unite sulle proprie emissioni di gas a effetto serra (“inventari dei gas a effetto serra”).