Firenze, torna la raccolta differenziata anche per gli utenti positivi al Covid

Anche a Firenze confermato ciò che in tante altre città avviene ormai da tempo, in base alle ultime linee guida dell'Istituto Superiore di Sanità. A partire da venerdì 29 aprile i cittadini contagiati devono conferire i rifiuti prodotti ogni giorno con le normali modalità di raccolta differenziata

342

Anche Firenze sospende il servizio di raccolta rifiuti dedicato per gli utenti positivi al Covid. Lo comunica Alia Servizi Ambientali in una nota, confermando ciò che in tante altre città avviene ormai da tempo in base alle ultime linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità. A partire da venerdì 29 aprile i cittadini contagiati devono conferire i rifiuti prodotti ogni giorno con le normali modalità di raccolta differenziata.

A seguito del provvedimento, emanato in conseguenza della cessazione dello stato di emergenza, e vista la scadenza dell’ultima Ordinanza Regionale n.3 del 11/01/2022, Alia Servizi Ambientali si attiene alle nuove regole per la gestione dei rifiuti urbani prodotti dai soggetti in isolamento obbligatorio, indicate nella “Nota tecnica ad interim” dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS) pubblicata nel mese di marzo.

Nei 58 comuni della Toscana centrale, quindi, il gestore sospende da oggi il servizio dedicato esclusivamente agli utenti positivi, invitandoli al rispetto di alcune semplici regole:

  • Differenziare correttamente i rifiuti, secondo il sistema di raccolta attivo nel proprio comune;
  • Utilizzare per il conferimento/esposizione almeno due sacchetti uno dentro l’altro (della stessa tipologia prevista per la frazione raccolta);
  • Chiudere bene sacchetti e/o bidoncini prima dell’esposizione, avendo cura di indossare guanti mono-uso;
  • Non schiacciare e comprimere i sacchi con le mani;
  • Prestare attenzione al conferimento di tutti quei rifiuti che potrebbero essere stati contaminati (fazzoletti di carta, rotoli di carta asciugamano, mascherine, guanti, tamponi per test di autodiagnosi) che devono essere smaltiti con il residuo non differenziabile.

(Per maggiori dettagli consultare il portale www.aliaserviziambientali.it)