Imballaggi in plastica: nel 2020 in Unione Europea riciclati il 38%

Dai dati Eurostat c’è stata una leggera flessione rispetto all’anno precedente dovuta alle nuove indicazioni sulla documentazione da presentare. Ogni cittadino europeo ha prodotto in media 34,6 kg di rifiuti di imballaggio in plastica e di questi, 13,0 kg sono stati riciclati. In totale i rifiuti da imballaggi generati sono stati stimati a 177,2 kg per abitante nell'UE

1263
riciclo imballaggi plastica eurostat
Image by Matthew Gollop from Pixabay

Secondo i dati sul riciclo di imballaggi di plastica a cura di Eurostat, nel 2020 in Unione Europea ne sono stati riciclati il 38%, con una media pro capite di 13,0 kg su una di 34,6 kg di rifiuti di imballaggio prodotti. Tra il 2010 e il 2020 il volume dei rifiuti di imballaggio in plastica prodotti per abitante è aumentato del 23% (+6,5 kg). Nello stesso periodo il volume riciclato dei rifiuti di imballaggio in plastica è aumentato del 32% (+3,2 kg). Nonostante questo miglioramento, la quantità di imballaggi in plastica non riciclati è aumentata di 3,4 kg per abitante dal 2010 a causa dell’aumento della quantità assoluta di rifiuti di imballaggi in plastica generati.

Meno riciclaggio della plastica a causa del cambio di metodo

Nel 2020 sono entrate in vigore norme più severe sulla documentazione relativa al riciclaggio. Questi includono un punto di calcolo armonizzato per il riciclaggio e una contabilità più rigorosa delle frazioni di materiale da imballaggio composito. Per questo motivo è stata osservata una diminuzione provvisoria del 3% (dal 41% nel 2019 a una stima del 38% nel 2020).

Paesi Bassi, Lituania, Slovacchia, Spagna, Bulgaria e Cipro hanno riciclato più della metà dei rifiuti di imballaggio in plastica prodotti. Al contrario, meno di un terzo dei rifiuti di imballaggio in plastica è stato riciclato a Malta, Francia, Danimarca, Ungheria, Irlanda, Romania, Polonia e Austria.

Di seguito le statistiche recenti sui rifiuti di imballaggio nei 27 Stati membri dell’Unione Europea (UE) e in alcuni paesi terzi. In particolare, riassume gli sviluppi nel periodo 2009-2020 per i quali è stata implementata la rendicontazione ufficiale sui rifiuti di imballaggio per tutti gli Stati membri dell’UE. I dati sono solo in parte comparabili a causa di una modifica dei metodi di calcolo per l’anno di riferimento 2020. La modifica riguarda principalmente il calcolo delle quantità riciclate dei rifiuti di imballaggio. Le informazioni ei dati si basano sulla Direttiva 94/62/CE (testo unico), che stabilisce gli obiettivi di riciclaggio e recupero. La direttiva mira a fornire un elevato livello di protezione ambientale e ad armonizzare le misure nazionali relative alla gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio.

Produzione di rifiuti dal materiale di imballaggio

Nel 2020, i rifiuti di imballaggio generati sono stati stimati a 177,2 kg per abitante nell’UE. Questa quantità variava tra 66 kg per abitante in Croazia e 225,8 kg per abitante in Germania. La figura 1 mostra che nel 2020 carta e cartone (41,2%), plastica (19,5%), vetro (19,1%), legno (15,1%) e metallo (5,0%) sono i tipi di rifiuti di imballaggio più comuni nell’UE. Gli altri materiali rappresentano lo 0,1% del volume totale dei rifiuti di imballaggio generati nel 2020.

Figura 1: Rifiuti di imballaggio generati dal materiale di imballaggio, UE, 2020
(%)
Fonte: Eurostat (env_waspac)

Serie storica dei rifiuti di imballaggio

La figura 2 mostra lo sviluppo dei rifiuti di imballaggio generati dal 2009 al 2020 nell’UE. La quantità totale di materiali di imballaggio generati è aumentata di 13,3 milioni di tonnellate dal 2009 al 2020 (+20,1%).

Figure 2: Rifiuti di imballaggio generati dal materiale di imballaggio, UE, 2009–2020
(milioni di tonnellate)
Fonte: Eurostat (env_waspac)

Nel 2020 il volume totale dei rifiuti di imballaggio generati è stato stimato in 79,3 milioni di tonnellate, con una leggera diminuzione dello 0,4 % rispetto al 2019. L’ultimo calo della produzione è avvenuto nel 2012. La riduzione nel 2020 è principalmente dovuta alla diminuzione degli imballaggi in legno (-3,7% rispetto al 2019) e vetro (-0,7%). In aumento tutte le altre tipologie di imballaggio: carta e cartone dell’1,1 %, gli imballaggi in plastica dello 0,2 % e gli imballaggi in metallo dello 0,1 %.

Negli 11 anni carta e cartone sono stati i principali rifiuti di imballaggio generati, contribuendo con 32,7 milioni di tonnellate al totale dei rifiuti di imballaggio generati nel 2020; dal 2009 questo flusso di rifiuti è cresciuto del 25,2%. Il materiale da imballaggio in plastica ha raggiunto un totale di 15,5 milioni di tonnellate come il secondo materiale più significativo (+26,7% rispetto al 2009). Il vetro ha avuto un volume di 15,1 milioni di tonnellate (+13,1%), gli imballaggi in legno 11,9 milioni di tonnellate (+15,2%) e gli imballaggi in metallo 4,0 milioni di tonnellate nel 2019 (+6,7%).

La figura 3 mostra l’andamento della quantità di rifiuti prodotti per abitante, per i principali materiali di scarto. Rispetto al volume totale di rifiuti di imballaggio prodotti per abitante nel 2009, che era di 149,9 kg, il volume totale per abitante nel 2020 è aumentato di 27,4 kg per abitante raggiungendo 177,2 kg per abitante.

Figure 3: Rifiuti di imballaggio generati dal materiale di imballaggio, UE, 2009–2020
(kg pro capite)
Fonte: Eurostat (env_waspac)

La figura 4 mostra l’evoluzione del volume di tutti i rifiuti di imballaggio per abitante generati, recuperati e riciclati. Rispetto all’anno precedente, la quantità di rifiuti di imballaggio prodotti nel 2020 per abitante è leggermente diminuita dello 0,4%. Anche i rifiuti di imballaggio recuperati e quelli riciclati sono diminuiti, entrambi dello 0,7%. Tra il 2009 e il 2020, la quantità di rifiuti di imballaggio prodotti per abitante è aumentata sostanzialmente del 18,2%. Nello stesso periodo i volumi di recupero e riciclaggio sono aumentati ancora di più, rispettivamente del 25,2 % e del 21,5 %.

Figure 4: Rifiuti di imballaggio generati, recuperati e riciclati, UE, 2009-2020
(kg pro capite)
Fonte: Eurostat (env_waspac)

La figura 5 mostra la corrispondente evoluzione dei tassi di riciclaggio e recupero nel periodo 2009–2020. Nell’UE, il tasso di riciclaggio dei rifiuti di imballaggio è aumentato dal 62,6 % nel 2009 al 64,3 % nel 2020. Il tasso di riciclaggio e il tasso di recupero si sono evoluti parallelamente. Il tasso di recupero, compreso l’incenerimento negli impianti di incenerimento dei rifiuti con recupero di energia, è passato dal 75,8 % nel 2009 all’80,2 % nel 2020.

Figure 5: Figura 5: tassi di riciclaggio e recupero dei rifiuti di imballaggio, UE, 2009–2020
(%)
Fonte: Eurostat (env_waspac) and (env_waspacr)

Generazione e riciclaggio per abitante

La quantità totale di rifiuti di imballaggio generati e riciclati viene calcolata da tutti i materiali di imballaggio: vetro, carta e cartone, metallo, plastica, legno e altri. La figura 6 offre una panoramica dei dati riportati dagli Stati membri dell’UE e dai paesi SEE/EFTA nel 2020 sulla generazione e il riciclaggio degli imballaggi per abitante. Nel 2020 c’erano14 Stati membri dell’UE con quantità di rifiuti di imballaggio generati superiori a 150 kg per abitante. La quantità di rifiuti di imballaggio generati negli Stati membri dell’UE nel 2020 variava tra 66,0 kg per abitante in Croazia e 225,8 kg per abitante in Germania, mentre le quantità di rifiuti di imballaggio riciclati variavano da 35,8 kg per abitante in Croazia a 147,5 kg per abitante in Lussemburgo.

Figure 6: Rifiuti di imballaggio generati e riciclati, 2020
(kg pro capite)
Fonte: Eurostat (env_waspac)

Obiettivi e tariffe di riciclaggio e recupero

L’articolo 6 della direttiva sui rifiuti di imballaggio stabilisce gli obiettivi di recupero e riciclaggio. Gli obiettivi dovevano essere raggiunti nel 2008 per la prima volta per tutti i paesi.

La direttiva sui rifiuti di imballaggio fissa i seguenti obiettivi: un tasso di recupero minimo del 60% (compreso l’incenerimento dei rifiuti); tra il 5 % e l’80% dei rifiuti di imballaggio da riciclare; con aliquote minime del 60% per vetro, carta e cartone; 50% per i metalli; 22,5% per la plastica; e 15% per il legno.

Tali obiettivi sono calcolati in base al peso, dividendo la quantità di rifiuti di imballaggio riciclati per la quantità totale di rifiuti di imballaggio prodotti. Il tasso di riciclaggio dei rifiuti di imballaggio in plastica conta esclusivamente il materiale che viene riciclato in plastica.

I tassi di recupero e riciclaggio di tutti i rifiuti di imballaggio nel 2020 negli Stati membri dell’UE e nei paesi SEE/EFTA sono riportati nella tabella 1. Secondo questi tassi, la Finlandia detiene il tasso di recupero più alto del 115,1%; il tasso superiore al 100 % può essere spiegato dallo stoccaggio e dal trattamento dei rifiuti generati negli anni precedenti. Il Belgio ha il più alto tasso di riciclaggio del 79,2%.

Tabella 1: Tasso di recupero e riciclaggio dei rifiuti di imballaggio, 2020
(%)
Fonte: Eurostat (env_waspac) and (env_waspacr)

La figura 7 mostra la quota di opzioni di recupero per tutti i rifiuti di imballaggio nel 2020. La principale forma di recupero in tutti i paesi è il riciclaggio. In alcuni paesi, il recupero energetico dai rifiuti di imballaggio ha contribuito in modo significativo al tasso di recupero complessivo. Nel 2020, il più alto recupero energetico dai rifiuti di imballaggio tra gli Stati membri dell’UE è stato registrato in Finlandia (46,6%). In alcuni paesi non è stato effettuato alcun recupero energetico dai rifiuti di imballaggio. Altre forme di recupero hanno contribuito solo in minima parte.

Figura 7: Recupero dei rifiuti di imballaggio, 2020
(%)
Fonte: Eurostat (env_waspac)