Milano, la campagna di Cittadini per l’Aria per l’impatto dell’inquinamento sui bambini

Primi mezzi pubblici con le foto della campagna di Cittadini per l'Aria sui cosiddetti "BAMBINI FILTRO", che ha l'obiettivo di sollevare il problema dell'impatto dell'inquinamento atmosferico sui più piccoli: "Chiediamo città più sane e vivibili, dove loro possano crescere al meglio e in salute e godere di ogni possibilità"

732

Per le strade di Milano iniziano a vedersi i primi mezzi pubblici con le foto della campagna di Cittadini per l’Aria sui cosiddetti “BAMBINI FILTRO”, che ha l’obiettivo di sollevare il problema dell’impatto dell’inquinamento atmosferico sui più piccoli. “Molto spesso infatti i bambini sono esposti, sin dalla pancia della mamma, ad un’aria talmente poco salubre che il loro cervello non può svilupparsi compiutamente” scrive la onlus su facebook. “Per questo chiediamo città più sane e vivibili, dove loro possano crescere al meglio e in salute e godere di ogni possibilità”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che il 91% della popolazione mondiale sia esposto a livelli di inquinanti dell’aria che superano i valori raccomandati per la salvaguardia della salute. Questo riguarda anche, e soprattutto, i bambini, un segmento della popolazione particolarmente vulnerabile, con una maggiore suscettibilità agli effetti degli inquinanti dell’aria. Il rischio aumenta in modo proporzionalmente inverso rispetto all’età dell’individuo: più è piccolo, maggiori sono i danni causati dall’inquinamento.

Il rapporto “Air pollution and child health: prescribing clean air” dell’OMS evidenzia l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute dei bambini. A parità di esposizione, i bambini assorbono una quantità di inquinanti dell’aria più elevata degli adulti. Essi hanno un maggiore rapporto superficie/volume degli adulti, attività metaboliche e tassi respiratori più rapidi, tessuti e organi con elevata attività di replicazione cellulare, ed infine tessuti, organi e sistemi (metabolico, immunitario, nervoso, riproduttivo) immaturi, ciò che li rende più vulnerabili.

I dati sull’inquinamento atmosferico in Italia pongono il nostro Paese in una situazione di forte criticità. Secondo l’Agenzia Europea dell’Ambiente l’Italia ha, a livello europeo, il più elevato bilancio per morti premature e malattie derivanti dall’esposizione agli inquinanti dell’aria. Primi a subire gli effetti di questa situazione: i bambini a carico dei quali si determina la riduzione dello sviluppo e della funzione polmonare, l’incremento di asmainfezioni acute delle basse vie respiratorie anche nei più piccoli (bronchiliti), disturbi dello sviluppo del sistema neuro comportamentale (disturbi dell’attenzione, riduzione del QI), obesità, riniti, otitiallergie per arrivare infine, a nascite premature e sottopeso e ad alcuni tumori infantili, quali leucemie e retinoblastomi, che possono essere associati anche all’esposizione della madre agli inquinanti cancerogeni nell’inquinamento atmosferico durante il periodo prenatale.

I danni dell’inquinamento dell’aria sui bambini rappresentano un’ipoteca sul loro futuro. L’esposizione all’inquinamento atmosferico in età infantile, non solo determina effetti misurabili nel bambino, ma si proietta negli anni successivi rendendo l’individuo più vulnerabile durante tutto il corso della vita. Agire subito riducendo l’inquinamento atmosferico nelle nostre città, protegge i bambini dall’esposizione agli inquinanti dell’aria nella fase critica infantile-adolescenziale, e può produrre immensi benefici per la salute pubblica in termini di riduzione del carico di patologie e costi sanitari.