Investire in nuove infrastrutture energetiche: via libera alle sovvenzioni dell’UE per un valore di quasi 1 miliardo di euro

637

Gli Stati membri dell’UE hanno approvato ieri una proposta della Commissione di investire 998 milioni di euro in progetti chiave per le infrastrutture energetiche europee nell’ambito del Connecting Europe Facility (CEF). Il voto positivo di ieri fornisce aiuti finanziari per lavori e studi per dieci progetti.

L’importo maggiore dei finanziamenti va al progetto di sincronizzazione baltica (720 milioni di euro), per integrare meglio i mercati dell’elettricità di Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia. Altri progetti includono una rete elettrica intelligente che collega Ungheria e Slovacchia (102 milioni di euro) e la prima sovvenzione CEF per i lavori su un progetto di trasporto di CO2 per i porti belgi e olandesi.

Kadri Simson, Commissario per l’Energia, ha dichiarato: “Questi dieci progetti contribuiranno a un sistema di infrastrutture energetiche più moderno, sicuro e intelligente, che è fondamentale per realizzare il Green Deal europeo e raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi climatici per il 2030. La decisione di ieri segna un passo decisivo nel processo di sincronizzazione baltica in particolare, un progetto di interesse strategico europeo. Questi investimenti aiuteranno a sostenere la ripresa economica dell’UE e a creare posti di lavoro “.

L’assegnazione dei fondi è in linea con gli obiettivi del Green Deal europeo, con l’84% dei fondi destinati a progetti di elettricità o smart grid. Il voto di ieri concede aiuti finanziari a dieci progetti: due per la trasmissione di elettricità, uno per le reti elettriche intelligenti, sei per il trasporto di CO2 (di cui cinque studi) e uno per il gas. I progetti illuminati ieri includono:

Baltic Synchronization Project, Fase II (720 milioni di euro): a seguito di un investimento precedente, questo nuovo finanziamento andrà alla costruzione di Harmony Link, un cavo elettrico che collega la Polonia e la Lituania attraverso il Mar Baltico. Il cavo diventerà un elemento costitutivo per la futura rete offshore nel Mar Baltico. Questo finanziamento coprirà anche investimenti come condensatori sincroni in Estonia, Lettonia e Lituania.

Danube Ingrid (102 milioni di euro): questo progetto di rete elettrica intelligente in Ungheria e Slovacchia migliorerà la gestione della rete e aumenterà la qualità e la sicurezza dell’approvvigionamento per tutti i partecipanti al mercato. Sosterrà inoltre l’integrazione efficiente delle energie rinnovabili.

Il progetto della rete di trasporto di CO2 di Porthos (102 milioni di euro): questo progetto tra i Paesi Bassi e il Belgio svilupperà una rete di trasporto di CO2 ad accesso aperto in tre dei principali porti europei (Rotterdam, Anversa e Mare del Nord).

Background

Affinché l’Europa possa passare a un’economia pulita e moderna, è necessario adattare le infrastrutture europee alle future esigenze del sistema energetico. Le interconnessioni costituiscono la spina dorsale di un mercato energetico dell’UE integrato, che migliorerà la sicurezza dell’approvvigionamento dell’Europa, ridurrà la dipendenza dai singoli fornitori e offrirà ai consumatori una scelta più ampia. È inoltre essenziale che le fonti energetiche rinnovabili prosperino e che l’UE mantenga i suoi impegni dell’accordo di Parigi e la sua ambizione di diventare climaticamente neutra entro la metà del secolo.

Solo i progetti di interesse comune (PIC) nell’elenco dell’Unione adottato dalla Commissione possono beneficiare di una sovvenzione del CEF. L’ultimo elenco PCI è stato pubblicato nell’ottobre 2019 e il prossimo elenco PCI – il 5 ° – dovrebbe entrare in vigore all’inizio del 2021. CEF-Energy ha già assegnato quasi 4 miliardi di euro in sovvenzioni dal 2014 con il 65% assegnato a progetti elettrici, comprese le reti intelligenti.

Il futuro finanziamento CEF-Energy è soggetto a un accordo finale da parte delle istituzioni dell’UE sul quadro finanziario Mulitannual per il 2021-2027. I premi futuri saranno in linea con la prevista revisione del regolamento TEN-E delle reti transeuropee per l’energia. La Commissione presenterà la sua proposta TEN-E entro la fine del 2020, per garantire un quadro a prova di futuro che permetta all’UE di finanziare le infrastrutture necessarie per la realizzazione dell’accordo verde europeo.