“La Biodiversità sotto casa”: a Roma un convegno sul futuro dell’ex Snia

Un incontro in programma il 16 gennaio al Campidoglio per discutere insieme ad esperti e accademici tra cui Enrico Alleva, Stefano Boeri, Antonello Pasini, Lisa Bauleo, Giuliano Fanelli, Alessandra Viola del processo di rinaturazione innescato dal Lago Bullicante, l'unico lago naturale della città di Roma, dove la presenza di una prodigiosa biodiversità ha indicato la strada per ridefinire la destinazione d’uso dell’area, ora a indirizzo urbanistico a verde urbano

303
biodiversità ex snia

Si terrà lunedì 16 gennaio 2023 dalle ore 15 alle ore 19 al Campidoglio, presso la Sala “Laudato si”, Palazzo Senatorio a Roma il convegno “La Biodiversità sotto casa. Un futuro ecologico dell’ex SNIA Viscosa di Roma: vivere, tutelare e governare il processo di rinaturazione spontanea di una archeologia industriale“.

Esperti ed accademici tra i quali Enrico Alleva, Stefano Boeri, Antonello Pasini, Lisa Bauleo, Giuliano Fanelli, Alessandra Viola illustreranno lo straordinario valore del processo di rinaturazione innescato dal Lago Bullicante, l’unico lago naturale della città di Roma, dove la presenza di una prodigiosa biodiversità ha indicato la strada per ridefinire la destinazione d’uso dell’area.

A due passi da Porta Maggiore, infatti, c’è il lago Bullicante, emerso dagli scavi di un cantiere all’interno dell’ex fabbrica della SNIA Viscosa, la più grande a Roma a metà del ‘900, che ha innescato un processo straordinario di rigenerazione ecosistemica. La sua nascita inattesa, le dinamiche spontanee della sua rinaturazione, la presenza di una prodigiosa biodiversità, hanno indicato la strada per ridefinire la destinazione d’uso dell’area a cent’anni dalla sua edificazione. Una strada, questa, che permette di disegnare un futuro ecologico, possibile e necessario per uno dei quadranti più densamente abitati e cementificati d’Europa.

Dal 1995 ad oggi, impedendo una serie di operazioni immobiliari, l’area è stata progressivamente espropriata dal Comune di Roma che ha definito un indirizzo urbanistico a verde urbano e servizi locali con la realizzazione del Parco delle Energie. Nel 2020 la Regione Lazio ha istituito il Monumento Naturale del Lago ex SNIA Viscosa, escludendo dalla tutela ambientale la quasi totalità dell’area ancora privata. Oggi, per completare il processo di tutela e valorizzazione, è necessario portare a termine l’inserimento del lago nel Piano Paesistico e la sua demanializzazione, l’allargamento del Monumento Naturale a tutto il perimetro dell’ex fabbrica, l’inclusione all’interno della Rete Ecologica. Scoprire la biodiversità sotto casa di un bosco che cresce, tra le rovine di una fabbrica tessile, intorno le rive di un lago naturale, alle soglie del centro di Roma, sollecita uno sguardo complesso che apre a nuovi approcci e importanti obiettivi.

Partendo dal bisogno di garantire il verde necessario ai residenti della prima periferia est della Capitale, le energie sociali del territorio hanno reso possibile la salvaguardia e la crescita di questo ecosistema. La prospettiva che si presenta è quella di una necessaria pianificazione urbanistica sostenibile, un’inedita e originale ricomposizione tra i manufatti di archeologia industriale e l’emergente rinaturalizzazione. Sviluppare quindi nuove idee di intervento e gestione in grado di rendere possibile uno sviluppo socialmente attivo e culturalmente produttivo, salvaguardando gli habitat e attivando un processo di riforestazione per garantire le funzioni ecosistemiche per il sequestro del carbonio, la riossigenazione dell’aria, la mitigazione delle ondate di calore e la riduzione dei rischi idrogeologici.

Lo scopo di questo convegno multidisciplinare, attraverso le voci di autorevoli esperti e ricercatori, è quello di esprimere la ricchezza e la complessità della posta in gioco, questa interazione tra biologico e sociale che si sta sviluppando dal basso, con l’intento di individuare gli elementi strategici e far emergere le necessità di pianificazione e intervento da parte delle istituzioni affinché questo paesaggio unico venga tutelato e aperto completamente alla città. Un patrimonio destinato all’uso pubblico in grado di raccontare le contraddizioni del nostro passato industriale, le storie del processo di urbanizzazione e allo stesso tempo rappresentare un investimento per il futuro, affinché Roma riesca a centrare gli obiettivi dichiarati dall’Unione europea per “Riportare la natura nella nostra vita”, affrontare in modo efficace i rischi della crisi climatica in corso e garantire la salute e il benessere dei suoi abitanti, i diritti delle piante e di tutti i viventi.

Programma

Ore 15.00 Saluti introduttivi

Ore 15.15 Riportare la natura nella nostra vita

Interventi di:
Enrico Alleva (membro del Consiglio Superiore di Sanità e del Comitato Nazionale per lo Sviluppo del Verde Pubblico Urbano)
Stefano Boeri (Politecnico di Milano)
Maurizio Gubbiotti (Presidente di Roma Natura)
Lorenzo Romito (Kunst Universitat Linz – Stalker)

Modera Barbara Pizzo (Sapienza Università di Roma)

Ore 16.30 Un lago in difesa della giustizia climatica

Interventi di:
Antonello Pasini (Fisico del clima – CNR)
Lisa Bauleo (Dipartimento di Epidemiologia del SSR – Lazio)
Giuliano Fanelli (Dip. Biologia Università di Roma Tor Vergata)
Alessandra Viola (giornalista scientifica)

Modera Ylenia Sina (giornalista)

Ore 17.45 Un patrimonio per la città

Interventi di:
Massimliano Tabusi (Università per Stranieri di Siena, Vicepresidente Società Geografica Italiana)
Michele Colucci (ISMed-CNR)
Maria Lepre (Centro documentazione Maria Baccante/Archivio storico Viscosa)

Modera Gaetano De Monte (giornalista)

Ore 18.30 Discussione finale

Per prenotare la partecipazione: forumenergie@inventati.org

Per approfondimenti:
https://www.facebook.com/lagoexsnia
https://www.instagram.com/lagobullicante.exsnia/
https://twitter.com/forumparco
https://www.youtube.com/@lagobullicanteex-sniavisco7653