Mobility As a Service (MaaS): Torino cerca volontari per sperimentare l’utilizzo dei buoni mobilità attraverso l’integrazione dei servizi di trasporto pubblici e privati

MaaS, con questa iniziativa Torino si conferma la prima grande città italiana a testare questa tecnologia in un contesto reale

596

Fino al 2 agosto 2021 i torinesi potranno candidarsi per aderire alla sperimentazione per l’utilizzo di ‘buoni mobilità’ attraverso una piattaforma di Mobility As a Service (MasS), servizio che punta a costituire un’alternativa efficiente e vantaggiosa all’utilizzo dell’auto privata.

La Mobility as a Service (MaaS) è un nuovo concetto di mobilità, che prevede l’integrazione di molteplici servizi di trasporto pubblici e privati (trasporto pubblico locale, ride-sharing, car-sharing, bike-sharing, scooter-sharing, taxi, car rental, etc.) riuniti in un unico servizio e con un unico sistema di pagamento che vengono offerti su una piattaforma dedicata e con molteplici funzionalità per rispondere in modo personalizzato a tutte le specifiche esigenze di spostamento in ambito urbano e a cui i cittadini potranno accedere con il proprio smartphone.

L’obiettivo del progetto della Città di Torino, in collaborazione con 5T Srl, e cofinanziato dal Ministero della Transizione Ecologica nell’ambito del Programma di finanziamenti per il miglioramento della qualità dell’aria nelle aree urbane e per il potenziamento del trasporto pubblico è di testare il MaaS in un contesto reale per una durata di 12 mesi, confermandosi la prima città in Italia a farlo in un contesto reale.

Per candidarsi alla sperimentazione, che partirà il 1 ottobre 2021, occorre essere maggiorenni e residenti a Torino, disporre di una certificazione Isee inferiore a 50mila euro, non essere proprietari di un’auto o averla rottamata nel biennio 2020/2021, essere titolari di una carta di credito o di altri sistemi di pagamento elettronici e possedere uno smartphone.

Verificati i requisiti, ad essere ammessi saranno un massimo di 1100 cittadini: i primi 100, interamente finanziati, potranno scegliere uno dei pacchetti inseriti sulla piattaforma che prevedono mix differenti dei vari servizi di trasporto disponibili in città (mezzi pubblici, servizi di ride, car e bike sharing, taxi e car rental), mentre gli altri 1000 potranno aderirvi autofinanziando l’acquisto e operare in modalità pay-per-use (a consumo).

Le candidature saranno inserite in 9 graduatorie che considerano il valore della certificazione Isee (fino a 12mila euro; tra 12mila e 20mila euro; fino a 50mila euro) e la composizione del nucleo familiare (single, coppie o famiglie composte da 3 persone o più).

Il bando è pubblicato all’indirizzo: https://bit.ly/3jxvuhv

Gli interessati alla sperimentazione avranno tempo per presentare la propria candidatura fino alle ore 12 di lunedì 2 agosto 2021 compilando il modulo di adesione scaricabile sulla pagina web dedicata all’iniziativa: www.muoversiatorino.it/it/maastorino/