ZWE: per il clima è urgente ridurre l’uso dei materiali nei settori chiave dell’industria

Secondo la nuova indagine di Zero Waste Europe, realizzata insieme a Eunomia Research & Consulting, le attuali strategie per la riduzione dell’impatto ambientale non sono sufficienti per raggiungere gli obiettivi climatici e ritardare ancora comporterebbe l’esaurimento del budget di carbonio rimanente. Joan Marc Simon “L'unico modo per procedere è ridurre il consumo di risorse, in particolare nel Nord del mondo”

924

L’appello arriva da una nuova ricerca di Zero Waste Europe (ZWE) ed Eunomia Research & Consulting: è necessaria un’azione urgente per ridurre l’uso dei materiali nelle industrie chiave per evitare cambiamenti climatici senza precedenti.

Non agire presto potrebbe significare esaurire il budget di carbonio rimanente, la quantità massima di CO2 che può essere rilasciata e limitare ancora il riscaldamento globale a 1,5°C, già nel 2028. Nel 2015 i leader mondiali hanno deciso di mantenere il riscaldamento entro 1,5°C al di sopra dei livelli preindustriali che limiterebbero i peggiori effetti ambientali come inondazioni, siccità, ondate di caldo estremo, scarsità di cibo e perdita di biodiversità.

Un approccio business-as-usual alla produzione di materiali, che rappresenta un quarto delle emissioni globali, potrebbe contribuire al riscaldamento fino a 2,5°C. Si prevede che le attuali roadmap Net Zero del settore non raggiungano ancora l’obiettivo, con un conseguente riscaldamento fino a 2°C. L’adozione tempestiva di pratiche comprovate di riduzione delle emissioni, come la decarbonizzazione delle reti energetiche, dovrebbe essere considerata una priorità nel breve termine, poiché l’impatto della diffusione delle tecnologie dopo il 2030 sarà sostanzialmente meno efficace.

Altri risultati chiave del rapporto “Net Zero Enough for the Materials Sector?”:

• Sono necessari importanti investimenti di capitale per realizzare la decarbonizzazione dell’elettricità nel settore dell’alluminio.

• I settori del cemento e del calcestruzzo fanno molto affidamento su tecnologie non collaudate per ridurre le emissioni di CO2.

L’adeguamento dei sistemi esistenti nei settori siderurgico con le migliori tecnologie di efficienza disponibili fornisce la massima riduzione delle emissioni e potrebbe essere implementato immediatamente.

Rimanere all’interno del loro budget di carbonio sarà una sfida significativa per l’industria della plastica poiché è necessario un drastico spostamento dai combustibili fossili ai materiali a base biologica.

Joan Marc Simon, Direttore Esecutivo di Zero Waste Europe, ha dichiarato: “In vista dei negoziati sul clima in corso, le strategie di decarbonizzazione non sono sufficienti per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C. L’unico modo per procedere è ridurre il consumo di risorse, in particolare nel Nord del mondo. Le imprese, i governi e la società civile dovrebbero unirsi e agire con urgenza per sfruttare al meglio le risorse disponibili e implementare tecnologie collaudate per decarbonizzare l’economia”.

Simon Hann di Eunomia, autore principale della ricerca, ha concluso: “Sentiamo spesso parlare dell’importanza di mantenere una temperatura di 1,5°C e questo lavoro essenziale aiuta a dimostrare cosa potrebbe significare in pratica per i materiali che tutti consumiamo. Evidentemente non basta decarbonizzare lentamente per i prossimi 30 anni ed è evidente la necessità di cambiare il modo di pensare alla produzione e al consumo di materiale. Affinché ciò avvenga è quindi essenziale un’azione coraggiosa e decisa a breve termine da parte dei responsabili politici e dei leader del settore”.

In definitiva, la ricerca analizza i percorsi delle emissioni in scenari di decarbonizzazione e circolarità e tiene conto del rischio di tecnologie di decarbonizzazione non provate come il Carbon Capture Utilization & Storage (CCUS) che catturerebbero la CO2, la trasferirebbero in forma liquida e la immagazzinerebbero in profondità nel sottosuolo. In ciascuno dei modelli per tutti i settori e anche senza tenere conto del rischio, supponendo un’implementazione accelerata del 100% di metodi di decarbonizzazione non provati, il budget di carbonio è ancora significativamente superato, il che dimostra ulteriormente la necessità di una contemporanea riduzione del consumo di materiale.