L’ONU sancisce il diritto umano universale ad un ambiente “pulito, sano e sostenibile”

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione proposta da un gruppo di Paesi guidato dalla Costa Rica che per la prima volta lo sancisce tema universalmente. Ottenuti 161 voti favorevoli e 8 astenuti, tra cui Russia, Cina e Iran

2252
Foto di Ralf Vetterle da Pixabay

Giovedì 28 luglio 2022 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che per la prima volta sancisce universalmente il diritto umano a un ambiente “pulito, sano e sostenibile”.

Il testo, promosso da un gruppo di Paesi guidato dal Costa Rica, ha ricevuto il sostegno di 161 Stati membri, nessun voto contrario e otto astenuti (tra gli altri da Russia, Cina o Iran). La decisione segue un’analoga decisione approvata lo scorso ottobre dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ed è considerata un passo storico dai gruppi ambientalisti.

Organizzazioni come Greenpeace ritengono che possa essere “un potente strumento per affrontare i grandi inquinatori che stanno guidando la crisi climatica e naturale”.

“Il voto storico di oggi afferma che tutti, indipendentemente da dove, hanno il diritto di vivere in un ambiente pulito, sano e sostenibile”, ha affermato in una nota il Center for International Environmental Law (CIEL), organizzazione senza scopo di lucro di Ginevra.

La CIEL sottolinea che la decisione arriva in un momento di “crisi planetaria” e può servire a mobilitare risorse a favore della difesa dell’ambiente e nel momento in cui le comunità colpite dall’inquinamento possono difendere i propri diritti.

Il relatore speciale delle Nazioni Unite per i diritti umani e l’ambiente, David R. Boyd, ha affermato in una dichiarazione che “questa risoluzione ha il potenziale per essere un punto di svolta per l’umanità“, migliorando la vita di milioni di persone e la salute del pianeta.

“Di fronte alla triplice crisi ambientale – cambiamenti climatici, perdita di biodiversità e inquinamento -, il riconoscimento del diritto umano a un ambiente pulito, sano e sostenibile è di vitale importanza”, ha sottolineato.

La delegazione del Costa Rica, incaricata di presentare il testo alla plenaria dell’Assemblea Generale, ha indicato che il documento contribuirà a migliorare la risposta a questa “tripla crisi” e ad intensificare il lavoro per garantire un ambiente pulito per tutto.

Le reazioni in Cile

La notizia ha suscitato gioia in Cile, dove da nord a sud si trovano cinque zone di macellazione: Mejillones, Tocopilla, Huasco, Quintero, Puchuncaví e Coronel. In una conversazione con Radio Bío Bío, il ministro dell’Ambiente, Maisa Rojas, ha valutato l’azione e ha fatto riferimento a una “giornata storica”. “Oggi è un giorno storico. Per un’ampia maggioranza, le Nazioni Unite riconoscono il diritto umano a vivere in un ambiente pulito, sano e sostenibile. Riconosce l’impatto che il cambiamento climatico ha sulla vita delle persone ed esorta i paesi ad intraprendere azioni concrete”, ha detto. “Nel caso del Cile, abbiamo fatto enormi progressi nel riconoscimento di questo diritto attraverso la nostra adesione a Escazú e con la legge quadro sui cambiamenti climatici”, ha affermato.

Le reazioni dall’Onu

Il Segretario Generale accoglie con favore l’adozione da parte dell’Assemblea Generale della sua storica risoluzione che riconosce il diritto a un ambiente pulito, salubre e sostenibile.

Questo sviluppo fondamentale dimostra che gli Stati membri possono unirsi nella nostra lotta collettiva contro la triplice crisi planetaria del cambiamento climatico, della perdita di biodiversità e dell’inquinamento. La comunità internazionale ha riconosciuto universalmente questo diritto e ci ha avvicinato a renderlo una realtà per tutti.

La risoluzione aiuterà a ridurre le ingiustizie ambientali, colmare le lacune di protezione e responsabilizzare le persone, in particolare quelle che si trovano in situazioni vulnerabili, compresi i difensori dei diritti umani ambientali, i bambini, i giovani, le donne e le popolazioni indigene. La risoluzione aiuterà anche gli Stati ad accelerare l’attuazione dei loro obblighi e impegni in materia di diritti umani e ambientali.

Tuttavia, l’adozione della delibera è solo l’inizio. Il Segretario Generale ha esortato gli Stati a fare del diritto a un ambiente pulito, salubre e sostenibile una realtà per tutti, ovunque.