Pacchetto europeo sull’economia circolare, l’analisi EEB: “Proposte buone ma migliorabili”

Un documento degli esperti di EBB esamina le iniziative pubblicate il 30 marzo 2022 dalla Commissione Europea sulle iniziative volte ad accelerare la transizione verso un'economia circolare: "Il pacchetto ha il potenziale per cambiare le regole del gioco, ma è necessaria un'azione più audace ed efficace per rendere veramente la norma i prodotti sostenibili e ridurre le emissioni e l'uso delle risorse, rispettando il pianeta e i diritti umani"

378
Foto di NakNakNak da Pixabay

Il 30 marzo 2022 la Commissione Europea ha pubblicato una serie di iniziative volte ad accelerare la transizione verso un’economia circolare, tra cui: un’iniziativa sui prodotti sostenibili per aumentare la circolarità dei prodotti sul mercato dell’UE, una riforma delle leggi sull’Ecodesign e un Piano di lavoro sull’Ecodesign per il 2022-2024, una Strategia per i Tessili Sostenibili e Circolari, una proposta di revisione del Regolamento Prodotti da Costruzione (CPR), e nuove regole per rafforzare il potere dei consumatori.

Secondo EEB “il pacchetto ha il potenziale per cambiare le regole del gioco, ma è necessaria un’azione più audace ed efficace per far sì che i prodotti sostenibili siano veramente la norma e ridurre le emissioni e l’uso delle risorse, rispettando il pianeta e i diritti umani”. Gli esperti del bureau hanno realizzato un breafing in cui “disimballano il pacchetto” e forniscono una valutazione delle diverse politiche e trafile legislative. Ecco la traduzione in italiano in esclusiva da parte di Eco dalle Città:

LA NORMA PER RENDERE I PRODOTTI SOSTENIBILI (SPI)

La comunicazione della Commissione “La norma per rendere i prodotti sostenibili” (SPI) fornisce una panoramica delle iniziative presentate nel pacchetto Economia Circolare rilasciato il 30 marzo. Il documento aiuta a illustrare la visione della Commissione su come una serie di strumenti lavoreranno insieme e saranno applicati a diversi settori in diversi assetti legislativi.

Aspetti positivi

• L’SPI migliora significativamente il quadro della politica dei prodotti dell’UE, aumentandone la profondità e l’ampiezza, con la possibilità di applicare più misure a più settori dell’economia;

• La Commissione ribadisce la sua ambizione di fare dei prodotti sostenibili;

• La Commissione considera gli impatti nei paesi terzi quando valuta gli impatti di misure regolamentari.

Aspetti Promettenti

• Esiste un vago obiettivo di “assicurare che entro il 2030 una parte significativa dei prodotti disponibili per i consumatori dell’UE saranno progettati per essere durevoli, efficienti dal punto di vista energetico e delle risorse, riparabili, riciclabili e con una preferenza per i materiali riciclati”

• La SPI lancia anche una nuova iniziativa a supporto del Circular Business Hub. Tuttavia, non è chiaro come le misure di salvaguardia garantiranno che i nuovi modelli di business risparmieranno effettivamente risorse, saranno equi e inclusivi. Inoltre, non sono stati proposti incentivi economici per rendere mainstream tali modelli di business;

• A livello globale, l’UE continuerà a perseguire l’agenda dell’economia circolare nelle sedi multilaterali, il G7 e G20, e nel contesto del GACERE. C’è l’ambizione di creare un Forum globale sul consumo e la produzione sostenibile insieme all’ONU.

Aspetti problematici

• La SPI non tiene conto della sostenibilità sociale, ignorando così uno dei tre pilastri della sostenibilità. Questo è un passo indietro rispetto al lavoro in corso sulla regolamentazione delle batterie;

• Mentre il documento fa riferimento alla necessità di migliorare il benessere, la resilienza e il nostro impatto sul pianeta, oltre all’ambizione di raddoppiare il tasso di circolarità dell’uso dei materiali entro il 2030, non c’è riferimento alla riduzione dei consumi e dell’uso delle risorse in termini assoluti.

Qual è il prossimo step?

Le proposte legislative della Commissione in materia di progettazione ecocompatibile, CPR e responsabilizzazione dei consumatori verranno avviate rispettivamente con il processo di codecisione, mentre la comunicazione sulla Strategia Tessile avrà sicuramente una reazione da parte dell’UE Parlamento e Consiglio.

ECODESIGN

La proposta di regolamento sulla progettazione ecocompatibile dei prodotti sostenibili (ESPR) rappresenta la pietra angolare del nuovo approccio del regolamento dell’UE alla politica del prodotto. Questa revisione della direttiva sulla progettazione ecocompatibile esistente per i prodotti che consumano energia andrà avanti insieme alla possibilità di stabilire requisiti minimi di accesso al mercato per quasi tutti i prodotti sul mercato dell’UE e altri strumenti come la creazione di passaporti digitali per i prodotti e criteri obbligatori per gli appalti pubblici.

Aspetti positivi

• L’ecodesign è stata una delle storie di successo dell’UE in materia di clima: l’applicazione delle misure di ecodesign a una dimensione più ampia e gli atti normativi hanno il potenziale per aumentare la loro circolarità, indirizzarli al meglio, e ha un impatto problematico sul ciclo di vita e, di conseguenza, fornisce un contributo significativo al Green Deal dell’UE obiettivi;

• L’Ecodesign Forum multi-stakeholder continuerà a garantire una rappresentanza equilibrata nello sviluppo dei requisiti;

• Esistono disposizioni per rafforzare la sorveglianza del mercato, in particolare un numero minimo di controlli e l’uso dell'”autovalutazione” per i prodotti energetici sul loro consumo energetico.

Aspetti promettenti

• È stato dichiarato il potenziale per agire a livello orizzontale, ovvero attraverso diversi gruppi di prodotti contemporaneamente, piuttosto che continuare ad agire sui prodotti uno per uno (aumentando l’efficacia e la rapidità della politica), ma ciò deve ancora essere confermato nei passaggi successivi;

• La possibilità di stabilire criteri obbligatori per gli appalti pubblici verdi attraverso atti delegati in questa legislazione e un riferimento all’Ecolabel dell’UE per incentivare il mercato negli Stati membri;

• L’istituzione di passaporti di prodotto digitali per tutti i prodotti regolamentati, comprese le informazioni su sostanze preoccupanti. Tuttavia, questo potrebbe non affrontare il rischio di un’eredità tossica se tutte le sostanze chimiche non sono tracciate.

Aspetti problematici

• La possibilità di vietare la distruzione delle merci invendute e restituite è rinviata a futuri atti normativi. Un tale divieto potrebbe essere proposto immediatamente, piuttosto che includere un obbligo di segnalazione per questo cattiva pratica con una serie di esenzioni;

• I mercati online e i fornitori di servizi di evasione ordini hanno responsabilità limitate rispetto ai negozi fisici e agli importatori, creando potenzialmente una grande scappatoia per un’enorme quota di vendita online di merci;

• Il continuo sostegno alle misure di autoregolamentazione, che finora non sono riuscite a fornire risultati comparabili con le prestazioni dei requisiti di progettazione ecocompatibile autentici;

• La lentezza dei processi decisionali senza scadenze chiare non viene realmente affrontata. Tutte le misure future saranno stabilite attraverso leggi future e potrebbero essere necessari decenni per stabilire regole sui prodotti se il processo decisionale continua a richiedere più di 3 anni per prodotto.

Qual è il prossimo step?

La proposta della Commissione per un regolamento rivisto sulla progettazione ecocompatibile avvierà un processo di codecisione durante il quale il Parlamento europeo e il Consiglio discuteranno sulle formulazioni presentate dalla Commissione. È previsto che il nuovo testo sarà finalizzato e adottato entro la fine del 2023 o l’inizio del 2024. I tempi saranno più chiaramente stabiliti una volta che i relatori sono stati nominati in Parlamento.

RESPONSABILIZZARE I CONSUMATORI PER LA TRANSIZIONE VERDE

L’iniziativa “Empowering Consumers for the Green Transition” presenta una serie di modifiche specifiche alla normativa vigente in materia di consumatori: la direttiva sulle pratiche commerciali sleali (UCPD) e la direttiva sui diritti dei consumatori (CRD). Le modifiche mirano in particolare a norme più rigorose per contrastare le pratiche commerciali che ostacolano gli acquisti sostenibili, in particolare l’obsolescenza precoce e il greenwashing.

Aspetti positivi

• Divieti di pratiche specifiche di greenwashing, come fare affermazioni ecologiche generali quando le prestazioni ambientali del prodotto non possono essere dimostrate da schemi affidabili come l’Ecolabel UE, o fare dichiarazioni ecologiche su un intero prodotto quando viene affrontato solo un aspetto specifico della sostenibilità (ad es. non sarà più possibile affermare che un prodotto è “realizzato con materiali riciclati” quando in realtà solo l’imballaggio è riciclato);

• Elenco di pratiche specifiche che portano all’obsolescenza prematura dei prodotti, compresa la limitazione di aggiornamenti software, funzionalità che limitano la durata o false dichiarazioni di riparabilità;

• Maggiore trasparenza sulla durata delle garanzie commerciali di durabilità, sulla durata del software e gli aggiornamenti sono disponibili, e quanto sono riparabili i prodotti, visualizzando il punteggio di riparabilità (se sviluppato per legge) o attraverso informazioni di riparazione alternative, come la disponibilità di pezzi di ricambio e manuali di riparazione.

Aspetti promettenti

• Le etichette di sostenibilità non basate su schemi di certificazione credibili o stabilite da autorità pubbliche non possono essere visualizzate sui prodotti. Tuttavia, esistono chiare condizioni minime di trasparenza e credibilità per mancanza di schemi di certificazione. Al di là della verifica da parte di terzi, è fondamentale che i criteri siano pubblici, sviluppati attraverso un processo indipendente e rappresentano un miglioramento significativo;

• L’obbligo di informazione per le merci che limitano le funzioni quando non sono apparecchiature originali. I materiali di consumo del produttore sono i benvenuti, ma queste pratiche dovrebbero essere completamente bandite

Aspetti problematici

• Le proposte non includono un divieto generale di obsolescenza, che integrerebbe e rafforzerebbe le misure proposte;

• Sebbene la proposta inserisca nella lista nera affermazioni generali come “neutralità per il clima”, le società saranno comunque autorizzate a fare queste affermazioni se sono specifiche (ad es. “carbon neutral basato su un dato standard o schema”). Tutti Le dichiarazioni carbon neutral dovrebbero essere inserite nella lista nera laddove si basano sulla compensazione;

• La direttiva non introduce il principio “Nessun dato, nessun mercato”. Basato su un approccio ex ante, la pubblicazione delle dichiarazioni verdi e le prove a sostegno dovrebbero essere richieste per facilitare i controlli casuali da parte di autorità di vigilanza del mercato;

• Un elenco positivo di reclami verdi che sono consentiti a condizioni specifiche, nonché una pre-approvazione del processo di aggiornamento, non è stato preso in considerazione. Ciò eviterebbe efficacemente il rischio di greenwashing e consentirebbe un’applicazione efficiente.

Qual è il prossimo step?

Questa iniziativa darà il via a un processo di codecisione durante il quale il Parlamento europeo e il Consiglio discuteranno sulle formulazioni presentate dalla Commissione. La tempistica per l’andamento del processo co-legislativo sarà più chiaro quando i relatori saranno nominati al Parlamento.

STRATEGIA TESSILE

La “Strategia Tessile” definisce i piani della Commissione Europea per nuove politiche per portare maggiore sostenibilità uno dei settori più inquinanti, dispendiosi e sfruttatori del mondo.

Aspetti positivi

• Le aziende sono incoraggiate a ridurre il numero di collezioni all’anno e viene stabilito un chiaro collegamento tra il fast fashion e le fibre sintetiche a base di combustibili fossili;

• Impegno a requisiti vincolanti di progettazione ecocompatibile per i tessuti che riguarderanno la durabilità, la riutilizzabilità, la riparabilità, la riciclabilità da fibra a fibra, il contenuto obbligatorio di fibre riciclate, la presenza di sostanze problematiche e la dispersione della microplastica;

• Inclusione di norme UE armonizzate sulla responsabilità estesa del produttore per i tessili con tariffe eco-modulate che aiutano a sostenere la prevenzione dei rifiuti;

• Revisione dell’Ecolabel UE per supportare più produttori ad adottarlo e renderlo più riconoscibile per i consumatori;

• Impegno ad elaborare nuove misure specifiche per fermare la formazione di montagne tessili al di fuori dell’UE quando i prodotti che potrebbero essere riutilizzati vengono esportati come rifiuti.

Aspetti promettenti

• Impegno per obiettivi obbligatori per la preparazione, per il riutilizzo e il riciclaggio dei rifiuti tessili. Tuttavia, esso sarà importante per salvaguardare il ruolo delle imprese sociali e garantire che gli obiettivi siano fissati separatamente e di riflesso negli schemi EPR;

• Gli Stati membri sono incoraggiati ad adottare misure fiscali favorevoli per il settore del riutilizzo e della riparazione nonché orientamenti per promuovere le imprese sociali attive nella raccolta, cernita, riutilizzo e rivendita di tessili. Tuttavia, ciò potrebbe non essere sufficiente poiché la tassazione non è di competenza dell’UE;

• Impegno a introdurre un passaporto del prodotto digitale per i tessili sulla base di informazioni obbligatorie, requisiti di circolarità e altri aspetti ambientali chiave, ma non è ancora chiaro se sia necessario che le informazioni siano veicolate;

• Sono previsti piani per vietare la distruzione dei tessili, ma non ci sono garanzie che con le nuove regole non ci siano scappatoie e che il provvedimento sia rinviato a futuri atti legislativi;

• Impegno a sostituire e ridurre al minimo le sostanze che destano preoccupazione nei prodotti tessili, ma i dettagli sono vaghi.

Aspetti problematici

• Gli aspetti sociali e la protezione dei lavoratori sono significativamente esclusi dall’equazione, e non viene prestata abbastanza attenzione a garantire una transizione giusta per tutti i lavoratori e le regioni;

• Le pratiche di acquisto dannose non vengono affrontate e non vengono forniti ulteriori dettagli su come la Commissione proposta di Corporate Sustainability Due Diligence (CSDD) si applicherà alle sfide specifiche del settore tessile e trovi riscontro nel Digital Product Passport;

• Mancano gli obiettivi per ridurre l’uso e il consumo delle risorse in termini assoluti.

Qual è il prossimo step?

Il Parlamento europeo e il Consiglio daranno il loro parere sulla strategia e la Commissione inizierà ad attuare le relative azioni elencate in allegato fino al 2024.

REGOLAMENTO SUI PRODOTTI DA COSTRUZIONE (CPR)

Il CPR non è ben attrezzato per affrontare l’impronta del settore edile, che è la fonte del 35% delle emissioni di carbonio dell’UE. L’attuale revisione fissa un livello basso per le prestazioni del prodotto, non proponendo né una tempistica per definire requisiti minimi di sostenibilità e prestazioni ambientali, né un obbligo per divulgare le informazioni sui prodotti in modo trasparente attraverso i passaporti dei prodotti digitali. Di fronte a un imminente Renovation Wave, il CPR ha anche una scadenza ravvicinata per includere misure per le prestazioni funzionali oltre a considerazioni per le prestazioni intrinseche.

Aspetti positivi

• I prodotti sono regolamentati per le prestazioni ambientali. L’integrazione dei requisiti del prodotto è un buon primo passo per ridurre gli impatti ambientali dei prodotti che dovrebbero comportare lo sviluppo di requisiti minimi, almeno sui requisiti intrinseci del prodotto (ad es. riduzione al minimo delle emissioni di gas serra nell’intero ciclo di vita, massimizzazione del contenuto riciclato e separazione di diversi materiali di prodotti da costruzione);

• La Commissione sarà in grado di definire questi requisiti per gruppo di prodotti mediante atti giuridici. Questo renderà più trasparente e partecipativa la regolamentazione dei prodotti da costruzione;

• I produttori dovranno fornire informazioni ambientali sul ciclo di vita dei loro prodotti;

• Il CPR copre l’integrazione dei prodotti riutilizzati nel mercato.

Aspetti promettenti

• Se la Commissione sviluppa requisiti minimi per categoria di prodotto limitando l’accesso al mercato, questo potrebbe eliminare gradualmente i prodotti con le prestazioni peggiori;

• La Commissione potrebbe stabilire requisiti sostenibili applicabili agli appalti pubblici per via legale, ma non c’è una linea temporale definita per questo;

• Il CPR apre le porte alla creazione di un quadro per i prodotti da costruzione usati che verranno utilizzati diversamente dalla destinazione d’uso assegnata dal produttore iniziale;

• I produttori saranno tenuti a progettare i prodotti in un modo che faciliti il ​​riutilizzo, la rigenerazione e riciclaggio, ovvero mediante separazione di componenti e materiali. Questo potrebbe essere un passo importante verso materiali circolari, se l’implementazione e i requisiti per queste caratteristiche sono adeguatamente definiti.

Aspetti problematici

• Non esiste una tempistica o un piano di lavoro per lo sviluppo dei requisiti minimi attraverso atti giuridici. Stabilire una procedura (vale a dire una valutazione d’impatto per definire un piano di lavoro e prodotti prioritari) e una chiara tempistica per lo sviluppo di questi atti giuridici è fondamentale;

• I produttori sono ancora autorizzati a stabilire standard e classi di prestazioni, che potrebbero ostacolare l’attuazione dell’approccio dei requisiti minimi;

• Un passaporto del prodotto digitale non è richiesto per i prodotti da costruzione come per tutti gli altri prodotti ai sensi dell’art SPI. C’è una porta aperta per attuarlo attraverso atti giuridici, ma una tempistica e una scadenza dovrebbero essere definiti per la sua attuazione;

• Non è definita alcuna tempistica per stabilire requisiti sostenibili applicabili agli appalti pubblici attraverso

Qual è il prossimo step?

Con l’imminente reazione di altre istituzioni dell’UE, il CPR ora fa affidamento sul Parlamento e il Consiglio europeo, che dovrebbero introdurre le mancate considerazioni ambientali e portare il nuovo fascicolo in linea con gli impegni del Green Deal dell’UE.

ECODESIGN WORK PLAN 2022-2024 (FOCUS SUI PRODOTTI ENERGETICI)

Il piano di lavoro per la progettazione ecocompatibile e l’etichettatura energetica per il periodo 2022-2024 fornisce la tabella di marcia per la direttiva sulla progettazione ecocompatibile esistente fino all’entrata in vigore del nuovo regolamento sulla progettazione ecocompatibile dei prodotti sostenibili (ESPR). Focalizzata sulla prodotti legati all’energia, il piano di lavoro riguarderà sia nuovi gruppi di prodotti sia finalizzerà il lavoro in corso con recensioni di prodotti già oggetto delle misure.

Aspetti positivi

• I nuovi prodotti aggiunti al piano di lavoro rappresentano un potenziale di risparmio energetico di circa 250 Petajoule. Ciò include radiatori, biancheria professionale e lavastoviglie, alimentatori esterni (EPS) ed elettrici caricatori per veicoli;

• La Commissione ha respinto l’accordo volontario per gli stampatori, che non ha affrontato l’obsolescenza del settore per quanto riguarda la durata della stampante e lo spreco della cartuccia, e quindi sono stati inclusi questo gruppo di prodotti nel piano di lavoro per un regolamento.

Aspetti promettenti

• Sono in fase di studio tre aree orizzontali per i requisiti specifici del prodotto sul contenuto riciclato, durabilità, firmware e software e materie prime critiche;

• Il documento evidenzia chiaramente le sfide di un’efficace sorveglianza del mercato che è generalmente sottofinanziato.

Aspetti problematici

• Il 40% del piano di lavoro precedente è ancora in corso e sarà “riportato al periodo di pianificazione corrente”. Il piano di lavoro rileva che “questo settore politico richiederà una migliore corrispondenza tra ambizione e risorse”. Nonostante il successo di questa misura nel ridurre la domanda di energia, ulteriori risorse nella Commissione e gli Stati membri non sono stati assegnati ad esso;

• Il lavoro sui computer sembra essersi bloccato e molti altri prodotti ICT originariamente previsti per il piano di lavoro è stato abbandonato, in particolare le apparecchiature di rete e le stazioni base. Non è chiaro come il lo studio in corso del JRC sull’impatto delle TIC porterà a misure concrete.

Qual è il prossimo step?

Il nuovo piano di lavoro detterà il lavoro per la progettazione ecocompatibile e l’etichettatura energetica nei prossimi anni fino all’entrata in vigore del nuovo Regolamento. Nel caso di nuovi gruppi di prodotti, verranno avviati gli studi preparatori dedicati.