Emergenza rifiuti nel Barese, Legambiente: “Inaccettabile. Servono nuovi impianti e un Osservatorio Regionale”

L'associazione: "Puntualmente ci si ritrova a parlare delle stesse emergenze, come quella di Conversano, che ormai è ben nota a tutti e che invano si cerca di procrastinare. L'impiantistica regionale è il vero elemento cruciale per uscire dal modello di economia lineare che continua a tenere in ostaggio la Puglia. inoltre torniamo nuovamente a chiedere all’assessora Maraschio l’istituzione dell’Osservatorio Regionale che possa realmente verificare l’attuazione del piano rifiuti regionale"

918
Ansa

“È inaccettabile che il 2023 inizi con l’ennesimo rischio emergenza rifiuti in Puglia! – commenta Ruggero Ronzulli presidente di Legambiente Puglia – Puntualmente ci si ritrova a parlare delle stesse emergenze, come quella di Conversano, che ormai è ben nota a tutti e che invano si cerca di procrastinare alla prossima emergenza, piuttosto che procedere alla sua chiusura e dismissione. Proprio nel novembre scorso, in occasione della XIV edizione di Comuni Ricicloni Puglia, svolta ad un anno dall’approvazione del nuovo Piano Regionale dei Rifiuti, abbiamo sottolineato come l’impiantistica regionale è il vero elemento cruciale per uscire dal modello di economia lineare che ha tenuto e continua a tenere in ostaggio la Regione Puglia per ormai troppi anni”.

“L’emergenza rifiuti in Puglia sappiamo benissimo che è data da due elementi fondamentali – dice l’associazione ambientalista -: l’ancora elevata produzione di secco residuo che tocca anche i Comuni che superano il 65% di Raccolta Differenziata e il grande punto debole dei grandi centri come Bari, Foggia, Brindisi e Taranto. Questi rappresentano ben il 20% della popolazione dell’intera Regione Puglia e sono lontani dal raggiungere la soglia minima prevista dalla legge, continuando ad alimentare le discariche”.

“Il nuovo Piano Rifiuti Regionale è vero che ha alla base i concetti e le linee d’azione della tariffazione puntuale, in nome del principio ‘chi inquina paga’, ma è anche vero che servono interventi più incisivi di premialità per quei Comuni che sono veramente virtuosi e che riducono il secco residuo, così portando il meno possibile in discarica. Oggi più che mai in Puglia è fondamentale realizzare impianti seri e pubblici per il trattamento dell’organico, delle frazioni secche, dei RAEE, dei pannolini, del fine vite delle rinnovabili“.

“La realizzazione degli impianti deve essere rapida e veloce con la collaborazione dei territori, perché se vogliamo subito chiudere le discariche dobbiamo avere ora i nuovi impianti necessari all’economia circolare pugliese. – continua Ronzulli – Torniamo nuovamente a chiedere all’assessora regionale all’Ambiente, Anna Grazia Maraschio, l’istituzione dell’Osservatorio Regionale che possa realmente verificare l’attuazione del piano stesso con il supporto e contributo prezioso anche delle associazioni ambientaliste che da anni seguono e apportano il proprio contributo per la vera realizzazione dell’Economia Circolare in Puglia”.