L’allargamento della discarica di Bellolampo mette “in sicurezza la città di Palermo da una paventata emergenza rifiuti”

I lavori autorizzati dalla Regione consentono frattanto l’abbancamento dei primi 98.000 mc di rifiuti. In totale saranno 300.000 i mc che si libereranno con la costruzione di nuove vasche pari a quasi tre anni di produzione rifiuti di tutta la città di Palermo

435

Nella mattinata di lunedì 20 dicembre 2021 la RAP ha consegnato alla General Smontaggi Spa di Novara i lavori di predisposizione della vasca III bis presso il Polo Impiantistico di Bellolampo. L’importo presunto dei lavori è pari a circa 500.000 euro. Il cantiere durerà 30 giorni ma RAP fida in un sensibile anticipo della fine lavori avendo previsto al riguardo un premio di acceleramento così da consentire l’abbancamento dei rifiuti urbani di Palermo prima possibile. I lavori autorizzati dalla Regione consentono frattanto l’abbancamento dei primi 98.000 mc di rifiuti ancorché il progetto ne preveda 200.000.

Durante il cantiere e i successivi 3 mesi di esercizio della discarica, infatti, Rap procederà con un secondo iter autorizzativo (Valutazione di Impatto Ambientale) attraverso il quale conta di poter ottenere il rilascio del titolo abilitativo funzionale all’abbancamento di definitivi 300.000 tonnellate di rifiuti (circa un anno di abbancamento della cittadinanza palermitana) così da poter attendere, senza problemi, il completamento della VII vasca e consentire anche alla Regione di poter disporre, nell’attuale emergenza, di un possibile “salvagente”.

A darne comunicazione l’Amministratore Unico di RAP Girolamo Caruso: “Un atto importante – dichiara Caruso – che consentirà la continuità della piattaforma impiantistica di Bellolampo fino alla consegna della settima vasca, con un beneficio economico enorme derivante dall’aver evitato non meno di 45 milioni di extra costi di trasporto e smaltimento dei rifiuti fuori regione che sommati ai 23 milioni di extra costi del 2020 avrebbero messo in ginocchio la Rap. Un particolare ringraziamento va al Sindaco Orlando che ha creduto nel progetto, ed alla nostra idea di puntare sul polo impiantistico di Bellolampo, sin da subito (da giugno) ed all’Assessore Marino che ci ha seguito, appoggiato e consigliato in tutte le fasi del complesso iter autorizzativo e che è stato al nostro fianco in tutte le sedute della Conferenza dei Servizi. Un particolare ringraziamento va pure a tutti gli Uffici della Regione Sicilia, anch’essi al nostro fianco nel complesso e delicato iter ambientale. Dal Dipartimento Rifiuti dell’Assessorato Energia e Rifiuti, guidato dall’ing. Foti, al Dipartimento Ambiente dell’Assessorato Territorio Ambiente, guidato dal dott. Battaglia, al Comitato Tecnico Scientifico presieduto dal Prof Angelini”. 

“Quando le pubbliche Amministrazioni – aggiunge l’Assessore Sergio Marino operano di concerto per il raggiungimento di obiettivi che contribuiscono a ridurre i disagi ed i costi a carico dei cittadini, come è avvenuto di recente anche con la definizione del provvedimento autorizzativo della Regione per la vasca terza bis di Bellolampo, occorre che venga evidenziato perché questo metodo deve rappresentare la regola soprattutto in un settore difficile e complesso come quello dei rifiuti. In poco tempo con l’impegno di tutti si è riusciti ad evitare una complessa crisi emergenziale per la Città di Palermo. La concretezza e rapidità di RAP e le attenzioni della Regione sempre in continuo dialogo col Sindaco e con lo scrivente hanno dato i risultati sperati.

Continua adesso l’impegno del Comune della SRR e di RAP per l’utilizzo dei fondi del PNRR che serviranno a portarci verso una piena attuazione dei principi dell’economia circolare.” “Continua l’impegno dell’amministrazione comunale sul tema dei rifiuti in attesa della realizzazione della settima vasca di competenza regionale, – conclude il Sindaco Leoluca Orlando – questo intervento è conferma della proficua collaborazione con tutte le istituzioni e consente di mettere in sicurezza la città di Palermo da una paventata emergenza rifiuti.”