Milano, la raccolta differenziata dell’umido si rafforza nei mercati scoperti della città

Martedì 26 luglio l’Assessora all’Ambiente e Verde, Elena Grandi con l’Amministratore Delegato di Amsa, Marcello Milani, hanno incontrato gli operatori presso il mercato di via Eustachi, per presentare la campagna mirata a una maggiore attenzione verso la raccolta differenziata nei mercati. L’iniziativa di sensibilizzazione coinvolgerà complessivamente 36 mercati scoperti

932
raccolta differenziata dell’umido

Prosegue l’azione congiunta dell’Amministrazione Comunale di Milano e di Amsa sulla raccolta differenziata dell’umido per sensibilizzare gli operatori commerciali attivi sui mercati scoperti a porre in essere comportamenti e abitudini più attente e rispettose dell’ambiente. Martedì 26 luglio l’Assessora all’Ambiente e Verde, Elena Grandi con l’Amministratore Delegato di Amsa, Marcello Milani, hanno incontrato gli operatori presso il mercato di via Eustachi, per presentare la campagna mirata a una maggiore attenzione verso la raccolta differenziata nei mercati. L’iniziativa di sensibilizzazione coinvolgerà complessivamente 36 mercati scoperti.

Partita nel 2018, ad oggi la raccolta differenziata ha superato la percentuale del 65% sulla totalità dei mercati comunali scoperti, coinvolgendo oltre 4500 banchi con particolare attenzione ai rifiuti organici, come scarti alimentari, piante e fiori, e agli imballaggi in carta, plastica e legno.

“Grazie allo sforzo aggiuntivo di operatori e Amsa, il sistema della raccolta differenziata ha raggiunto un importante risultato che mira a fare delle aree interessate dai mercati settimanali dei luoghi più sostenibili e più puliti, sia durante sia dopo le ore di mercato, facilitando e snellendo inoltre le operazioni di pulizia delle aree dopo la chiusura dei mercati”. Così l’Assessora all’Ambiente e Verde Elena Grandi che ha aggiunto: “In questi anni abbiamo avuto buoni risultati con questa modalità di raccolta che ha trovato il gradimento di addetti ai lavori e cittadini. Ora l’obiettivo è di migliorare le condizioni post-vendita, con una sensibile riduzione dei residui organici a terra, che vorrebbe dire tempi di pulizia più rapidi per restituire ancora più velocemente le aree mercatali alla città e al contempo ridurre lo spreco”.

“La raccolta differenziata nei mercati scoperti della città è una realtà consolidata da alcuni anni – ha spiegato Marcello Milani, Amministratore Delegato di Amsa – Questa nuova attività di sensibilizzazione, ideata e realizzata insieme all’Amministrazione Comunale, ha il fine di mantenere sempre alti gli standard di qualità delle frazioni che raccogliamo separatamente. Grazie al contributo di tutti i cittadini, Milano ha raggiunto risultati importanti confermandosi al 63% di raccolta differenziata in città e al 65% nei mercati. Iniziative come questa sono essenziali per diffondere la consapevolezza dei benefici di una gestione virtuosa dei rifiuti e aumentare ulteriormente la quota da avviare a recupero”.

Per facilitare le operazioni di differenziazione agli operatori è stato consegnato da un kit composto da una dotazione di sacchi biocompostabili da 70 litri e, per chi ne fosse sprovvisto, un portasacco in acciaio e, per banchi più grandi anche ulteriori anelli da fissare ai lati dei banconi. Gli imballaggi in plastica, cartone e legno vengono raccolti contemporaneamente da un automezzo Amsa e conferiti in un impianto di trattamento dove i materiali verranno separati e recuperati a valle delle operazioni di raccolta. Contestualmente Amsa sta distribuendo, attraverso gli ispettori del commercio, a tutti gli operatori mercatali coinvolti un volantino informativo nel quale vengono esplicitati i comportamenti corretti e le azioni da compiere come buttare i rifiuti organici solo negli appositi sacchi compostabili, piegare i cartoni in modo da ridurne il volume, separare e impilare le cassette di plastica e di legno accanto alla propria bancarella e pulire l’area utilizzata per la vendita.

Amsa con il suo personale sarà presente nei mercati per fornire agli operatori tutte le informazioni, segnalare eventuali problematiche inerenti la raccolta oltre a distribuire materiale informativo.