Milano Salvacibo sta raggiungendo le 140 tonnellate recuperate e redistribuite da mercati e Ortomercato

Le azioni promosse da Eco dalle Città e Comunità Nuova nei mercati del Municipio 6 (6 Salvacibo) e dalla Carovana Salvacibo all'Ortomercato di Milano producono risultati sociali e ambientali. Un nuovo soggetto inedito tra Economia circolare e Terzo Settore a Milano

3140

6Salvacibo: recupero e distribuzione delle eccedenze alimentari nel Municipio 6 di Milano

A partire dall’autunno 2019, grazie al contributo del Comune di Milano (Bando Periferie), dall’esperienza maturata da Comunità Nuova nel tessuto sociale del Municipio 6 e dalla competenza di Eco dalle Città nel recupero delle eccedenze, nasce Salvacibo&Antispreco, un progetto di cittadinanza attiva contro lo spreco.

Attivo nei quartieri Giambellino, Lorenteggio e Barona, il progetto si sviluppa attraverso azioni utili per salvare e distribuire il cibo che verrebbe altrimenti buttato nei mercati di Via Curiel, Via Ponti, Via Vespri Siciliani, Via Strozzi, Via Odazio e Via Della Rondine e in alcuni panifici e negozi di quartiere del Municipio 6. L’azione, ribattezzata anche 6Salvacibo, inizia circa un’ora prima della chiusura del mercato, quando i collaboratori e i volontari del progetto si recano dagli ambulanti per recuperare l’ortofrutta non più adatta alla vendita ma ancora edibile. La distribuzione gratuita e ad accesso libero viene effettuata direttamente sul mercato, e se possibile eventuali eccedenze vengono distribuite in altri luoghi del quartiere. Prima di recarsi al mercato un collaboratore si reca anche nei panifici della zona per intercettare il pane in esubero che va ad aggiungersi alla frutta e verdura recuperata.

Le cifre dell’attività di recupero sono considerevoli: in media nei mercati vengono recuperati 675 kg cibo a settimana. Un quantitativo notevole di rifiuti evitati che ha impatti sia ambientali sia sociali. Ogni settimana, infatti, si stima che vengano in questo modo aiutati più di 120 nuclei familiari del Municipio 6. Terminato il finanziamento del bando Periferie, l’attività prosegue con un contributo dell’8*1000 dell’Unione Buddisti Italiani e di QuBì Barona, finanziato da Fondazione Cariplo.

La Carovana Salvacibo si mette in moto nell’aprile 2020 – su iniziativa di Eco dalle Città – per far fronte alla crescente emergenza alimentare dovuta all’insorgere del Coronavirus e per intercettare le eccedenze ortofrutticole dell’ortomercato di Milano. Eco dalle Città si occupa della logistica con i grossisti che donano ortofrutta ancora in buono stato (ma magari difficilmente vendibile) e coordina l’andirivieni delle associazioni dei gruppi e delle parrocchie che vengono con loro auto e furgoni. La composizione della Carovana che si reca all’Ortomercato può cambiare a seconda dei giorni, la ventina di realtà che la compongono si alternano nelle giornate di mercoledì e venerdì. I quantitativi recuperati possono variare da 1 a 3 tonnellate a seconda delle giornate, per un totale di 113 tonnellate recuperate.

La successiva distribuzione del cibo recuperato cambia a seconda dell’associazione e del quartiere che si aggrega alla Carovana. Ci sono realtà che, con il cibo recuperato, preparano dei sacchetti con frutta e verdura che vengono distribuiti a domicilio casa per casa. Altre che distribuiscono questo cibo in punti organizzati, altre ancora che utilizzano questo cibo per confezionare pasti gratuiti. Grazie alle forze di tutti, riusciamo a condividere ortofrutta e solidarietà con oltre 1300 famiglie e circa 400 senza fissa dimora.
Anche Carovana Salvacibo è appoggiata per alcuni mesi dall’8*1000 dell’Unione Buddhisti Italiani.

Inoltre i due progetti, Carovana dall’Ortomercato e Giambellino Barona sono inoltre collegati dalla distribuzione settimanale di ortofrutta proveniente dall’Ortomercato a 50 famiglie del Municipio 6.

I prossimi passi di Milano Salvacibo

La rete che si è creata attorno a questa iniziativa ha iniziato a generare collaborazioni, ad aprire scenari futuri – carichi di aspettative migliori – che guardano oltre alle iniziative di sostegno alla povertà alimentare e spingono lo sguardo verso un orizzonte dove il ritrovarsi nei quartieri per attività non emergenziali sarà più importante di prima perché avremo maturato la coscienza di un’unità ritrovata nel momento dell’emergenza.

La Carovana Salvacibo è attualmente composta da Eco dalle Città, Comunità Nuova, Comunità Il gabbiano, Comitato Ponti-Molise-Calvairate, Parrocchia Sacro Cuore in Ponte Lambro, Caritas Parrocchiale Santi Quirico e Giulitta – Gudo Visconti, Zero5 laboratorio di utopie metropolitane cooperativa sociale, Associazione Alveare Milano, Gap Lodigiano, Spazio di Mutuo Soccorso, Il Cantiere, Mutuo Soccorso Aps, Macao, Le brigate volontarie per l’emergenze: Brigata Lena Modotti, Brigata Scighera, Brigata Ho Chi Minh, Brigata Solidarietà Popolare Milano Sud, Brigata Luigi Longo, Brigata Nori Brambilla.

Il progetto 6Salvacibo è attualmente condiviso con Gruppo scout Agesci 3 e 10, Bir.