Mobilità, a Bologna entro il 2026 127 bus a idrogeno

Arrivano nuovi veicoli a impatto zero grazie alla convenzione tra Comune, Tper ed Srm, che si aggiungono ad altri 41 mezzi precedentemente finanziati. I primi 34 bus arriveranno entro il 2024 per un investimento di oltre 90milioni di euro di fondi PNRR

653
Bologna bus idrogeno
Image by naeim a from Pixabay

Il Comune di Bologna ha firmato un accordo con Tper e Srm per rinnovare il parco veicoli del servizio di trasporto pubblico locale con mezzi ad emissioni zero, una delle azioni che rientra nel piano della Missione Bologna città climaticamente neutrale entro il 2030.

L’accordo prevede l’acquisto di 127 autobus alimentati a idrogeno entro il 30 giugno 2026, di cui almeno 34 entro fine 2024, e la realizzazione delle relative infrastrutture di supporto per un investimento di oltre 90 milioni di euro di fondi PNRR ottenuti dal Comune di Bologna.

Tper gestirà le procedure per l’acquisto dei veicoli e provvederà ai lavori per le stazioni di ricarica di idrogeno presso i propri depositi cittadini. I nuovi mezzi andranno a sostituire prioritariamente autobus alimentati a gasolio di classe Euro II e III, quindi successivamente bus a gasolio e metano di classe Euro IV, V ed Euro V EEV.

Srm, proprietaria delle reti essenziali per il trasporto pubblico, avrà il compito di vigilare sul rispetto delle scadenze, in particolare sulle infrastrutture, ed effettuerà periodicamente dei controlli sullo stato di avanzamento degli interventi.

In primavera era stato già dato il via libera ad altri due investimenti per il rinnovo del parco bus: uno da 11,66 milioni per l’acquisto di 17 mezzi (fondi PSNMS “alto inquinamento”) e un altro 20,23 milioni per 24 mezzi (fondi PON-REACT EU). I 127 bus a idrogeno che prenderanno servizio nei prossimi quattro anni andranno quindi ad aggiungersi agli altri mezzi a emissioni zero previsti e a quelli già in funzione in città – tra cui filobus ed e-bus – e rappresenteranno un tassello fondamentale nel percorso di decarbonizzazione urbana che punta alla neutralità climatica entro il 2030 di Bologna, inserita tra le 100 città europee a impatto climatico zero nell’ambito della missione Horizon Europe della Commissione Europea.