Proposta di regolamento sugli imballaggi: Assobioplastiche esprime forte sconcerto

Breve nota dell'Associazione Italiana delle Bioplastiche e dei Materiali Biodegradabili e Compostabili sulla proposta di regolamento sugli imballaggi da parte della Commissione europea: “Scelte arbitrarie e non scientifiche che penalizzano le nuove filiere e l’innovazione tecnologica e ambientale. Chiediamo un ripensamento complessivo del testo che metta i materiali di imballaggio tutti sullo stesso piano"

748
Claudio Furlan / LaPresse

Assobioplastiche esprime forte sconcerto in merito alla proposta di Regolamento sugli imballaggi che la Commissione europea intenderebbe presentare entro il 30 novembre.

L’Associazione ritiene che detta proposta violi una serie di principi basilari come quelli di proporzionalità e neutralità tecnologica.

C’è un problema di merito (penalizzazione di alcuni materiali di imballaggio rispetto ad altri), ma anche di metodo nel processo decisionale europeo, quando si adottano normative così impattanti sulle imprese, il tessuto economico-sociale e i cittadini, in assenza di solidi agganci su chiare e trasparenti valutazioni scientifiche.

Chiediamo un ripensamento complessivo del testo che metta i materiali di imballaggio tutti sullo stesso piano senza penalizzare le nuove filiere che sono proprio quelle che, anche grazie al contributo dell’UE stessa, più hanno investito sotto il profilo dell’innovazione tecnologica e ambientale.