Le perdite economiche dovute alla crisi climatica in Europa hanno raggiunto circa mezzo trilione di euro negli ultimi 40 anni

Lo documenta un'analisi dell'Agenzia europea dell'ambiente (EEA) pubblicata venerdì 4 febbraio. Sono le conseguenze di eventi meteorologici estremi come tempeste, ondate di caldo e inondazioni che hanno anche provocato tra 85.000 e 145.000 vittime umane in tutto il vecchio continente. Meno di un terzo delle perdite economiche era assicurato

1092

L’impatto dei cambiamenti climatici è ormai sotto gli occhi di tutti. Secondo l’ultima indagine dell’Agenzia europea dell’ambiente (EEA) pubblicata oggi, le perdite economiche in Europa dovute a condizioni meteorologiche e climatiche estreme hanno raggiunto circa mezzo trilione di euro negli ultimi 40 anni e provocato tra 85.000 e 145.000 vittime umane. Circa il 3% di tutti questi eventi è stato responsabile del 60% delle perdite secondo il briefing dell’EEA “Perdite economiche e incidenti mortali da eventi meteorologici e climatici in Europa”, che insieme a un indicatore dell’Agenzia europea dell’ambiente aggiornato valuta i dati sulle perdite economiche dovute a eventi meteorologici e climatici estremi.

Sebbene sia generalmente accettato che le perdite economiche globali siano aumentate nell’ultimo mezzo secolo (studi dell’Organizzazione meteorologica mondiale), i dati disponibili non mostrano una chiara tendenza delle perdite per l’Europa negli ultimi 4 decenni. La valutazione copre il periodo 1980-2020 e 32 paesi membri del EEA (compresi tutti i 27 Stati membri dell’UE, più Norvegia, Svizzera, Turchia, Islanda e Liechtenstein).

Adattamento cruciale per la riduzione del rischio di catastrofi, aumentando la resilienza

L’obiettivo del briefing e dell’indicatore dell’EEA è quello di fornire più informazioni basate sui dati sull’impatto di eventi meteorologici estremi e sui rischi legati al clima come ondate di caldo, forti precipitazioni e siccità e sull’aumento del rischio che rappresentano per i beni, le infrastrutture e la salute umana. Questi eventi, che dovrebbero aumentare a causa del cambiamento climatico, stanno già causando notevoli perdite economiche. Il monitoraggio dell’impatto di tali eventi è importante per informare i responsabili politici in modo che possano migliorare l’adattamento ai cambiamenti climatici e le misure di riduzione del rischio di catastrofi per ridurre al minimo i danni e la perdita di vite umane.

La strategia di adattamento dell’UE mira a rafforzare la resilienza e a garantire che l’Europa sia meglio preparata a gestire i rischi e ad adattarsi agli impatti dei cambiamenti climatici. Colmare il divario di protezione del clima aumentando la copertura assicurativa può essere uno degli strumenti chiave di gestione del rischio finanziario per aumentare la capacità delle società di riprendersi dai disastri, ridurre la vulnerabilità e promuovere la resilienza. Gli Stati membri dell’UE stanno inoltre rispondendo mettendo in atto politiche di adattamento nazionali, comprese valutazioni del rischio climatico a livello nazionale, regionale e settoriale.

Risultati chiave

L’Europa sta affrontando perdite economiche e decessi dovuti a condizioni meteorologiche e climatiche estreme ogni anno e in tutte le regioni d’Europa. Secondo la valutazione dell’EEA, l’impatto economico di questi eventi varia considerevolmente da paese a paese.

Per i paesi membri dell’EEA, le perdite economiche totali dovute a eventi meteorologici e climatici sono state comprese tra 450 e 520 miliardi di euro (nel 2020 euro), per il periodo 1980-2020.

  • In termini assoluti, le maggiori perdite economiche nel periodo 1980-2020 si sono registrate in Germania, seguita dalla Francia e poi dall’Italia.
  • Le perdite pro capite più elevate sono state registrate in Svizzera, Slovenia e Francia e le perdite per area più elevate in Svizzera, Germania e Italia (sulla base dei dati CATDAT).
  • Circa il 23% dei danni totali era assicurato, anche se questo variava considerevolmente tra i paesi, dall’1 % in Romania e Lituania al 56 % in Danimarca e al 55 % nei Paesi Bassi (sulla base dei dati CATDAT).

La valutazione ha anche rilevato che la quantità schiacciante delle vittime – oltre l’85% nel periodo di 40 anni – era dovuta alle ondate di caldo. L’ondata di caldo del 2003 ha causato la maggior parte delle vittime, rappresentando tra il 50 e il 75% di tutte le vittime dovute a eventi meteorologici e climatici negli ultimi quattro decenni, secondo i dati. Ondate di caldo simili dopo il 2003 hanno causato un numero significativamente inferiore di vittime, poiché le misure di adattamento sono state adottate in diversi paesi e da diversi attori.

Sullo sfondo

Nonostante le raccomandazioni esistenti della Commissione europea e di altre organizzazioni internazionali, nella maggior parte degli Stati membri dell’UE non esiste attualmente alcun meccanismo per raccogliere, valutare o segnalare le perdite economiche dovute a eventi meteorologici e climatici estremi in modo omogeneo e con dettagli sufficienti per sostenere politiche di adattamento. Tuttavia, alcune società private raccolgono questi dati e l’EEA ha accesso a 2 di queste fonti private con dati per il periodo 1980-2020: NatCatSERVICE di Munich Re e CATDAT di Risklayer.