Break free from plastic a favore del trattato globale contro la plastica deciso dall’Onu

I governi intraprendono azioni per affrontare l’inquinamento in ogni fase, dall'estrazione, produzione, uso e smaltimento alla bonifica. Von Hernandez, coordinatore globale, Break Free From Plastic: “Questa decisione fondamentale pone le basi per un approccio all-inclusive per risolvere la crisi dell'inquinamento da plastica”

312

Il movimento globale Break free from plastic si esprime con favore all’adozione di un mandato storico che chiede lo sviluppo di un trattato globale sulla plastica, che è stato adottato al termine della ripresa della quinta sessione dell’Assemblea delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEA 5.2).

Il mandato “Fine dell’inquinamento da plastica: verso uno strumento internazionale legalmente vincolante“, pone le basi per la negoziazione da parte dei governi di un trattato completo e giuridicamente vincolante che riguarderà le misure lungo l’intero ciclo di vita della plastica. Il mandato servirà a guidare lo sviluppo del trattato stesso, che un Comitato di negoziazione internazionale (INC) avrà il compito di redigere nei prossimi due anni.

Oltre a gettare le basi per un trattato legalmente vincolante che consideri l’intero ciclo di vita della plastica, dall’estrazione di combustibili fossili, alla produzione e al consumo di plastica, ai rifiuti post-consumo, il mandato stabilisce anche un ampio campo di applicazione per il trattato globale da coprire tutto l’inquinamento da plastica in qualsiasi ambiente o ecosistema, che va oltre i precedenti concetti di “plastica marina” che sarebbero stati insufficienti per affrontare la vera portata della crisi della plastica.

L’inquinamento da plastica non si ferma alle frontiere. Le particelle di plastica tossiche esistono nell’acqua che beviamo, nell’aria che respiriamo e nelle parti più remote del pianeta. Particelle microplastiche sono state osservate anche nella placenta umana materna. La plastica rilascia anche sostanze chimiche pericolose che possono danneggiare la salute umana, tra cui l’interruzione del sistema endocrino, problemi riproduttivi e una serie di impatti potenzialmente letali. Ogni anno vengono prodotte oltre 460 milioni di tonnellate di plastica e il 99% della plastica è prodotta da combustibili fossili. Ciò significa che affrontare la crisi della plastica alla fonte, ovvero la produzione di plastica, è anche un elemento importante per affrontare la crisi climatica.

Un recente sondaggio globale ha rivelato che il 75% delle persone desidera che la plastica monouso venga bandita il prima possibile per tutti questi motivi e altro ancora. Un trattato globale sulla plastica rappresenterebbe un punto di svolta nella lotta all’inquinamento da plastica, come richiesto da oltre un milione di persone in tutto il mondo che hanno presentato una petizione ai delegati del governo prima dell’incontro di Nairobi. Questa dimostrazione di sostegno pubblico è supportata anche da 450 esperti scientifici, 1.000 organizzazioni della società civile e 70 imprese.

Sfortunatamente, i negoziati per un trattato forte che copra l’intero ciclo di vita della plastica stanno anche affrontando la resistenza delle aziende petrolchimiche e di combustibili fossili che si oppongono alle proposte di limitare la produzione di plastica, che è destinata a raddoppiare nei prossimi due decenni.

Questa decisione fondamentale pone le basi per un approccio all-inclusive per risolvere la crisi dell’inquinamento da plastica“, ha affermato Von Hernandez, coordinatore globale, Break Free From Plastic. “Ricevere il riconoscimento che questo problema deve essere affrontato lungo l’intera catena del valore della plastica è una vittoria per i gruppi e le comunità che da anni si confrontano con le trasgressioni e le false narrazioni dell’industria della plastica. Il movimento #breakfreefromplastic è pronto a contribuire in modo significativo a questo processo e contribuire a garantire che il trattato risultante preverrà e fermerà davvero l’inquinamento da plastica”.