Edilizia sostenibile ed eco-friendly: dall’uso pubblico a quello privato, sempre con attenzione a materiali ecologici

Agire il prima possibile in questo campo è fondamentale, sia per quanto riguarda la costruzione di abitazioni private che di edifici atti a ospitare strutture ricettive o dedicate all'intrattenimento: ecco perciò tutti i passi in avanti che si stanno compiendo in questa direzione, sia per gli edifici destinati al pubblico, che per quelli occupati dai privati, con un focus particolare sui materiali più innovativi e le soluzioni più sostenibili

574

Quello della bioedilizia e dell’edilizia sostenibile è uno dei temi più discussi del momento e in futuro avrà una rilevanza sempre maggiore. Agire il prima possibile in questo campo è fondamentale, sia per quanto riguarda la costruzione di abitazioni private che di edifici atti a ospitare strutture ricettive o dedicate all’intrattenimento: ecco perciò tutti i passi in avanti che si stanno compiendo in questa direzione, sia per gli edifici destinati al pubblico, che per quelli occupati dai privati, con un focus particolare sui materiali più innovativi e le soluzioni più sostenibili.

L’edilizia sostenibile per le abitazioni private: i materiali naturali migliori e le loro funzioni

Uno degli ambiti in cui l’edilizia presta più attenzione “a essere green” è quello della rigenerazione o della costruzione di edifici destinati all’abitazione di privati. Venendo infatti meno i vincoli dell’edilizia specifica per ospitare attività e servizi che riuniscono numeri di persone notevoli come cinema e teatri, il privato che sceglie di costruire una casa eco-friendly trova a sua disposizione numerose possibilità per selezionare i materiali meno impattanti sull’ambiente e più efficienti anche dal punto di vista energetico. Le novità più interessanti provengono, come prevedibile, tutte dal mondo della natura: tra i “nuovi” materiali per la costruzione di case si trovano infatti il legno e la fibra di legno (riciclabile, di origine completamente naturale, e senza la presenza di sostanze tossiche al suo interno), ideale per la costruzione di case grazie alla sua resistenza termica molto alta, ma anche il sughero (adatto per l’isolamento dei pavimenti grazie alla sua resistenza alla muffa), la fibra di cocco e l’argilla espansa.

Intrattenimento eco-friendly: dall’alternativa digitale alle strutture altamente sostenibili

Quando si parla di edilizia eco-friendly, come prima accennato, a essere coinvolte sono anche le strutture dedicate a ospitare servizi e attività per un significativo numero di persone rispetto a quello previsto per le mura domestiche, come cinema, casinò, teatri e ristoranti. I traguardi raggiunti in questo settore sono sempre più numerosi, e partono dall’adattamento alle necessità del “pubblico”, studiato per venire incontro alle esigenze in modo diretto e pratico. In molti casi, infatti, la scelta più ecologica è quella di rivolgersi direttamente alle alternative digitali ideate per le tante attività amate dal grande pubblico e destinate all’intrattenimento: ecco allora il fiorire di piattaforme dedicate allo streaming video come NOWtv, Chili e RaiPlay, ognuna delle quali ha un proprio catalogo dedicato e aggiornato, con le ultime novità in fatto di film, serie TV, documentari e trasmissioni esclusive, oppure di piattaforme rivolte al gioco digitale, come per esempio giochi di carte come il blackjack in tutte le sue varianti, come il blackjack europeo e il “Vegas Strip Blackjack”, oppure a tanti altri tipi di intrattenimento, grazie a interfacce di gioco sofisticate e innovative. Quando l’alternativa digitale non c’è, non rimane che dedicarsi alla costruzione di strutture che rispettino tutti i parametri necessari per poter essere definite sostenibili ed eco-friendly: ecco allora la scelta di materiali appartenenti alla bioedilizia, l’uso di fonti di energia rinnovabili per le forniture elettriche e idriche, l’adozione di sistemi per limitare lo spreco di acqua e corrente (dall’illuminazione a LED proposta dall’e-commerce di Lampada Diretta al posto di quella con lampadine a incandescenza, a rubinetti con timer in luogo dei rubinetti tradizionali) e persino la scelta di menù per le strutture che prevedono anche la ristorazione attenti alla sostenibilità, che contengano prodotti il più possibile a km 0 e con pietanze che abbiano un impatto ambientale il meno pesante possibile.

I nuovi materiali ecosostenibili: il fenomeno delle case passive e l’impatto positivo delle fonti rinnovabili

Un caso molto particolare di uso innovativo di fonti naturali è quello delle cosiddette “case passive”, progettate in Germania già una trentina di anni fa e ora diffuse anche nel resto del mondo, che grazie all’utilizzo di paglia come materiale isolante, non hanno bisogno di sistemi di riscaldamento interni. Va sottolineato che, oltre a essere sicura e resistente, la paglia è un materiale biologico al 100% e permette anche di dissipare il vapore verso l’esterno, oltre che fornire un elevato isolamento acustico. L’uso di fonti rinnovabili consente quindi di ridurre anche gli sprechi e, oltre ad avere un impatto notevole dal punto di vista della sostenibilità, possiede anche un lato positivo non indifferente per quanto riguarda i costi e soprattutto le bollette per le proprie utenze, senza contare la capacità che l’uso di fonti rinnovabili ha nel ridurre le emissioni di anidride carbonica e lo sprigionarsi di sostanze tossiche e nocive, come riportato da Legambiente.

Che si tratti di edifici pubblici o case di privati, perciò, un’edilizia sostenibile e innovativa è possibile: partendo dalla progettazione, grazie all’impiego di materiali naturali, ecologici e anche economici, fino all’utilizzo vero e proprio che se ne fa, grazie a sistemi mirati a risparmiare il più possibile, in modo che le scelte ecologiche si rivelino vantaggiose non solo per l’ambiente, ma anche per le proprie finanze.