Italia e Senegal in difesa dell’ambiente. Leuz a Torino per incontrare i ragazzi di Quartier Circolare

Nel pomeriggio del 15 giugno, presso lo Spazio SCiA 131 in via Sospello 131/a, Leuz incontrerà i giovani del progetto Quartier Circolare per confrontarsi con loro sulle tematiche dei cambiamenti climatici, migrazioni e attivismo. Giovedì 16 giugno Leuz si esibirà in concerto all’interno dell’Afrovision Festival, organizzato dall’Associazione Renken, presso il Bunker di Via Niccolò Paganini 0/200 a Torino

1766

Quando si parla di cambiamenti climatici e ambiente non si può non avere uno sguardo globale. Per questo, il progetto Quartier Circolare – giovani protagonisti del cambiamento, cofinanziato dall’Unione Europea e dalla Regione Piemonte nell’ambito del Progetto Youth Appeal e Agenda 2030 – Mindchangers, ha previsto un percorso di formazione parallelo per un gruppo di giovani di Torino, in particolare della Circoscrizione V e un gruppo a Mbao, nella periferia di Dakar, in Senegal. Due periferie del mondo che si trovano ad affrontare problematiche ambientali simili e diverse, ma che vedono l’attivazione di giovani eco-attivisti impegnarsi per un futuro sostenibile.

Nel corso del progetto ci sono state alcune occasioni di confronto a distanza tra i due gruppi e nelle prossime settimane ci sarà modo di incontrarsi di persona: in Italia con la visita di Leuz Diwane G, rapper molto conosciuto e attivista, partner del progetto e in Senegal con un viaggio di scambio e formazione nel mese di agosto.

Nel pomeriggio del 15 giugno, presso lo Spazio SCiA 131 in via Sospello 131/a, Leuz incontrerà i giovani del progetto Quartier Circolare per confrontarsi con loro sulle tematiche dei cambiamenti climatici, migrazioni e attivismo. Giovedì 16 giugno Leuz si esibirà in concerto all’interno dell’Afrovision Festival, organizzato dall’Associazione Renken, presso il Bunker di Via Niccolò Paganini 0/200 a Torino. Il gruppo di Quartier Circolare Italia salirà sul palco, dopo il concerto, per non perdere l’occasione di raccontare e stimolare più persone possibili sulle tematiche ambientali che riguardano il futuro di tutti.

Italia e Senegal si incontrano in difesa dell’ambiente

Con il progetto Quartier Circolare, LVIA ha messo in relazione le attività che il progetto svolge in Italia con quelle che realizziamo con i giovani di Mbao. Mbao è una zona a forte rischio ambientale poiché periferica e soggetta ad inurbamento a causa dell’installazione di alcune industrie. Dal punto di vista naturalistico è un luogo da preservare poiché qui si trova l’ultima grande foresta della regione di Dakar. In quest’area, l’oceano incontra alcuni stagni di acqua dolce dove crescono le mangrovie, piante preziose per l’ecosistema che assorbono grande quantità di anidride carbonica e la conservano per secoli nel terreno acquifero. Inoltre proteggono le coste da erosione, inondazioni e tempeste grazie alle loro fitte e profonde radici. 

“Da 4 anni lavoriamo insieme all’Associazione locale Diwane G Management, che è nata attorno alla figura leader di Leuz Diwane G.” – racconta Silvia Lami, Rappresentante LVIA in Senegal – “Grazie a questa collaborazione, riusciamo a coinvolgere facilmente i giovani della città e insieme realizziamo attività ed eventi di sensibilizzazione per tutta la cittadinanza, ma anche pulizia delle spiagge e riqualificazione degli spazi urbani.”

Il tema ambientale è sicuramente al centro del dibattito pubblico in Senegal. Ci sono delle problematiche importanti sulle quali è difficile agire, ma insieme ai giovani attivisti si prova a portare avanti un cambiamento che parte dal basso e che mira a cambiare delle abitudini che possono portare ad un miglioramento concreto in tema di sostenibilità urbana. LVIA lavora anche con le autorità locali per diffondere buone pratiche sulla gestione dei rifiuti e sul riciclo.

Parlare di ambiente significa anche parlare di migrazioni: il documentario Feneen in tour per l’Italia

Nel mese di giugno Leuz Diwane G sarà impegnato in un tour in tutta Italia per la promozione della canzone e del documentario Feneen (Altrove in wolof) che parlano di frontiere, interne ed esterne, di un’identità mista e contaminata, della ricerca del proprio posto nel mondo. Le due opere omonime sono state prodotte all’interno del progetto MIGRA realizzato da LVIA insieme a CISV e COSPE onlus con il contributo di Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – Ufficio di Dakar

Gli appuntamenti:

  1. 18/06 Genova, SUQ – Festival e teatro per il dialogo interculturale, Live Leuz Diwane G e F.U.L.A., deejay Frank Sativa, presentazione di Feneen
  2. 23/06 Roma, COOPERA Conferenza Nazionale della Cooperazione allo Sviluppo, Live Leuz Diwane G e F.U.L.A.
  3. 24/06 Roma, COOPERA Conferenza Nazionale della Cooperazione allo Sviluppo, presentazione del documentario Feneen
  4. 25/06 Ventotene, Festival dell’Europa Solidale e del Mediterraneo, Live Leuz Diwane G
  5. 28/06 Palermo, Convegno Europeo CISS, presentazione del documentario Feneen

Vuoi più informazioni sul progetto Quartier Circolare? Guarda le nostre interviste